Macco di fave e gamberi

Macco di fave e gamberi

Macco di fave e gamberi

Macco di fave con gamberi e ricotta

Ingredienti per 4 persone

• 8 gamberi

• Farina 00

• Olio extravergine d’oliva

Per il macco

• 300 g fave secche sbucciate

• 1 l acqua

• Costa di sedano

• 1 spicchio d’aglio

• ½ cipolla

• 150 g finocchietto selvatico

• 1 pomodoro

• Olio extravergine d’oliva

• 100 g ricotta di pecora

• 20 g di peperoncino

• Sale

Per la decorazione

• 70 g speck

• Crostini di pane a cubetti

• 1 rametto di finocchio selvatico

Olio extravergine, pepe

Preparazione:Mettere a mollo le fave in acqua fredda per 24 ore h in acqua, quindi scolarle e trasferite in una casseruola con la acqua bollente;fare sobbollire per 5 minuti. Schiumare,aggiungere il sedano’aglio, la cipolla,le bietole, il finocchio,il pomodoro ( tutti tagliati a pezzi) l’olio e fare cucinare lentamente per circa due ore

Trasferite le fave le verdure e la loro acqua di cottura ( che sarà molto ridotta)in un cutter; aggiungere la ricotta,il peperoncino e il sale e infine frullare, in modo di ottenere una crema densa e molto fine.

Nel frattempo sgusciare i gamberi,passarli leggermente nella farina e dorarli in padella con n goccio di olio.

Tagliare una fettina di speck e cuocerla in un padellino antiaderente;sgrassare e tenere in caldo

Presentazione. Disporre nei piatti fondi il macco al centro aggiungere i gamberi lo speck e i crostini di pane e decorare con un rametto di finocchietto selvatico, e condire con un filo di olio al finocchietto selvatico e una macinata di pepe.

 

 

 

Print Friendly
piatti unici, Primi Piatti ,

Informazioni su Alessandra

Amo il mio fantastico mondo Sono nata in un piccolo villaggio in Colombia. Molto giovane mi sono innamorata ed è nato Christian, mio figlio. Mi sono trasferita a Bogotà, dove mio fratello aveva appena aperto un ristorante italiano. Ero stanca di vivere nel piccolo paese dove ero nata e cercavo un significato diverso nella mia vita. Così ho cominciato a capire, sperimentare in cucina. Ma per me non era mai abbastanza. Volevo andare avanti, fare progressi. Chiesi a mio fratello missionario, appena rientrato in Colombia di portarmi con lui in Italia, volevo cambiare vita. Della Colombia ricordo i frutti mangiati con la buccia, gli alberi sui quali mi arrampicavo, il rapporto con la natura così presente. E poi la musica, il calore della gente, i sorrisi, i colori. E' tutto rigoglioso e colorato nel mio paese. Queste immagini sono quelle che riproduco nei miei piatti. Ogni volta che posso torno in Colombia. Per me cucinare è una scoperta, un'arte, un'esperienza che non finisce mai. Un'esperienza che è variegata come è stata la mia vita e sempre diversa.

Precedente Crema pasticcera/ ricetta celiaci/ giallo zafferano Successivo Ovetti di pasqua / biscotti al miele cannella e zenzero/ Alessandra Castillo

9 commenti su “Macco di fave e gamberi

Lascia un commento