crocchette di patate e mozzarella

ecco la prima ricetta, in diretta dalla puglia!

 

foto 2(1)

 

 

questa ricetta l’ha fatta oggi a pranzo la mia nonna. è vero, sono fritte, è vero, sono ipercaloriche.. ma quanto sono buone?
e poi sono semplicissimi da fare, riciclano alla perfezione e danno tanta soddisfazione!

ingredienti (per 10 crocchette):
3 patate di medie dimensioni
una mozzarella
parmigiano grattuggiato 3 cucchiai
pangrattato qb.
olio qb. per friggere

preparazione:
bollire le patate con la buccia e poi spellarle e passarle nel pelapatate. Versare la purea così ottenuta in una ciotola e aggiungere in ordine il parmigiano, un pizzico di sale e una manciata di pangrattato.
su una spianatoia versate del pangrattato e tagliate la mozzarella a dadini.
Prendere dalla purea di patate dei pezzi con cui formerete dei dischetti appiattiti, su cui poi andrete ad adagiare un dadino di mozzarella. Richiudete il dischetto per formare una palla (se non vi basta aggiungete un pò di impasto), rotolatela nel pangrattato e poi appiattitela (se no rimane cruda dentro). Ripetete l’operazione per il restante impasto.
In una piccola padella (se avete il wok è meglio) mettete abbondante olio e scaldatelo finchè non farò le bollicine. A quel punto mettete 4-5 crocchette di patate nell’olio bollente e, quando si saranno colorate sotto giratele. Lasciatele friggere ancora uno-due minuti e poi mettetele ad asciugare su un foglio di scottex che assorba bene l’olio. Ripetete per le altre crocchette e servite accompagnate da una bella insalatina o da quello che preferite ^_^

foto 1(1)

 

 

taralli ai pistacchi

i taralli mi ricordano la puglia, dove passo sin da piccola molto tempo poichè ho molti parenti di Barletta. Io ne ho realizzate una versione un pò particolare.

foto 2-002

anche se dovrei dedicarmi completamente allo studio non riesco stare senza cucinare e sperimentare in cucina, così oggi ho preparato questi taralli.
I taralli sono delle specialità da forno tipiche specialmente della puglia, ne esistono in molte versioni, da quelli al semplice olio d’oliva a quelli conditi con peperoncino, rosmarino, olive e chi più ne ha più ne metta.
Una versione ai pistacchi non l’avevo ancora assaggiata, ma dopo aver provato questi posso dirvi che meritano molto.
è importante usare dell’ottimo olio extravergine d’oliva (anzi, ora va di moda dire EVO) perchè il sapore sta proprio alla base di questi particolarissimi sfizi. Io ho utilizzato dell’olio al tartufo bianco, e il sapore è davvero favoloso

 

ingredienti (per circa 50 taralli):
✿ 250 gr farina 00
✿ 70 gr olio al tartufo o olio EVO
✿ 100 ml vino bianco secco
✿ 50 gr pistacchi
✿ 5 gr di sale
pepe qb

preparazione:
in una ciotola disponete la farina a fontana e versateci l’olio d’oliva, i pistacchi sgusciati e tritati grossolanamente, il sale, il pepe e, per ultimo, il vino.
Mescolate con un cucchiaio di legno e, quando è tutto ben amalgamato, trasferite il composto su di un piano di lavoro e.. impastate a volontà! almeno dieci minuti, e comunque finchè l’impasto non è bello liscio e compatto.
Formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in un posto fresco per trenta minuti.
Trascorso questo tempo dividete l’impasto in pezzetti da circa 8-10 gr e formate tanti bastoncini della lunghezza di circa 8 cm rotolando i pezzetti tra i palmi delle mani, poi unite le due estremità del bastoncino per dare ai taralli la classica forma a goccia (ma potete anche scegliere un’altra forma che vi piace).
Portate a bollore una pentola piena d’acqua e buttateci dentro i taralli a dieci alla volta. Non appena verranno a galla scolateli con una schiumarola e adagiateli su un canovaccio pulito. Una volta compiuta quest’operazione per tutti i taralli foderate una teglia con carta da forno e poneteci dentro i taralli.
Cuoceteli in forno preriscaldato a 200° per 30 minuti. Io dopo venti minuti circa ho tirato fuori la teglia e li ho girati dall’altra parte perchè ho notato che si cuocevano più sopra che sotto.

Sono un’ottima idea anche per un regalino, opportunamente impacchettati e infiocchettati.

foto 3-001

foto 1-002

sbriciolini al pesto genovese

io sono genovese, e da brava genovese ADORO il pesto.
Dite quello che volete, per me la pasta al pesto rimane sempre un must irrinunciabile della cucina.
ho chiamato questi biscotti sbriciolini perchè, come dice il nome, si sbriciolano facilmente :)

 

l’impasto di questi sbriciolini è simile a quello degli sfrollini, ma ho voluto usare più burro per vedere il risultato. Sono adatti per buffet, aperitivi e come antipasto, e costituiscono un modo alternativo per gustare il tipico pesto genovese. Possono essere arricchiti con dei pinoli prima della cottura :)

 

ingredienti (per circa 45 sbriciolini)
farina 00 200 gr
burro   80 gr
un uovo
un cucchiaino di lievito chimico per preparazioni salate
un pizzico di sale
✿ un cucchiaio da minestra di pesto genovese

preparazione
mettere la farina in una terrina, aggiungere il burro tagliato a cubetti, l’uovo, un pizzico di sale e il lievito. Impastare fino a far amalgamare bene gli ingredienti.
aggiungere all’impasto il pesto e impastare spolverizzando con un pò di farina per non fare attaccare l’impasto alla terrina o alle mani.
Avvolgere nella pellicola e lasciare riposare mezzora in frigo.
trascorso il tempo necessario, stendere la pasta in una sfoglia spessa poco meno di un cm (contate che in forno un pò lievitano), ricavare i biscotti e disporli su una teglia foderata di carta da forno.
Cuocere a 180 ° per 10-20 minuti, il tempo dipende dal tipo di forno, per la prima infornata ho messo cottura solo da sotto e ci sono voluti 20 minuti buoni, per la seconda cottura sopra e sotto e 10 minuti sono bastati e avanzati!

 

ricordo che le vostre opinioni, positive o negative, mi fanno sempre piacere :)

 

 

 

 

 

sfrollini scamorza e sesamo

questi frollini, anzi sfrollini, sono una ricetta inventata da me, quindi vi prego, se doveste postarla da qualche parte, di linkarmi.

 

li ho chiamati sfrollini perchè una volta ultimata la cottura non si ottengono dei veri e propri biscotti di frolla ma delle specie di salatini a metà tra frolla e sfoglia
hanno un gusto forte e deciso al formaggio, sono ideali come aperitivo, come sfizioso antipasto, come merenda salata o su un tavolo da buffet.

 

ingredienti (per circa 45 sfrollini):

farina 00 200 gr
burro       50 gr
un uovo
un cucchiaino di lievito per dolci
un pizzico di sale
pepe qb
 scamorza affumicata 150 gr
mix formaggi grattugiati 50 gr
panna da cucina qb per spennellare
semi di sesamo

preparazione
mettere la farina in una terrina, aggiungere il burro tagliato a cubetti, l’uovo, un pizzico di sale, due o tre spolverate di pepe e il lievito. Impastare fino a far amalgamare bene gli ingredienti.

Fare ammorbidire la scamorza nel microonde per trenta secondi-un minuto o finchè non comincia a sciogliersi e unirle il formaggio grattuggiato cercando per quanto possibile di amalgamarli.
unire all’impasto di farina e impastare finchè non diventa omogeneo. Avvolgere nella pellicola e lasciar riposare in frigo per mezz’ora.
Dopo mezz’ora stendete l’impasto sul tavolo spolverato di farina con uno spessore di circa 1 cm e ricavate i biscotti con la formina. Poi spennellateli solo sopra con la panna da cucina e cospargeteli solo sopra di semi di sesamo.
mettete i biscotti su una teglia foderata con carta da forno e cuocete a 180° per 10-15 minuti. Io ho il forno elettrico e per i primi tre minuti ho messo la cottura anche da sopra.

 

pronti!

ricordo che critiche, consigli (e complimenti :D ) sono sempre ben accetti ^_^