POLLO ARROSTO CON FAGIOLI SAPORITI E RISO

Un piatto che mangiavo sempre in Republica Dominicana, è semplice e tipico di tutta l’America latina. In spagnolo si chiama pollo guisado con abichuela y arroz. A me piace moltissimo e ho voluto cucinarlo a modo mio, sapendo ovviamente che per poterlo gustare con il suo sapore unico, dovrei tornare da loro (ci farò sicuramente un pensierino).

  • Preparazione: 12 Ore
  • Cottura: 50 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4 Porzioni
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Sovracoscie di pollo senza pelle (la quantità dipende dalla fame) 8/12
  • Fagioli borlotti 4 pugni
  • Riso integrale Felix Grandiriso 200/240 g
  • Cipolla bianca 1/2
  • Peperoncino secco
  • Paprika
  • Vino bianco 1 bicchiere
  • Brodo vegetale (Fatto in casa) 1 l
  • Prezzemolo
  • Rosmarino
  • Sale
  • Pepe
  • Olio extravergine d'oliva

Preparazione

  1. Non è un piatto difficile, ma richiede una lunga preparazione.

    Innanzitutto, ammollare i fagioli secchi per 12 ore in una ciotolina d’acqua e poi farli bollire per una mezz’oretta.

    Dopodichè, tritare la cipolla finemente, soffriggerla con pochissimo olio e aggiungere i fagioli. Allungare con il brodo e cuocere per circa 20 minuti, unendo anche sale, pepe, il prezzemolo tritato e il peperoncino secco.

    Nel frattempo, incidere le sovracosce nell’estremità superiore e condire con paprika, sale, pepe e rosmarino. Bagnarlo con il vino bianco e un po’ di brodo e cuocere in forno statico a 250° per 40 minuti. Girare un paio di volte, aggiungendo eventualmente altro brodo.

    Continuare la preparazione facendo bollire il riso per il tempo indicato sulla confezione. Scolare e condire con un filo d’olio evo, sale e pepe.

    Infine, impiattare il tutto, tenendo le tre pietanze separate.

    Servire con una bella birra fresca o una spremuta dolce di limone.

     

Note

Cucina Etnica, Piatto unico, Ricette di carne

Informazioni su sedanocarotacipolla

Fino ai vent'anni non mangiavo niente. Solo pasta al pomodoro e bistecca. Niente verdure, formaggi, legumi... Poi ho deciso di andare a convivere e ho iniziato a pensare che non potevo far morire di fame quel poveretto del mio compagno :') Così ho iniziato a sperimentare qualche ricetta, abbinare gli ingredienti in modo creativo e soprattutto ho cominciato ad assaggiare. Mi si è aperto un mondo: la cucina ora è il posto dove mi rilasso dopo una giornataccia al lavoro, dove fantastico e provo nuovi piatti e gusti.

Precedente SUPPLì DI RISO CON SCAMORZA AFFUMICATA E TRITO MEDITERRANEO Successivo SPAGHETTI DI RISO CON VERDURE E SALSA DI SOIA

Lascia un commento