Angel food cake

Facevo la corte a questo dolce da molto tempo, vista la sua nota assenza di grassi mi premeva provarlo, ma mi mancava sempre l’ingrediente principale: lo stampo apposito. Ebbene si perché questo dolce necessita del suo stampo apposito perché va fatto raffreddare capovolto e lo stampo ha 3 piedini che ne permettono il capovolgimento senza che i brodi tocchino il tavolo ed è antiaderente, così da evitare lo “scivolamento” del dolce dallo stampo stesso:)

Pochi giorni fa però, ho trovato un’offerta conveniente su internet e l’ho preso, ed eccomi qui…ho preso la ricetta sul web ed ho poi provato quella di Mysia, preferisco la prima provata e ve la posto di seguito, con alcune mie piccole modifiche nel procedimento 😀

Ingredienti:

– 480 gr. di albumi (circa 12)

– 280 gr zucchero

– 135 gr di farina 00

– 1 bustina di vanillina (o 1 bacca di vaniglia)

– 1 cucchiaino di cremor tartaro

 

Procedimento:

Mettere nella planetaria gli albumi a temperatura ambiente e il cremor tartaro e iniziate a lavorarli per montarli, aggiungere lo zucchero gradatamente continuando a sbattere bene. Gli albumi devono risultare ben montati e lucidi. A parte setacciare la farina e la vanillina un paio di volte, e poi amalgamarla con gli albumi montati a neve con una spatola, con un movimento dal basso verso l’alto per evitare di smontare gli albumi. La farina deve essere aggiunta un cucchiaio alla volta, aspettando che ogni cucchiaio sia stato ben incorporato prima di mettere il successivo. Versare il composto in uno stampo da angel food cake NON imburrato e infarinato, né coperto da carta forno, né oliato e livellare bene la superficie. Mettere in forno già caldo a 180° per 40 minuti circa a forno statico. Verificare la cottura con uno stuzzicadenti. Una volta pronta togliere dal forno e mettere a raffreddare il dolce capovolto (sugli appositi piedini oppure mettendo il foro centrale dello stampo sul collo di una bottiglia). Una volta fredda fate passare un coltello lungo i bordi e poi sformate la torta. Noi l’abbiamo mangiata al naturale, è stata la nostra colazione per alcuni giorni, ma potete anche servirla con della glassa al cioccolato, salse di frutta un po’ acidule (la torta è molto dolce) o quello che più vi piace :)

photo2collageimage 3

Print Friendly
Precedente Tiramisu ai fichi d'india Successivo Ravioli al cacao ripieni di gorgonzola e taleggio

Lascia un commento


*