Sacher Torte a modo mio

sacher

A modo mio perché ho preso diverse ricette e le ho messe insieme, perché a me piacciono le torte al cioccolato umide e non quelle secche e dure e le sacher che ho mangiato fino ad ora mi davano quest’impressione…a modo mio perché è venuta proprio come volevo io…che aspettate?? Provatela!

Ingredienti:

per la base:

  • 250 gr burro
  • 175 gr zucchero
  • 1/2 stecca di vaniglia
  • 1 pizzico di sale
  • 8 uova
  • 300 gr cioccolato fondente
  • 125 gr di farina
  • 75 gr fecola
  • 75 gr farina mandorle
  • 1/2 bustina di lievito per dolci

Per farcire:

  • Marmellata di albicocche

Per glassare:

  • 100 gr marmellata di albicocche
  • 150 gr acqua
  • 150 gr zucchero
  • 300 gr cioccolato fondente

Procedimento:

Sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria o nel microonde con la tecnica dei colpetti (la tecnica dei colpetti la trovate qui).

Inserire nella planetaria il burro a temperatura ambiente tagliato a pezzetti e un pizzico di sale, cominciare a montarlo con la frusta, quando inizia a montare unire lo zucchero e i semi della bacca di vaniglia. Continuare a montare fino a che il composto non sarà ben amalgamato. Con la frusta in movimento unire gli 8 tuorli d’uovo uno alla volta (aggiungere il successivo solo dopo che il precedente sarà stato assorbito), poi il cioccolato fondente sciolto a bagnomaria, la farina, la fecola, la farina di mandorle e la mezza bustina di lievito.

Poi montare con le fruste elettriche a neve semimontata gli 8 albumi d’uovo e aggiungerli delicatamente al composto di uova, farine e cioccolato. Imburrare e infarinare uno stampo (io uso lo staccante spray), versarvi il composto e infornare in forno preriscaldato a 160° statico per circa un’ora. Prima di tirarla fuori fate la prova stecchino, se infilando uno stecchino nel dolce viene fuori asciutto significa che è cotto.

Una volta tirata fuori dal forno la base, sformatela e mettetela a freddare su una gratella. Quando sarà ben fredda (io per sicurezza l’ho cotta il giorno prima), ponetela su un piano e tagliatela a metà con un coltello seghettato. Spalmate l’interno del disco inferiore di marmellata di albicocche e poi ricomponete il dolce.

Prendete a questo punto i 100 gr di marmellata di albicocche e scioglierla in microonde, poi passarla al setaccio in modo che non ci siano impurità o pezzi di frutta, e con un pennello spennellate tutta la superficie del dolce, utilizzandola tutta. Questa operazione servirà a far si che la glassa con cui andrete a finire il dolce abbia un aspetto liscio ed omogeneo.

Mettete in un pentolino l’acqua e lo zucchero ed aspettate che si sciolga tutto lo zucchero e a parte sciogliete a bagnomaria o al microonde con la tecnica dei colpetti il cioccolato. Quando il cioccolato sarà fuso unire allo sciroppo di acqua e zucchero e continuare a mescolare sul fuoco fino a che il tutto non sarà ben amalgamato, togliere dal fuoco e lasciar raffreddare per almeno 1 oretta.

Ora comincia l’operazione più difficile per chi come me non è abituata a decorare dolci (se vedete bene sul mio blog di torte decorate non ce ne sono 😀 ), e cioè la glassatura della superficie della torta. Tutti i libri di ricette e le ricette che trovate sul web dicono di mettere il dolce su una gratella, versare la glassa sulla torta partendo dal centro della stessa e poi lasciare che la glassa si allarghi “a cascata” fino ad arrivare anche a ricoprire i lati; personalmente ho le mie obiezioni a questo metodo: a me è sempre sembrato che in questo modo si sprecasse moltissima glassa, perché fino a quando la stessa non arriva a ricoprire tutta la torta, moltissima glassa cade dalla gratella e viene sprecata, inoltre ho sempre avuto l’impressione che in questo modo la glassa non rimanesse attaccata ai fianchi del dolce, e ultimo (ma non meno importante) era la mia prima volta con questo tipo di operazioni, e non volevo fallire:) Mi sono quindi rivolta verso una pratica che mi è sembrata più gestibile.

Prendete la glassa e versatela sulla torta partendo dal centro della stessa, con una spatola spargetela su tutta la superficie del dolce fino a ricoprirlo omogeneamente. Passate ora ai fianchi, con la spatola mettete un po’ di glassa sui fianchi della torta, ricoprendo porzione per porzione, e riprendendo la glassa che si raccoglie sul piatto e riportandola sul dolce. Facendo in questo modo, pian piano la glassa raffreddandosi si fermerà sui fianchi del dolce e voi avrete il vostro dolce ricoperto anche sui fianchi. Certo ci vorrà un po’ di tempo , ma secondo me il risultato è assicurato. Una volta ricoperto tutto il dolce uniformemente riporlo in frigo per almeno un paio d’ore (io ho fatto questa operazione la sera prima del giorno in cui doveva essere servito), trascorse le quali prendere il dolce e scrivere la scritta sacher con una sac a poche con beccuccio molto fine, e fate le decorazioni che la fantasia vi suggerisce. A questo punto il dolce è pronto per essere servito con una cucchiaiata di panna sedimentata, rigorosamente senza zucchero.

Un ultimo suggerimento sui tempi di realizzazione di questa torta. Dovevo portarla ad un pranzo domenica, ho cominciato il venerdì preparando la base, l’ho farcita e ricoperta sabato sera e ho fatto la scritta domenica mattina. In questo modo il dolce si insaporisce anche di più, le mie papille gustative possono garantire:)

Print Friendly
Precedente Le mantovanine ovvero il pane dei ricordi Successivo Brezel

2 commenti su “Sacher Torte a modo mio

Lascia un commento


*