Il Pancake Day

Il Pancake Day (Martedì Grasso, Shrove
Tuesday o Mardi Gras) non è altro che
l’ultimo dei giorni che conclude il
carnevale nei diversi paesi nel mondo.
L’origine del Pancake Day
Ma sappiamo perché in quel giorno si mangia
ogni tipo di leccornie e si fa baldoria?
Il martedì grasso precede il mercoledì delle
ceneri, il primo giorno della quaresima di
digiuno e penitenza per la religione cristiana.
Ora le cose sono cambiate, ma allora veniva
rispettato il digiuno e tutto quello che si

aveva in casa doveva essere consumato
nell’arco dell’ultimo giorno di carnevale per non
cadere in tentazione.
Quindi si dovevano usare il burro, le uova e
le carni, da qui il nome “grasso”.
Il Pancake Day nel mondo
Nei paesi anglosassoni viene chiamato
Shrove Tuesday o Pancake Day. In
particolare, in Irlanda, venivano fatte tante
frittelle con burro e uova e anche al giorno
d’oggi continua la tradizione del Pancake Day e
ci sono ristoranti che li propongono in tutte le
“salse”, salati, dolci, ripieni, vegani…C’è anche
una corsa che tradizionalmente si fa in quel
giorno: si corre con una padella in mano con
dentro un pancake e mentre si corre lo si deve
far girare almeno tre volte. La leggenda
racconta di una massaia intenta a cuocere le
frittelle, utilizzando tutte le riserve di uova e
burro che aveva in casa e non si rese conto che
il tempo passava, finché non sentì la campana
della chiesa del paese che avvertiva l’inizio della
funzione. Non avendo ancora finito prese la
padella e mentre correva verso la chiesa
continuava a girare la frittella… E da qui la corsa

dei pancake.
In Francia, come a New Orleans, Luisiana,
viene chiamato Mardi Gras e viene
festeggiato con grandi parate e maschere nelle
vie principali della città.

Precedente Le origini della torta di mele Successivo Pane in giornata con li.co.li