LE MIE EMPANADAS AL FORNO

Queste empanadas al forno sono un piatto tipico dell’America Latina. Non assicuro che la mia ricetta sia fedele all’originale perchè purtroppo non vivo in quella meravigliosa parte del mondo. Ho aggiunto un tocco filante con del formaggio tipo galbanino.

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    45 minuti
  • Porzioni:
    5 empanadas
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

Per la pasta

  • Acqua 75 ml
  • Farina 0 170 g
  • Sale Un pizzico
  • Olio extravergine d’oliva 1 cucchiaio

Per il ripieno

  • Macinata di suino 250 g
  • Cipolla 1/2
  • carota 1
  • Zucchina 1
  • Peperone rosso 1/2
  • Formaggio tipo galbanino 5 fette
  • Paprika dolce 2 cucchiai
  • Paprika forte 1/2 cucchiaio
  • Peperoncino fresco
  • Brodo vegetale (facoltativo)
  • Sale
  • Pepe
  • Olio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. Per prima cosa, tritare tutte le verdure. Dopodichè, soffriggere il peperoncino e la cipolla fino a doratura.

    Dopo qualche minuto, unire la carne e le verdure rimanenti e cuocere a fuoco medio-basso per una mezz’ora. Unire la paprika dolce e quella forte, sale e pepe (Allungare con il brodo se si asciuga troppo ma evitare che il ripieno sia troppo liquido se no si rischia di rompere la pasta).

    Nel frattempo, preparare la pasta, unendo gli ingredienti fino a formare un panetto omogeneo. Poi, dividerlo in 5 palline che stenderemo fino ad ottenere un cerchio sottile (per la forma aiutarsi con un coppapasta).

    Quando il ripieno è pronto, farcire le empanadas, aggiungendo una fettina di formaggio. Dopodichè chiuderle unendo i bordi e ripiegandoli su se stessi.

    Infine, infornare per 15 min a 190° ventilato + 5 min di grill medio.

    Servire con salse a piacere.

Antipasti, Cucina Etnica, Piatto unico

Informazioni su sedanocarotacipolla

Fino ai vent'anni non mangiavo niente. Solo pasta al pomodoro e bistecca. Niente verdure, formaggi, legumi... Poi ho deciso di andare a convivere e ho iniziato a pensare che non potevo far morire di fame quel poveretto del mio compagno :') Così ho iniziato a sperimentare qualche ricetta, abbinare gli ingredienti in modo creativo e soprattutto ho cominciato ad assaggiare. Mi si è aperto un mondo: la cucina ora è il posto dove mi rilasso dopo una giornataccia al lavoro, dove fantastico e provo nuovi piatti e gusti.

Precedente SPAGHETTI AL SUGO DI PEPERONI E BASILICO CON CRUMBLE DI PANE AL POMODORO E POMODORI BRASATI Successivo POLPETTE DI TACCHINO, ZUCCHINE E ZAFFERANO - SUPERLIGHT

Lascia un commento