i Pancakes che si credono torta

tutto facebook e instagram, nonchè mia madre, le mie amiche e il mio ragazzo, se ne sono accorti: sono follemente innamorata dei pancake!

foto 3

dalla prima volta che ho fatto i pancakes non sono più riuscita a farne a meno, e visto che la voglia di cucinare è tanta ma il tempo disponibile, a causa dello studio, poco, ho voluto fare questa torta.. velocissima da fare e altrettanto veloce a sparire!
semplicemente si tratta di fare diversi pancake e poi impilarli farcendoli di marmellata.

ingredienti:
✿ 300 gr farina 00
✿ 6 cucchiaini rasi di lievito per dolci
✿ 420 ml di latte scremato (ma va bene anche quello intero o parzialmente scremato)
✿ due cucchiaini rasi di fruttosio (o tre di zucchero)
✿ mezzo cucchiaino raso di sale fino
✿ mezzo vasetto di marmellata (io ho usato quella della rigoni senza zuccheri aggiunti ai
mirtilli neri di bosco
olio di semi qb.
zucchero a velo per spolverare qb.

preparazione:
in una ciotola capiente mescolate la farina con lo zucchero, il sale ed il lievito. Poi aggiungete a filo il latte cercando di formare meno grumi possibile.
In una padella antiaderente versate qualche goccia di olio di semi e poi con un foglio di scottex spargetelo bene per tutta la padella. Fate scaldare la padella a fuoco moderato e, quando sarà ben calda, con un mestolo versateci un pò di composto per formare il primo pancake. la larghezza potete deciderla voi, io gli ho fatti di diametro di circa 15 cm. Attenzione a non usare troppo impasto se no i pancake vengono troppo alti e rimangono pesanti e un pò crudi dentro.
Quando la superficie del pancake si sarà ricoperta di bolle è il momento di girarlo utilizzando una spatola di gomma. Fate cuocere ancora qualche minuto per far dorare il pancake, poi toglietelo dalla padella e ponetelo su di un piatto. A questo punto con una spatola spalmateci sopra abbondante marmellata (o la nutella, insomma, quello che preferite) e ripetete l’operazione per il pancake successivo, che andrete a porre sopra al primo pancake,e così via fino a finire l’impasto e formare l’ultimo pancake, che non ricoprirete di marmellata ma spolverizzerete con abbondante zucchero a velo (o, se preferite, cacao o cannella).
Mettete in frigo per un’oretta per far raffreddare e compattare tutto e poi servite, magari accompagnata con del gelato.

 

foto 1

 

Pancakes leggeri

Stamattina avevo proprio voglia di una coccola dolce per colazione, ed era da tempo che volevo provare i Pancakes americani.

foto 2-001

la ricetta l’ho presa dal blog Pausa Pranzo, questa ricetta mi ha colpito subito perchè non prevede nessun tipo di grasso aggiunto (se non qualche goccia di olio per ungere la padella) e i pancakes fatti in questo modo risultano davvero leggeri ma buonissimi!
i Pancakes sono la tipica colazione americana, è tradizione accompagnarli con il classico sciroppo d’acero.. visto che è una salsa che non si reperisce facilmente potete provarli con la marmellata o la nutella, ma vi assicuro che con lo sciroppo d’acero danno davvero il massimo!

ingredienti (per 7 pancake circa):
✿ 100 gr farina 00
✿ un uovo
✿ mezzo cucchiaio di zucchero semolato
✿ una punta di cucchiaio di sale
✿ 125 ml latte scremato

preparazione
mescolate la farina con lo zucchero e il sale, poi aggiungete a filo il latte continuando a mescolare fino ad ottenere una pastella.
dividete l’albume dal tuorlo. Montate a neve ben ferma l’albume e sbattete il tuorlo.
Unite alla pastella di farina prima il tuorlo poi l’albume montato a neve e mescolate facendo attenzione a non smontarlo.
Versate qualche goccia d’olio su una padella antiaderente e con un foglio di scottex spargetelo su tutta la padella. Quando la padella è ben calda versateci tre cucchiai di pastella per formare un pancake. Quando la superficie del pancake si sarà riempita di bollicine è il momento di girarlo con una spatola. Fatelo cuocere anche dall’altro lato finchè non si sarà ben dorato. Ripetete fino ad esaurire la pastella.
Servite i pancake caldi e accompagnateli con la salsa che preferite.. potete anche spolverizzarli con un pò di zucchero semolato!

è una colazione golosa, veloce da preparare e anche leggere.. cosa chiedere di più? ^_^

foto 1-001

 

pan d’épices

era tanto che volevo provare questo pane di origine francese, letteralmente pan di spezie, dal gusto deciso e aromatico.

foto 2

il pan d’épices è una ricetta natalizia tipica francese, del nord della francia per essere più precisi. è diffuso in europa già dal medioevo, ma si narra che anche gli antichi greci ne fossero ghiotti.

è conosciuto anche con il nome di pan di zenzero (anche se in molte versioni lo zenzero non è neanche presente) o, in italia, di pan di spezie,pan speziato o pan pepato. Con un impasto simile si realizzano i biscotti di pan di zenzero, conosciuti anche come bonhomme de pain d’épices(“omino di pan di spezie”).

Io l’ho assaggiato in questi ultimi giorni trascorsi a Roma per capodanno: l’ho comprato in un discount qualsiasi ma aveva destato la mia curiosità da tempo, e una volta assaggiato me ne sono innamorata. In tante ricette che ho trovato in giro vengono aggiunti burro, a volte mandorle, a volte zucchero di canna, a volte la farina utilizzata è la 00, a volta quella integrale, a volte si usa il mix 4 spezie (cannella, zenzero, pepe nero, noce moscata) a volte vengono aggiunti semi di finocchio.. insomma ognuno può fare propria questa ricetta, e così ho fatto io!

Personalmente adoro la farina di segale, ma se a voi non piace potete sempre sostituirla tutta o in parte con farina 00 bianca o, meglio, integrale. Io ho usato il miele millefiori, la prossima volta voglio provare con quello di castagno, voi potete utilizzare quello che preferite.. vi assicuro che con il semplice millefiori viene ottimo perchè il sapore deciso delle spezie contrasta con il dolce zuccherino del miele.

ingredienti (per uno stampo da plumcake di lato di circa 24 cm)
✿ 250 gr farina di segale
✿ 290 gr miele millefiori
✿ un cucchiaino di lievito per dolci
✿ 125 gr latte scremato
✿ mezzo cucchiaino di sale
✿ mezzo cucchiaino di chiodi di garofano
✿ mezzo cucchiaino di noce moscata macinata
✿ mezzo cucchiaino di cannella non zuccherata in polvere
✿ mezzo cucchiaino di zenzero in polvere

preparazione 
versate il latte in un pentolino e bollitelo a fuoco lento. Intanto setacciate la farina in una ciotola e aggiungete poi il lievito e il sale. Pestate i chiodi di garofano in un mortaio(o con il metodo che preferite) e aggiungeteli alla farina insieme alle altre spezie. Mescolate bene.
Quando il latte bolle spegnetelo e versateci dentro il miele, poi mescolate finchè non si saranno amalgati per bene e il miele non si sarà sciolto. Una volta compiuta questa operazione versate il composto nella farina e mescolate con un cucchiaio di legno fino a ottenere un composto omogeneo.
Rivestite uno stampo da plumcake con carta da forno (potete anche imburrarlo e infarinarlo se preferite, ma secondo me con la carta da forno è meglio) e infornate a 150° per 45-50 minuti. C’è chi dice che va infornato a forno freddo per sprigionare tutta la sua fragranza, io questa volte l’ho infornato a forno caldo, ma proverò anche quest’altra tecnica!

 

Potete gustarlo così, al naturale, è ottimo, oppure condito con marmellate, confetture, creme dolci o anche salate. io stamattina a colazione l’ho assaporato con un’ottima crema di marroni che a me piace un sacco.. ve lo consiglio!

 

foto 1(1) foto 3

 

 

 

pollo alle mandorle e cannella

purtroppo ieri sera mi sono dimenticata di fotografare questa ricetta, perciò vi metto una foto di un piatto simile presa da GZ per dare un’idea di com’è il risultato finale. Non appena avrò occasione di rifarla aggiornerò l’articolo.

pollo mandorle

il pollo alle mandorle è uno di quei piatti che hanno contrassegnato le mie cene nei ristoranti cinesi, è un piatto semplice e ricco dove l’ingrediente “segreto” è la magica salsina che rende tutto più vellutato e goloso.
La versione originale prevede cipolla e zenzero in cottura, i bocconcini di pollo infarinati e salsa di soia a condire il tutto. Io me ne sono discostata ma il risultato è stato davvero strepitoso, è piaciuto tanto e sicuramente lo riproporrò!
era tanto che volevo provare il pollo con la cannella, e l’abbinamento mi ha davvero soddisfatto.

ingredienti (per due persone, o per tre poco affamate):
✿ 380 gr petti di pollo
✿ 100 gr mandorle pelate
due spicchi aglio
✿ misto spezie per condire patate in polvere qb. (in alternativa potete usare del dado da brodo o un altro mix di spezie che però abbia un sapore abbastanza occidentale)
✿ 6 cucchiai olio di semi
cannella non zuccherata in polvere qb
farina qb

preparazione:
mettete in una padella antiaderente due cucchiai di olio di semi e tostateci e dorateci le mandorle (capite quando sono tostate perchè cominceranno a spandere un profumino buonissimo, che a me ricorda il luna park).
In un Wok (per sapere cos’è un wok clicca qui ) mettete 4 cucchiai di olio di semi e fateci appassire a fuoco lento i due spicchi d’aglio e una manciata di misto spezie per 10 minuti.
Intanto tagliate il pollo a cubetti piuttosto piccoli  e trascorso il tempo necessario mettete anch’esso nel wok e fatelo soffriggere a fuoco lento per 20 minuti. 5 minuti prima che il pollo finisca di cuocere aggiungete la cannella, io ne ho aggiunte circa 3 prese e il sapore si sentiva ma non prevaricava sul resto, però assaggiate mi raccomando.
A questo punto aggiungete le mandorle tostate e mescolate per bene perchè si spandano uniformemente, poi aggiungete un mestolino d’acqua calda (attente all’olio che non schizzi!) e due spolverate di farina 00. Verrà una salsina favolosa :) se vedete che l’acqua non si addensa con la farina aspettate qualche minuto e in caso aggiungete ancora una spolverata di farina.
aspettate che la salsina si addensi e fate insaporire qualche minuto il pollo con le mandorle, poi servite caldo, magari accompagnato da del riso al vapore.

Mi dispiace che manchi la foto, appena possibile la posterò, il risultato finale è simile a quello nella foto di GZ ma più scuro.

ciambella sacher alle mandorle

ieri era il compleanno della mamma del mio ragazzo, e io per l’occasione ho preparato questa buonissima torta, tanto golosa quanto ricca di calorie, infatti ne ho mangiato una fetta piccola piccola :)

(so che la foto non è delle migliori, ma la luce non era molto adatta)
l’impasto è quello di una semplice sacher, arricchito però con mandorle sbriciolate che donano alla torta un “qualcosa in più” che la rende davvero buonissima, morbida e croccante al tempo stesso. Inoltre il sapore delle mandorle si sposa perfettamente con quello della cioccolata e della glassa al cacao.
piccolo appunto: io ho utilizzato due tipi di cioccolato per l’impasto, al ricetta originale prevede di usare solo il fondente.. devo dire che il sapore più dolce del cioccolato al latte si è sentito e ci stava davvero bene ^_^

ingredenti (per una torta del diametro di 20 cm):
✿ 120 gr farina 00
✿ 100 gr zucchero semolato
✿ 100 gr cioccolato fondente
✿ 50 gr cioccolato al latte
✿ 100 gr di burro
4 uova
✿ 100 gr mandorle tritate
una bustina lievito per dolci
✿ 250 gr glassa al cacao

preparazione:
fondere i due tipi di cioccolato a bagnomaria insieme al burro, nel frattempo dividere i tuorli dagli albumi e sbattere i primi con la fruste elettriche o a mano insieme allo zucchero fino a ottenere un composto cremoso e liscio.
Aggiungere al composto di tuorli e zucchero il cioccolato fuso col burro, le mandorle tritate, poi il lievito e infine la farina, amalgamare bene il tutto e per ultimi incorporare gli albumi montati a neve ben ferma, mescolando dall’alto in basso per non far smontare il composto.
Imburrare e infarinare uno stampo del diametro di 20 cm (io ho usato uno stampo a ciambella), versarci l’impasto e infornare in forno caldo a 180° per 30 minuti circa.
Sfornare il dolce e lasciarlo raffreddare.
Una volta che la torta si è raffreddata versarci sopra la glassa al cacao e spalmarla bene su tutta la superficie e sui lati con una spatola o un cucchiaio.
Io l’ho decorata con una scritta in glassa rosa, ma voi potete decorarla con delal granella di mandorle (aggiungetela quando la glassa è ancora fluida, così si attacca per bene), con delle fragole o altra frutta fresca (aggiungetela sempre quando la glassa è ancora fluida) oppure potete aspettare che la glassa di indurisca e poi decorare la sacher con dei ciuffetti di crema ganache.. insomma le possibilità sono molte.

la ricetta originale l’ho trovato sul libro “scuola di pasticceria” volume 2 della scuola di pasticceria del corriere della sera, che esce il giovedì.. vi consiglio caldamente di acquistare questi libri, sono fantastici, non hanno solo un sacco di buone ricette ma anche spiegazioni dettagliate di tecniche e consigli pratici ^_^