Gelato cappuccino e vaniglia

Dopo il primo esperimento di gelato vaniglia e cioccolato, non ho resistito a sperimentare anche la mia versione preferita, cioè il gelato cappuccino e vaniglia.

Come al solito ho inventato quasi tutto, perché tanto se avessi cercato di copiare la ricetta originale, avrei fatto un fiasco totale. Sono decisamente più brava nell’improvvisazione che nella precisione.

Ho usato 3 albumi (con i tuorli ci ho fatto la mia carbonara rivisitata) e 400 gr di panna fresca da montare per la base, caffè solubile e vaniglia per aromatizzare, e nocciole, cioccolato fondente e biscotti per comporre gli strati. 

 

  1. Anche in questo caso ho montato con le fruste i tre albumi a neve e dopo (mai prima) ho montato la panna con circa 75 gr di zucchero. Li ho uniti girando con una paletta dal basso verso l’alto.
  2. Visto che il mio gelato è bigusto, ho diviso a metà (più o meno…) il composto. In una metà ho aggiunto mezza fialetta di aroma alla vaniglia, nell’altra ho aggiunto 2 bustine monodose di caffè solubile che avevo prima sciolto in una tazzina con poco latte (diciamo un dito come altezza). Per un sapore di caffè più intenso potete usarne anche 3 di bustine.
  3. Ho messo in freezer i due gusti per un paio d’ore.
  4. Nel frattempo ho fatto lo strato biscottato frullando 120 gr di biscotti secchi (quelli che si usano anche per le cheescake) con un cucchiaio di zucchero di canna. Ho aggiunto 40 gr di burro sciolto e mescolato per far amalgamare. Ho creato due strisce molto sottili e le ho fatte riposare in frigo.
Preparazione bigusto e biscotto

A questo punto veniamo agli strati…

Dopo aver sciolto 50-60 gr circa di cioccolato fondente ho creato gli strati in questo modo:

  1. Gusto caffè
  2. Biscotto

    Prima il caffè, poi lo strato biscottato…anche se si rompe non fa niente!
  3. Cioccolato fondente sciolto con la mia tecnica improvvisata del cucchiaino che si agita vorticosamente in orizzontale e verticale (occhio ai vestiti ;)) cercando di creare una rete sottile di fili di cioccolato
  4. Gusto vaniglia

    Il cioccolato lo distribuisco a “rete”, poi il secondo gusto
  5. Cioccolato sciolto
  6. Gusto caffè
  7. Biscotto
  8. Cioccolato sciolto
  9. Gusto vaniglia
  10. Cioccolato sciolto
  11. Granella di nocciole (io ho frullato delle nocciole intere, una decina, ma credo si trovi anche la granella già pronta).

In freezer per una notte ed è pronto!

Grazie alla mia indiscutibile abilità nel taglio…non si vedono perfettamente gli strati nella fetta finale, ma il sapore era fantastico ;).

Ingredienti per riempire uno stampo da plumcake riempito fino a ¾ circa:

  • 3 albumi
  • 400 gr di panna fresca
  • ½ fialetta di aroma alla vaniglia
  • 2-3 bustine monodose di caffè solubile
  • 75 gr di zucchero semolato + un cucchiaio di zucchero di canna
  • 120 gr di biscotti secchi
  • 40 gr di burro
  • 60 gr di cioccolato fondente
  • Granella di nocciole

Precedente Carbonara ubriaca Successivo Rotolini di carasau svuota frigo

Un commento su “Gelato cappuccino e vaniglia

I commenti sono chiusi.