Biancomangiare | il fantastico mondo di Alessandra

Biancomangiare “testa di moro come amo chiamarlo, sempre ottimo in tutte le occasioni” Il biancomangiare è uno dei più antichi dolci della della pasticceria siciliana.Molto diffuso nell’area mediterranea, in Italia è tipico, oltre che in Sicilia, anche in Val D’Aosta dove assume il nome di Blanc Manger.L’origine del dolce è incerta, si pensa che possa derivare dall’antica ricetta francese del blanch mangeri che, tuttavia, era un piatto a base di riso cotto nel latte.

Il biancomangiare arrivò in Sicilia, quasi certamente, nell’XI secolo, con i popoli mussulmani, ed era tipico della contea di Modica nel ragusano. In Sicilia tradizione prevede, per la realizzazione di questo semplice e delicato dolce dal colore bianco candido, l’uso del latte ricavato dalle mandorle con un laborioso procedimento. Io vi proponiamo diverse ricette, dalla tradizionale con il latte di mandorle, a quelle con il latte di mucca fresco intero, e con pandispagna al cioccolato.

 alessandra castillo

biancomangiare 

Ingredienti per il latte di mandorle
 250 grammi di mandorle pelate (di cui qualcuna amara)
litri 1,250 di acqua
80 grammi di zucchero
fragole per decorare
more per decorare
Procedimento 
Mettere le mandorle in una ciotola con acqua bollente per un paio di minuti, quindi privarle della pellicina e, poco per volta pestarle nel mortaio o con un cutter  e raccoglierle in un fazzoletto di lino; formare un sacchetto, bagnarlo spesso con acqua e, ogni volta, spremere con le dita in modo da raccogliere il liquido bianco che fuoriesce in una ciotola. Ripetere quest’operazione per tre volte, fino ad esaurimento delle mandorle e fin quando avrete sfruttato al massimo il pesto ricavato (che metterete da parte). A questo punto stemperare il liquido ottenuto nell’acqua (se si vuole ottenere un latte dal gusto più forte, diminuire la quantità di acqua), unire il pesto di mandorle, già messe da parte, lo zucchero e tenere in infuso per circa due ore. Trascorso il tempo filtrare e raccogliere il latte di mandorle .

Biancomangiare con latte di mandorle

biancomangiare nella cucina di alessandra

Bianco mangiare con pandispagna  al cioccolato ,cacao in polvere  amaro

Disporli sul fondo  la torta al cioccolato  di in un contenitore a bordi alti, versare il biancomangiare intiepidito e livellare con una spatola. Fare raffreddare e, prima di servire, spolverare con il cacao e con della cannella, ( fate come nelle foto)

biancomangiare1


Ingredienti per bianco mangiare alle mandorle
1 litro di latte di mandorle
La buccia di un limone grattugiata
130  grammi di zucchero
100 grammi di amido per dolci
Cannella in polvere per decorare
stecche di cannella
Procedimento :
Mettere il latte in una ciotola su fuoco a fiamma dolce, tenendone da parte un bicchiere. Unire la buccia del limone, lo zucchero e la cannella in stecca , Intanto sciogliere a freddo l’amido nel latte messo da parte, filtrarlo quindi unirlo al latte che nel frattempo sarà tiepido. Mescolare in continuazione con un mestolo di legno e, non appena comincia ad addensare, e comunque appena giunge a bollore, togliere dal fuoco. Continuare a mescolare e versare il composto in uno stampo (o diverse formelle) inumidito. Fare raffreddare e mettete in frigo quando il biancomangiare sarà ben denso, sformare in un piatto da portata spolverandolo con la cannella  e delle mandorle tostate .


Biancomangiare con latte
Un litro di latte
150  grammi di zucchero semolato
100 grammi di amido per dolci
50 grammi di pistacchi tritati grossolanamente
Cannella in polvere
e gelatina di gelsi per decorare
Procedimento
Mettere il latte in una ciotola con il latte e sciogliervi lo zucchero, quindi unire l’amido e mescolare bene con una frusta in modo che non si formino grumi. A questo punto mettere su fuoco dolce e mescolare continuamente con un mestolo fin quando il liquido comincia ad addensare (facendo attenzione a non far bollire). Togliere dal fuoco, unire i pistacchi e, con la frusta, continuare a mescolare energicamente per un paio di minuti. Versare il composto in uno stampo inumidito e mettere a raffreddare dopo mettere in frigo , Quando il biancomangiare sarà ben denso,versare la gelatina di gelsi e mettere in frigo .
Note:
Io uso per il mio amato biancomangiare cannella stecche , e metto il amido al inizio della cottura in una pentola  di coccio  e lo cucino a fuoco molto lento , faccio anche metta latte e metta latte di mandorle  lo cucino per almeno due ore , mi piace decorarlo in tanti modi .  Per il testa di moro come amo chiamarlo uso   i pistacchi,   dadini di zuccata, cioccolato fondente a gocce, mandorle a scaglie gelatina di fragole  penso che il bello di cucinare e inventare al momento , io personalmente cambio sempre come vedete nelle fotografie . La cosa più  importante e che quando mangiamo il bianco mangiare  al primo cucchiaino restiamo senza parole .
Buon biancomangiare
se vi piacciono le mi ricette cliccate vi piace
croppeALESSANDRA-OK

Print Friendly
Dolci , , , , , , , , , ,

Informazioni su Alessandra

Amo il mio fantastico mondo Sono nata in un piccolo villaggio in Colombia. Molto giovane mi sono innamorata ed è nato Christian, mio figlio. Mi sono trasferita a Bogotà, dove mio fratello aveva appena aperto un ristorante italiano. Ero stanca di vivere nel piccolo paese dove ero nata e cercavo un significato diverso nella mia vita. Così ho cominciato a capire, sperimentare in cucina. Ma per me non era mai abbastanza. Volevo andare avanti, fare progressi. Chiesi a mio fratello missionario, appena rientrato in Colombia di portarmi con lui in Italia, volevo cambiare vita. Della Colombia ricordo i frutti mangiati con la buccia, gli alberi sui quali mi arrampicavo, il rapporto con la natura così presente. E poi la musica, il calore della gente, i sorrisi, i colori. E' tutto rigoglioso e colorato nel mio paese. Queste immagini sono quelle che riproduco nei miei piatti. Ogni volta che posso torno in Colombia. Per me cucinare è una scoperta, un'arte, un'esperienza che non finisce mai. Un'esperienza che è variegata come è stata la mia vita e sempre diversa.

Precedente gelatina di uva fragola Successivo Busiate con pesto Trapanesi - ricette vegetariane

16 commenti su “Biancomangiare | il fantastico mondo di Alessandra

    • io veramente amo molto la granita di mandorle , e ottima
      il bianco mangiare me ricorda un dolcino che mangiavo da piccola in Colombia me lo faceva mia nonna ,
      buono lo adoro baci

  1. Palmira Teresano il said:

    il dolce dei poveri vero lo mangiavo da piccola , lo faceva mia nonna
    ma come lo fa la chef Alessandra mai mangiato da nessuna parte
    e una magia solo questo posso gli altri lo possono solo immaginare …………………

    • ma che belle parole , sei una cara amica
      so bene come parli di me , le amiche come te che sanno che amo il mio lavoro e che per me non e cucinare e basta , oggi volta che sei nella mia tavola a casa mai a al ristorante mi lasci sempre senza parole , quando sento i commenti che fai ai mie piatti grazie cara Palmira

  2. luigi Mancuso il said:

    uno dei mie preferiti il bianco mangiare
    una bontà infinita , non lo scorderò mai
    complimenti
    il tuo blog e un amore mi piace molto

  3. stefania Milani il said:

    Ho provato questo dolce, che già conoscevo, ed ho usato la Frumina, come amido, così come viene fatto in Sicilia, dove usano l’amido di frumento ma, è risultato troppo denso invece di una crema morbida come la vorrei. Che amido è meglio usare? Se uso la frumina è meglio ridurre la dose?

    • Ciao cara Stefania
      allora la frumina e uguale alla maizena qua ti do le dosi per cucinarlo come lo faccio io

      Io uso per il mio amato biancomangiare cannella stecche , e metto il amido al inizio della cottura in una pentola di coccio e lo cucino a fuoco molto lento , faccio anche metta latte e metta latte di mandorle lo cucino per almeno due ore , uso 130 g di maizena e 130 di zucchero vanigliato per 1 litro di latte fresco , e 1 litro di latte di mandorle ,stecche di cannella 2
      Cosi ti viene una crema come vuoi tu Stefania
      un bacio e fammi sapere

  4. Alexandra il said:

    Ciao, tesoro. Quanto mi piacciono le mandorle ma sai, non ho mai preparato questo dolce, dev’essere una delizia! Complimenti per le tue coloratissime versioni.

Lascia un commento