GNOCCHETTI GIALLI CON BRESAOLA E FIORI DI ZUCCA

Questa ricetta è nata da una necessità di svuotare il frigo e per accontentare il mio compagno che adora i fiori di zucca (e come dargli torti, sono buonissimi!)

Ho provato ad alternare anche con il riso, ovviamente eliminando la panna. Preferisco ancora questa versione! 🙂

  • Preparazione: 10/15 Minuti
  • Cottura: 10 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 PERSONE
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Gnocchetti di patate 500 g
  • Bresaola di manzo a julienne 60 g
  • Fiori di zucca 8
  • panna chef leggera 250 ml
  • Bustina di zafferano 1
  • Scalogno 1/4
  • Olio extravergine d'oliva
  • Sale
  • Pepe

Preparazione

  1. Lavare con delicatezza e pulire i fiori di zucca, eliminando il pistillo interno e il coperchio inferiore. Mettere da parte, lasciandoli asciugare bene su uno scottex.

    Dopodichè, tritare lo scalogno e soffriggerlo per pochi minuti, aggiungere la bresaola e far rosolare. Aggiungere lo zafferano stemperato e la panna, salare e pepare.

    Cuocere i fiori di zucca per qualche minuto al vapore. Per un risultato ancora più gustoso, potete friggerli in olio evo.

    Nel frattempo, portare ad ebollizione una pentola d’acqua e salare, buttare gli gnocchi. Scolarli quando vengono a galla e mantecarli con la bresaola.

    Impiattare mettendo due fiori aperti per piatto, aggiungere gli gnocchi e spolverare con abbondante pepe.

    * In tutti i miei piatti uno la panna leggera perchè la trovo molto più liquida rispetto a quella classica e a mio parere, rende il tutto meno pesante.

Note

Se vi piacciono gli gnocchi, provate anche queste Chicche tricolori ai funghi

Senza categoria

Informazioni su sedanocarotacipolla

Fino ai vent'anni non mangiavo niente. Solo pasta al pomodoro e bistecca. Niente verdure, formaggi, legumi... Poi ho deciso di andare a convivere e ho iniziato a pensare che non potevo far morire di fame quel poveretto del mio compagno :') Così ho iniziato a sperimentare qualche ricetta, abbinare gli ingredienti in modo creativo e soprattutto ho cominciato ad assaggiare. Mi si è aperto un mondo: la cucina ora è il posto dove mi rilasso dopo una giornataccia al lavoro, dove fantastico e provo nuovi piatti e gusti.

Precedente PENNE ALL'ARRABBIATA Successivo LEGUMI AL POMODORO E ERBE AROMATICHE

Lascia un commento