i Pancakes che si credono torta

tutto facebook e instagram, nonchè mia madre, le mie amiche e il mio ragazzo, se ne sono accorti: sono follemente innamorata dei pancake!

foto 3

dalla prima volta che ho fatto i pancakes non sono più riuscita a farne a meno, e visto che la voglia di cucinare è tanta ma il tempo disponibile, a causa dello studio, poco, ho voluto fare questa torta.. velocissima da fare e altrettanto veloce a sparire!
semplicemente si tratta di fare diversi pancake e poi impilarli farcendoli di marmellata.

ingredienti:
✿ 300 gr farina 00
✿ 6 cucchiaini rasi di lievito per dolci
✿ 420 ml di latte scremato (ma va bene anche quello intero o parzialmente scremato)
✿ due cucchiaini rasi di fruttosio (o tre di zucchero)
✿ mezzo cucchiaino raso di sale fino
✿ mezzo vasetto di marmellata (io ho usato quella della rigoni senza zuccheri aggiunti ai
mirtilli neri di bosco
olio di semi qb.
zucchero a velo per spolverare qb.

preparazione:
in una ciotola capiente mescolate la farina con lo zucchero, il sale ed il lievito. Poi aggiungete a filo il latte cercando di formare meno grumi possibile.
In una padella antiaderente versate qualche goccia di olio di semi e poi con un foglio di scottex spargetelo bene per tutta la padella. Fate scaldare la padella a fuoco moderato e, quando sarà ben calda, con un mestolo versateci un pò di composto per formare il primo pancake. la larghezza potete deciderla voi, io gli ho fatti di diametro di circa 15 cm. Attenzione a non usare troppo impasto se no i pancake vengono troppo alti e rimangono pesanti e un pò crudi dentro.
Quando la superficie del pancake si sarà ricoperta di bolle è il momento di girarlo utilizzando una spatola di gomma. Fate cuocere ancora qualche minuto per far dorare il pancake, poi toglietelo dalla padella e ponetelo su di un piatto. A questo punto con una spatola spalmateci sopra abbondante marmellata (o la nutella, insomma, quello che preferite) e ripetete l’operazione per il pancake successivo, che andrete a porre sopra al primo pancake,e così via fino a finire l’impasto e formare l’ultimo pancake, che non ricoprirete di marmellata ma spolverizzerete con abbondante zucchero a velo (o, se preferite, cacao o cannella).
Mettete in frigo per un’oretta per far raffreddare e compattare tutto e poi servite, magari accompagnata con del gelato.

 

foto 1

 

biscotti al cioccolato con cuore morbido di Jamie Oliver

anche io sono stata contagiata dalla Jamie Oliver mania.. adoro le sue ricette!

IMG_0649

la ricetta originale per questi biscotti la potete trovare qui.
questi biscotti sono dei deliziosi dolcetti al cacao con un cuore morbido e goloso di cioccolato. Io ho usato sia cioccolato al latte, sia bianco, sia (i miei preferiti) gianduja. Voi potete provare con quello che preferite!
le variazioni dalla ricetta originale sono minime, ho semplicemente sostituito il burro con la Margarina e usato un metodo leggermente differente per assemblare i biscotti.
Provateli e ne rimarrete estasiati!

ingredienti (per circa 20 biscotti piuttosto grandi):
✿ 255 gr farina autolievitante
✿ 30 gr cacao amaro
✿ 140 gr zucchero semolato
✿ 140 gr margarina (o burro)
2 tuorli d’uovo
20 quadretti di cioccolato (quello che preferite)

preparazione:
cominciate con il montare la margarina insieme allo zucchero fino a che non otterrete un composto chiaro e cremoso. Poi sbattete i tuorli con una forchetta e uniteli al composto di margarina e zucchero. Per ultimi aggiungete la farina e il cacao amaro setacciato, poi mescolate e, quando gli ingredienti saranno ben miscelati, impastate a mano fino a ottenere un panetto, che avvolgerete nella pellicola e farete riposare in frigo per circa 15 minuti.
Una volta trascorso il tempo necessario, infarinate leggermente una spianatoia e stendetevi sopra metà della pasta in una sfoglia piuttosto sottile. Con un coppapasta della dimensione che preferite (io ne ho usato uno più piccolo di un bicchiere) ricavate tanti biscotti che adagerete poi su una teglia foderata con carta da forno.
Ponete al centro di ciascun biscotto un quadretto del cioccolato che preferite.
Stendete la restante pasta e ricavate lo stesso numero di cerchietti che avete ricavato dalla prima. Appiattiteli un pò per renderli leggermente più larghi, e ponetene uno su ciascuno di quelli sulla teglia, facendo una leggera pressione su tutti i lati per farli attaccare. Cuocete in forno preriscaldato a 190° per 10 minuti, poi sfornateli e serviteli preferibilmente freddi.

La prima infornata mi si è leggermente crepata perchè per sbaglio avevo acceso il grill “-.- ma con la seconda mi sono rifatta!

 

IMG_0646

 

IMG_0642

 

 

IMG_0652 IMG_0651

 

IMG_0644

taralli ai pistacchi

i taralli mi ricordano la puglia, dove passo sin da piccola molto tempo poichè ho molti parenti di Barletta. Io ne ho realizzate una versione un pò particolare.

foto 2-002

anche se dovrei dedicarmi completamente allo studio non riesco stare senza cucinare e sperimentare in cucina, così oggi ho preparato questi taralli.
I taralli sono delle specialità da forno tipiche specialmente della puglia, ne esistono in molte versioni, da quelli al semplice olio d’oliva a quelli conditi con peperoncino, rosmarino, olive e chi più ne ha più ne metta.
Una versione ai pistacchi non l’avevo ancora assaggiata, ma dopo aver provato questi posso dirvi che meritano molto.
è importante usare dell’ottimo olio extravergine d’oliva (anzi, ora va di moda dire EVO) perchè il sapore sta proprio alla base di questi particolarissimi sfizi. Io ho utilizzato dell’olio al tartufo bianco, e il sapore è davvero favoloso

 

ingredienti (per circa 50 taralli):
✿ 250 gr farina 00
✿ 70 gr olio al tartufo o olio EVO
✿ 100 ml vino bianco secco
✿ 50 gr pistacchi
✿ 5 gr di sale
pepe qb

preparazione:
in una ciotola disponete la farina a fontana e versateci l’olio d’oliva, i pistacchi sgusciati e tritati grossolanamente, il sale, il pepe e, per ultimo, il vino.
Mescolate con un cucchiaio di legno e, quando è tutto ben amalgamato, trasferite il composto su di un piano di lavoro e.. impastate a volontà! almeno dieci minuti, e comunque finchè l’impasto non è bello liscio e compatto.
Formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in un posto fresco per trenta minuti.
Trascorso questo tempo dividete l’impasto in pezzetti da circa 8-10 gr e formate tanti bastoncini della lunghezza di circa 8 cm rotolando i pezzetti tra i palmi delle mani, poi unite le due estremità del bastoncino per dare ai taralli la classica forma a goccia (ma potete anche scegliere un’altra forma che vi piace).
Portate a bollore una pentola piena d’acqua e buttateci dentro i taralli a dieci alla volta. Non appena verranno a galla scolateli con una schiumarola e adagiateli su un canovaccio pulito. Una volta compiuta quest’operazione per tutti i taralli foderate una teglia con carta da forno e poneteci dentro i taralli.
Cuoceteli in forno preriscaldato a 200° per 30 minuti. Io dopo venti minuti circa ho tirato fuori la teglia e li ho girati dall’altra parte perchè ho notato che si cuocevano più sopra che sotto.

Sono un’ottima idea anche per un regalino, opportunamente impacchettati e infiocchettati.

foto 3-001

foto 1-002

Pancakes leggeri

Stamattina avevo proprio voglia di una coccola dolce per colazione, ed era da tempo che volevo provare i Pancakes americani.

foto 2-001

la ricetta l’ho presa dal blog Pausa Pranzo, questa ricetta mi ha colpito subito perchè non prevede nessun tipo di grasso aggiunto (se non qualche goccia di olio per ungere la padella) e i pancakes fatti in questo modo risultano davvero leggeri ma buonissimi!
i Pancakes sono la tipica colazione americana, è tradizione accompagnarli con il classico sciroppo d’acero.. visto che è una salsa che non si reperisce facilmente potete provarli con la marmellata o la nutella, ma vi assicuro che con lo sciroppo d’acero danno davvero il massimo!

ingredienti (per 7 pancake circa):
✿ 100 gr farina 00
✿ un uovo
✿ mezzo cucchiaio di zucchero semolato
✿ una punta di cucchiaio di sale
✿ 125 ml latte scremato

preparazione
mescolate la farina con lo zucchero e il sale, poi aggiungete a filo il latte continuando a mescolare fino ad ottenere una pastella.
dividete l’albume dal tuorlo. Montate a neve ben ferma l’albume e sbattete il tuorlo.
Unite alla pastella di farina prima il tuorlo poi l’albume montato a neve e mescolate facendo attenzione a non smontarlo.
Versate qualche goccia d’olio su una padella antiaderente e con un foglio di scottex spargetelo su tutta la padella. Quando la padella è ben calda versateci tre cucchiai di pastella per formare un pancake. Quando la superficie del pancake si sarà riempita di bollicine è il momento di girarlo con una spatola. Fatelo cuocere anche dall’altro lato finchè non si sarà ben dorato. Ripetete fino ad esaurire la pastella.
Servite i pancake caldi e accompagnateli con la salsa che preferite.. potete anche spolverizzarli con un pò di zucchero semolato!

è una colazione golosa, veloce da preparare e anche leggere.. cosa chiedere di più? ^_^

foto 1-001

 

pan d’épices

era tanto che volevo provare questo pane di origine francese, letteralmente pan di spezie, dal gusto deciso e aromatico.

foto 2

il pan d’épices è una ricetta natalizia tipica francese, del nord della francia per essere più precisi. è diffuso in europa già dal medioevo, ma si narra che anche gli antichi greci ne fossero ghiotti.

è conosciuto anche con il nome di pan di zenzero (anche se in molte versioni lo zenzero non è neanche presente) o, in italia, di pan di spezie,pan speziato o pan pepato. Con un impasto simile si realizzano i biscotti di pan di zenzero, conosciuti anche come bonhomme de pain d’épices(“omino di pan di spezie”).

Io l’ho assaggiato in questi ultimi giorni trascorsi a Roma per capodanno: l’ho comprato in un discount qualsiasi ma aveva destato la mia curiosità da tempo, e una volta assaggiato me ne sono innamorata. In tante ricette che ho trovato in giro vengono aggiunti burro, a volte mandorle, a volte zucchero di canna, a volte la farina utilizzata è la 00, a volta quella integrale, a volte si usa il mix 4 spezie (cannella, zenzero, pepe nero, noce moscata) a volte vengono aggiunti semi di finocchio.. insomma ognuno può fare propria questa ricetta, e così ho fatto io!

Personalmente adoro la farina di segale, ma se a voi non piace potete sempre sostituirla tutta o in parte con farina 00 bianca o, meglio, integrale. Io ho usato il miele millefiori, la prossima volta voglio provare con quello di castagno, voi potete utilizzare quello che preferite.. vi assicuro che con il semplice millefiori viene ottimo perchè il sapore deciso delle spezie contrasta con il dolce zuccherino del miele.

ingredienti (per uno stampo da plumcake di lato di circa 24 cm)
✿ 250 gr farina di segale
✿ 290 gr miele millefiori
✿ un cucchiaino di lievito per dolci
✿ 125 gr latte scremato
✿ mezzo cucchiaino di sale
✿ mezzo cucchiaino di chiodi di garofano
✿ mezzo cucchiaino di noce moscata macinata
✿ mezzo cucchiaino di cannella non zuccherata in polvere
✿ mezzo cucchiaino di zenzero in polvere

preparazione 
versate il latte in un pentolino e bollitelo a fuoco lento. Intanto setacciate la farina in una ciotola e aggiungete poi il lievito e il sale. Pestate i chiodi di garofano in un mortaio(o con il metodo che preferite) e aggiungeteli alla farina insieme alle altre spezie. Mescolate bene.
Quando il latte bolle spegnetelo e versateci dentro il miele, poi mescolate finchè non si saranno amalgati per bene e il miele non si sarà sciolto. Una volta compiuta questa operazione versate il composto nella farina e mescolate con un cucchiaio di legno fino a ottenere un composto omogeneo.
Rivestite uno stampo da plumcake con carta da forno (potete anche imburrarlo e infarinarlo se preferite, ma secondo me con la carta da forno è meglio) e infornate a 150° per 45-50 minuti. C’è chi dice che va infornato a forno freddo per sprigionare tutta la sua fragranza, io questa volte l’ho infornato a forno caldo, ma proverò anche quest’altra tecnica!

 

Potete gustarlo così, al naturale, è ottimo, oppure condito con marmellate, confetture, creme dolci o anche salate. io stamattina a colazione l’ho assaporato con un’ottima crema di marroni che a me piace un sacco.. ve lo consiglio!

 

foto 1(1) foto 3

 

 

 

crostatine light alla marmellata

come vedete sto ancora cercando di compensare tutti i megapasti festaioli con dolcetti light per fare delle colazioni sane, leggere ma gustose.

Inoltre per natale mi è stato fatto un regalo fantastico: lo sfornatutto Maxi della de longhi, per cui in questi giorni sto imparando ad utilizzarlo e devo dire che è un forno davvero eccezionale :)

foto 2

queste crostatine non contengono nè burro, ma solo 3 cucchiai di olio di semi di girasole (voi potete usare anche un altro olio di semi), nè zucchero, che è sostituito egregiamente dal dolcificante.
risultano morbide ma friabili, leggere, gustose e soddisfacenti.
provatele per una colazione o una merenda sana e light ^_^
io le ho realizzate con la marmellata rigoni di asiago senza zucchero aggiunto, voi potete sostituirla con quella che preferite.

 

ingredienti (per 7/8 crostatine)
✿ 270 gr farina 00
3 cucchiai olio di semi
✿ 30 gocce dolcificante liquido dieteTic (120 gr zucchero)
2 uova medie
una bustina di lievito per dolci
✿ marmellata a scelta qb.

preparazione
disporre la farina a fontana su di una spianatoia e aggiungere le uova, l’olio, il lievito e il dolcificante. Impastare bene e mettere a riposare, formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola e lasciarlo riposare in frigo per mezz’ora.
Trascorso il tempo necessario tirate fuori l’impasto dal frigo (se dovesse risultare difficile da lavorare lasciatelo riposare una decina di minuti a temperatura ambiente così si ammorbidisce) e formare delle palline abbastanza grandi di impasto da cui poi formerete dei dischi del diametro di circa 8 cm. Formate i bordi della crostatina pizzicando i bordi dei dischi con le dita. mettete poi la marmellata sulle crostatine così ottenute (circa due cucchiaini in ogni crostatina) e infornate a 180° per circa 15 minuti (forno ventilato).

 

foto

 

 

muffin extralight al cacao e castagne

come sapete sono sempre in cerca di dolcetti soddisfacenti e sfiziosi ma che non siano troppo calorici.. eccone un esempio favoloso.

 

foto-004

 

questi muffin sono leggerissimi in quanto non contengono nè burro nè zucchero, che è sostituito dal dolcificante. risultano morbidi grazie al latte totalmente scremato che contiene l’impasto e sono decisamente gustosi grazie al cacao e alla farina di castagne. Se volete potete sostituire il dolcificante con 180 gr di zucchero.
La ricetta originale l’ho presa dal blog semplicemente light, in cui potete trovare tante belle ricettine light, e l’ho poi modificata ^_^

ingredienti (per 10 muffin):
✿ 250 gr latte scremato
✿ 40 gocce dolcificante liquido dieteTic (o 180 gr di zucchero)
✿ 135 gr farina 00
✿ 65 gr farina di castagne
✿ 40 gr cacao amaro
una bustina di lievito per dolci

preparazione
mescolare con cura in una ciotola i due tipi di farina, il dolcificante liquido, il cacao amaro e il lievito. Quando tutto sarà ben amalgamato aggiungete anche il latte e mescolate bene.
Versate l’impasto nelle formine di silicone e infornate a 175° per 25 minuti (se usate formine non di silicone a 180° per 30 minuti).
sfornate e.. assaporate!

con questa ricetta partecipo al contest “mangiare ti fa bella” di Cake Therapy

 

baci di dama alle castagne e cioccolato bianco

ho proposto questi biscottini al cenone di ieri sera e sono stati apprezzati moltissimo.. personalmente adoro il connubio castagne-cioccolato ^_^ e in più con questi biscottini partecipo la mio primo food-contest ^_^ trovate i dettagli in fondo al post.

foto 1-001

amo moltissimo i dolci preparati con la farina di castagne.. trovo che il sapore di questi frutti speziato, dolce e amato al tempo stesso sia un qualcosa di inimitabile e goduriosissimo.
Visto che spesso e volentieri nelle ricette dei baci di dama le mandorle vengono sostituite interamente o in parte dalle nocciole, ho pensato che avrei potuto tranquillamente provare con le castagne. Il risultato? STREPITOSO.
sebbene i baci di dama spesso prevedano tempi di riposo in frigo più o meno lunghi, questi sono realizzati senza far neanche passare l’impasto dal frigo, e vi assicuro che sono morbidissimi e assolutamente deliziosi.

ingredienti (per circa 25 baci)
✿ 125 gr farina 00
✿ 125 gr farina di castagne
✿ 145 gr burro
✿ 125 gr zucchero semolato
✿ 75 gr cioccolato bianco (o altro a scelta)

preparazione:
in una ciotola amalgamare per bene farina 00, farina di castagne e zucchero, poi versare l’impasto su una spianatoia e unire il burro a cubetti leggermente ammorbidito a temperatura ambiente. Impastare finchè il tutto non si compatta.
prelevare dall’impasto piccoli pezzetti con cui poi andrete a formare tante palline schiacciate da un lato (per schiacciare le pallina potete “lanciarle” piano sulla spianatoia in modo che si appiattiscano solo da quel lato) e, se riuscite, leggermente incavate, in modo che il cioccolato si possa depositare poi anche al centro del biscotto. Se non riuscite a fare palline di grandezza simile potete stendere l’impasto facendo girare il mattarello su due spessori esterni all’impasto identici fra loro: in tal modo l’impasto risulterà di altezza uguale in tutti i suoi punti e voi potrete ricavare dei dischetti con un coppapasta da cui poi ricaverete le palline.
disporre le palline (che devono essere abbastanza alte visto che poi un pò si allargano in forno) su una teglia foderata di carta da forno e cuocere a 170° per 25 minuti circa (dipende dal forno, quindi dopo 15 minuti controllate).
Intanto far sciogliere il cioccolato a bagnomaria in un pentolino.
Una volta che i biscotti si sono intiepiditi, assemblate i baci di dama versando poco cioccolato con un cucchiaino sul primo biscotto e attaccando poi il secondo.

Provate e rimarrete stupite dalla bonta di questi dolcetti ^_^

 

baci

foto 2-001

 

con questi biscotti partecipo al mio primo contest:

 

pollo alle mandorle e cannella

purtroppo ieri sera mi sono dimenticata di fotografare questa ricetta, perciò vi metto una foto di un piatto simile presa da GZ per dare un’idea di com’è il risultato finale. Non appena avrò occasione di rifarla aggiornerò l’articolo.

pollo mandorle

il pollo alle mandorle è uno di quei piatti che hanno contrassegnato le mie cene nei ristoranti cinesi, è un piatto semplice e ricco dove l’ingrediente “segreto” è la magica salsina che rende tutto più vellutato e goloso.
La versione originale prevede cipolla e zenzero in cottura, i bocconcini di pollo infarinati e salsa di soia a condire il tutto. Io me ne sono discostata ma il risultato è stato davvero strepitoso, è piaciuto tanto e sicuramente lo riproporrò!
era tanto che volevo provare il pollo con la cannella, e l’abbinamento mi ha davvero soddisfatto.

ingredienti (per due persone, o per tre poco affamate):
✿ 380 gr petti di pollo
✿ 100 gr mandorle pelate
due spicchi aglio
✿ misto spezie per condire patate in polvere qb. (in alternativa potete usare del dado da brodo o un altro mix di spezie che però abbia un sapore abbastanza occidentale)
✿ 6 cucchiai olio di semi
cannella non zuccherata in polvere qb
farina qb

preparazione:
mettete in una padella antiaderente due cucchiai di olio di semi e tostateci e dorateci le mandorle (capite quando sono tostate perchè cominceranno a spandere un profumino buonissimo, che a me ricorda il luna park).
In un Wok (per sapere cos’è un wok clicca qui ) mettete 4 cucchiai di olio di semi e fateci appassire a fuoco lento i due spicchi d’aglio e una manciata di misto spezie per 10 minuti.
Intanto tagliate il pollo a cubetti piuttosto piccoli  e trascorso il tempo necessario mettete anch’esso nel wok e fatelo soffriggere a fuoco lento per 20 minuti. 5 minuti prima che il pollo finisca di cuocere aggiungete la cannella, io ne ho aggiunte circa 3 prese e il sapore si sentiva ma non prevaricava sul resto, però assaggiate mi raccomando.
A questo punto aggiungete le mandorle tostate e mescolate per bene perchè si spandano uniformemente, poi aggiungete un mestolino d’acqua calda (attente all’olio che non schizzi!) e due spolverate di farina 00. Verrà una salsina favolosa :) se vedete che l’acqua non si addensa con la farina aspettate qualche minuto e in caso aggiungete ancora una spolverata di farina.
aspettate che la salsina si addensi e fate insaporire qualche minuto il pollo con le mandorle, poi servite caldo, magari accompagnato da del riso al vapore.

Mi dispiace che manchi la foto, appena possibile la posterò, il risultato finale è simile a quello nella foto di GZ ma più scuro.