Strudel di spinaci e feta

La ricetta originale di questo strudel di spinaci e feta l’ho letta su “Torte salate e Quiches”, uno dei vari libretti monografici pescati alle bancarelle;

Strudel salato di spinaci e feta
Lo sturdel tagliato a fettine

prevedeva una sorta di spirale (che io ho trasformato in strudel appunto). Ho eliminato  anche una serie di ingredienti in più (tipo uova, aneto, cipolla), per renderla il più leggera possibile…

Sono rimasti la pasta briseè, la feta (100 gr) gli spinaci (150-160 gr) e il parmigiano.

Con la pasta pronta il procedimento è veloce e semplice. Ripassate gli spinaci in padella con uno spicchio d’aglio, un filo di olio e un pizzico di peperoncino per circa 10 minuti a fuoco basso. Salate. Per dare un sapore più aromatico potete aggiungere una spolverata di Drogapura (Cannamela).

Una volta tiepidi amalgamate bene in una ciotola gli spinaci e la feta, lavorando un po’ con la forchetta finché saranno omogenei. Aggiungere un po’ di parmigiano grattugiato e mescolare ancora. Ah dimenticavo, io ho usato gli spinaci surgelati (che sono precotti), altrimenti vanno sbollentati per 5 minuti prima di ripassarli in padella.

Strudel salato di spinaci e feta
La preparazione dello strudel feta e spinaci

Ho spalmato bene il ripieno sulla pasta briseè: se vi sembra molto sottile non vi fate ingannare, in cottura gli spinaci “crescono”. Poi un filo d’olio e ho arrotolato a formare uno strudel, spennellato ancora con l’olio e un pochino di sale grosso.

In forno già a 200° è stato circa 20 minuti, ma molto dipende dal forno…controllatelo ogni tanto: quando inizia a dorarsi è pronto.Strudel salato di spinaci e feta

Io di solito univo la ricotta o il philadelphia agli spinaci, ma la feta è una scoperta incredibile: più salata e aromatica, ma leggera, dà un sapore molto più stuzzicante 🙂Strudel salato di spinaci e feta

Ingredienti dello strudel di spinaci e feta con un rotolo di pasta briseè (che basta per circa 6 persone come antipasto):

  • 100-120 gr di feta
  • 150-160 gr di spinaci (io ho usato i cubotti precotti, 4 cubi)
  • Parmigiano a piacere
  • Olio, sale grosso, erba cipollina (io non l’ho messa, ma ci sta benissimo come alternativa soft alla cipolla pura prevista dalla ricetta originale)

Se la ricetta vi è piaciuta iscrivetevi alla newsletter: anticipazioni, menu tematici e anche idee no food! Iscriviti qui, è gratuito!

 

Precedente Panetti di pesto alla genovese Successivo Crema di nocciole