Orecchiette con la verza

Oggi ho preparato le orecchiette a mano, con un risultato soddisfacente; mi devo esercitare per farle diventare perfette, ma ho superato la critica del marito… se non belle almeno erano buonissime! 🙂

Ingredienti (per due persone):
per le orecchiette
300 g di farina di semola
un pizzico di sale
acqua tiepida q.b. (circa 150 ml)

Per il condimento:
aglio
olio
pepe
peperoncino
mezza verza

Preparazione:
mettete la farina di semola sul piano di lavoro e aggiungete il sale.
Aggiungete poco per volta l’acqua finchè non otterrete un panetto lavorabile; manipolatelo per almeno una decina di minuti.
Quando il penetto è bello liscio e omogeneo, e quindi non si attacca più alle mani, potete realizzare dei rotolini sottili (che vedete in foto) da cui ricavare poi tanti cilindretti.
Con un coltello liscio stendetei ogni cilindretto sul piano di lavoro e dategli la forma dell’orecchietta (a me non vengono proprio perfetti… mi devo esercitare di più! la mia mamma è sicuramente più brava 😉 )
Quando sono pronti lasciateli riposare, che si secchino un po’.

Nel frattempo preparate il condimento:
in una teglia versate un filo d’olio e l’aglio.
Lasciate imbiondire un po’ e aggiungete la verza tagliata ed il peperoncino, il pepe e un po’ di sale.
Lasciate rosolare con il coperchio chiuso ma attenzione a non bruciacchiare la verza: ogni tanto aggiungete un po’ dell’acqua di bollitura della pasta.
Quando le orecchiette sono cotte, unitele alla verza, lasciate cuocere un paio di minuti sul fuoco lento sempre mescolando
Infine servite su un piatto aggiungendo un filo d’olio piccante.
Servite il piatto ancora fumante!

La realizzazione dei rotolini
Spianiamo i cilindretti!
Orecchiette come se piovesse!
Il gustoso piatto finale!

Con questa ricetta partecipo al contest “Oggi pranzo fuori – La tradizione rivisitata” di La Melagranata

Precedente Bruschetta con porro e pancetta Successivo Involtini di verza e pancetta

9 commenti su “Orecchiette con la verza

  1. Innanzitutto complimenti per la volontà di conservare le nostre tradizioni, per il risultato, sicuramente incoraggiante e per l’originalità del condimento (che ti copierò). Se mi posso permettere, vorrei darti un consiglio: non passare immediatamente dall’impasto alla lavorazione, lascia riposare per una mezz’oretta l’impasto al coperto, tra due piatti o avvolto in una pellicola, . . . vedrai che i risultati miglioreranno. Mi sembra anche che non stia lavorando sulla superficie giusta, una di legno, può anche essere un grande tagliere, ti aiuterebbe sicuramente. Ciao e facci vedere cose anche più belle.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.