CONCHIGLIONI RIPIENI DI CREMA DI ASPARAGI E PANCETTA

Un’idea alternativa alla classica pasta al forno. Nella mia versione ho usato la sottiletta perchè non amo la besciamella, ma potete sostituirla o usare entrambe.

Ho utilizzato i conchiglioni giganti perchè ho trovato questi al supermercato, ma si prestano molto (se non addirittura ancora di più) i paccheri.

Le porzioni non sono abbondanti perchè solitamente servo sempre anche il secondo.

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    40 minuti
  • Cottura:
    50 minuti
  • Porzioni:
    8 porzioni piccole
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Conchiglioni giganti 500 g
  • Asparagi puliti 1200 g
  • Ricotta 250 g
  • Pancetta dolce a dadini 200 g
  • Sottilette (oppure 300 ml di besciamella) 6
  • Ricotta salata grattuggiata 100 g
  • Parmigiano reggiano grattuggiato 150 g
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale
  • Pepe

Preparazione

  1. Accendere il forno a 250°

    Cominciamo, facendo bollire gli asparagi per circa 10/15 minuti. Scolarli e farli raffreddare.

    In abbondante acqua salata, cuocere la pasta e dopo averla scolata, metterla in una teglia e condirla con un filo di olio.

    Frullare la verdura ed amalgamarla con la ricotta, un cucchiaio di olio, sale, pepe e una bella manciata di parmigiano grattuggiato.

    Dopodichè, con l’aiuto di una sac à pochè, riempire i conchiglioni con il composto. E’ molto importante non lasciare pezzi troppo vuoti, in questo modo la pasta non resterà secca.

    Aggiungere nella teglia le sottilette a pezzettini, oppure la besciamella. Cospargere con il formaggio grattuggiato rimanente.

    Infornare per 15/18 di minuti.

    Nel frattempo, rosolare per bene la pancetta.

    Completare la cottura della pasta con qualche minuto di grill e servire con una cucchiaiata di pancetta croccante.

Note

E per secondo? Provate lo Spezzatino ai funghi

Piatto unico, Primi piatti, Ricette di verdura

Informazioni su sedanocarotacipolla

Fino ai vent'anni non mangiavo niente. Solo pasta al pomodoro e bistecca. Niente verdure, formaggi, legumi... Poi ho deciso di andare a convivere e ho iniziato a pensare che non potevo far morire di fame quel poveretto del mio compagno :') Così ho iniziato a sperimentare qualche ricetta, abbinare gli ingredienti in modo creativo e soprattutto ho cominciato ad assaggiare. Mi si è aperto un mondo: la cucina ora è il posto dove mi rilasso dopo una giornataccia al lavoro, dove fantastico e provo nuovi piatti e gusti.

Precedente GNOCCHETTI SARDI ALLO SCOGLIO CON PISELLI, ZAFFERANO E PAPRIKA Successivo RISOTTO AI FUNGHI PORCINI

Lascia un commento