Pane al formaggio (Pão de queijo) IL VIDEO!

Il “pão de queijo” è una ricetta nata a Minas Gerais e diffusa in tutto il Brasile, ormai conosciuta e apprezzata anche in altre parti del mondo.
L’invenzione di questo stuzzichino risale al XVIII secolo, durante la colonizzazione della regione centrale del paese. In questo periodo, a causa della difficoltà di approvvigionamento dei prodotti importati, tra cui il grano, i colonizzatori hanno imparato con la cucina degli índios a utilizzare prodotti locali come la “mandioca”, una radice a tubero molto nutriente e versatile, che può essere consumata cotta, fritta, come farina o fecola e anche come bevanda. La fecola di manioca, conosciuta come “polvilho”, viene utilizzata come addensante al posto della fecola di patate e dell’amido di mais.
Fonte:  Mônica Chaves Abdala, “Sabores da tradição” in “Revista do Arquivo Público Mineiro” Ano XLII, n°2, 2006. Consultato il 24.11.2014

Ingredienti
• 500 g di polvilho doce o polvilho azedo
• 250 ml di latte
• 125 ml di acqua
• 125 ml di olio di mais
• 1 cucchiaino di sale
• 2 uova piccole
• 150 g di parmigianograttugiato

Procedimento
1. Portare a ebollizione i liquidi (latte, acqua, olio) con il sale.
2. Versare i liquidi bollenti sul “polvilho” in una ciotola capiente.
3. Mescolare con 1 cucchiaio per far assorbire i liquidi.
4. Quando si intiepidisce unire il formaggio e le uova, lavorando bene – come per l’impasto del pane – finché non diventa un impasto gommoso e consistente che si stacca dalle mani.
5. Con una spatola staccare porzioni d’impasto e fare dei cordoni.
6. Tagliare piccole porzioni come nella preparazione degli gnocchi e formare palline con le mani.
7. Cuocere in forno a 200°C finché sotto i panini si forma una crosticinadorata mentre l’interno rimane gommoso.
8. Servire calde appena sfornate, ma possono anche essere riscaldate al forno.

L’impasto può essere surgelato modellato o a panetti. I panini già surgelati possono essere portati in forno senza scongelare.
Palline piccole sono ottime come stuzzichino e per la merenda o per un buffet informale si possono fare panini più grossi da farcire, a piacere, con salumi o formaggi.