Scaloppine di orata al vino bianco

Le scaloppine di orata sono un piatto facilissimo… sempre che siate bravi a spinare l’orata scaloppine di orata al vino bianco(perché io stavo impazzendo). Altre soluzioni? Fatela sfilettare dal pescivendolo oppure comprate i filetti già spinati ;). 

Un giorno ho deciso di fare delle scaloppine di…pesce, e precisamente delle scaloppine di orata, perché avevo pochi ingredienti e un bel pesce fresco. Ecco i pochi passaggi:

  1. Per prima cosa ho sfilettato l’orata togliendo la spina centrale e la pelle. Non è un’operazione semplicissima, o meglio ci vuole un po’ di pratica.
  2. Una volta ricavati i 4 filetti li ho lasciati a macerare nel succo di limone. Più ci restano e meglio è, comunque direi almeno 10-15 minuti.scaloppine di orata al vino bianco
  3. Ho quindi sgocciolato bene i filetti, li ho salati e li ho passati nella farina, per cuocerli a fuoco medio in padella con olio e vino bianco (mezzo bicchiere circa), da far evaporare, per creare quella bella cremina tipica delle scaloppine classiche. In tutto pochi minuti per lato; non appena sono dorate vanno tolte. Se la cremina non è ancora della giusta densità la si continua a cuocere da sola per un altro minuto o due. 

Scaloppine di orata pronte, in pochi minuti. Sono tenere e saporite, davvero deliziose.

scaloppine di orata al vino bianco

L’unica difficoltà di questa ricetta è la fase di eliminazione lische e pelle, perché si rischia di sprecare parecchio pesce. L’ideale sarebbe farsi spinare l’orata direttamente dal pescivendolo ;).

Ricapitolo i pochi ingredienti per ogni porzione:

  • un’orata del peso di circa 350 gr (da intera)
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • il succo di un limone
  • Olio e sale, prezzemolo a piacrimento

Precedente Vincitori del contest Pret A Manger e raccolta Successivo Coppette gelato variegato Nutella