Macaron – ricetta di Luca Montersino

Print Friendly, PDF & Email

I macaron sono dei pasticcini di origine francese a base di farina di mandorle ed albumi. Si presentano come una sorta di biscottini colorati farciti e …. sono davvero deliziosi!

Macaron - ricetta passo passo di Luca MontersinoI macaron possono essere preparati con molte ricette ma io ho deciso di provare quella di Luca Montersino, un nome … una garanzia. Sono rimasta molto soddisfatta del risultato, anche se i miei macaron sono molto modesti, il sapore è davvero eccezionale. Di solito le farce sono abbinate per colore al macaron, ma io, anche se li ho fatti rossi e gialli, li ho farciti tutti con una ganache al cioccolato fondente e rum.

Macaron - ricetta passo passo di Luca MontersinoMacaron

Ingredienti per i macaron:

  • 215 gr di farina di mandorle finissima
  • 350 gr di zucchero a velo
  • 30 gr di farina 00
  • 190 gr di albumi (di qualche giorno)
  • 90 gr di zucchero semolato
  • coloranti alimentari vari.

Ingredienti per la ganache:

  • 250 ml di panna fresca
  • 250 g di cioccolato fondente
  • 40 g di burro
  • 1 cucchiaio di rum

Setacciare lo zucchero a velo, la farina di mandorle e la farina 00.

Montare a neve ben ferma gli albumi (a temperatura ambiente) con lo zucchero semolato.

Aggiungere gradatamente prima lo zucchero a velo, poi la farina di mandorle ed infine la farina.

In questo procedimento la cosa importante è che mentre si aggiungono i tre ingredienti si mescoli continuamente con movimenti dal basso verso l’alto per evitare che il composto si smonti.  

Se si desidera ottenere dei macaron colorati con diversi colori bisogna dividere il composto in più ciotole ed aggiungere ad ognuna un po’ di colore in polvere.

Mettere il composto ottenuto in una sac a poche e distribuirlo su una teglia rivestita con carta da forno. Formare dei piccoli spuntoni, possibilmente tutti uguali, e lasciarli riposare per circa un’ora a temperatura ambiente.

Macaron - ricetta passo passo di Luca MontersinoMacaron - ricetta passo passo di Luca Montersino

Preriscaldare il forno a 180°C ed infornare i macaron. Dopo 2 minuti portare la temperatura a 160°C e continuare la cottura per altri 8 minuti.

Macaron - ricetta passo passo di Luca MontersinoMacaron - ricetta passo passo di Luca Montersino

Lasciare raffreddare i macaron e poi staccarli delicatamente, facendo attenzione a non farli rompere. Se il procedimento è stato fatto bene si otterranno dei biscottini dalla superficie molto liscia e dalla base rugosa, con un collarino irregolare che è la vera peculiarità di questo pasticcino francese! 

Macaron - ricetta passo passo di Luca Montersino

Per la preparazione della ganache mettere in un pentolino 250 ml di panna e appena bolle spegnere ed aggiungere il cioccolato sminuzzato. Con l’aiuto di una frusta sciogliere il cioccolato, quindi aggiungere il burro ed il rum. Omogeneizzare il composto e lasciarlo raffreddare a temperatura ambiente, mescolando di tanto in tanto.

Quando la ganache avrà raggiunto la giusta consistenza metterla in una sac a poche e farcire i macaron.

Macaron - ricetta passo passo di Luca Montersino

I macaron si possono conservare per 10-15 giorni a temperatura ambiente se riposti in scatole di latta. In questo modo potrete consumarlia anche a merenda o a colazione! Io ti consiglio di provarli con un frappè o uno yogurt, uno snack veloce e gustoso per migliorare la tua giornata.Macaron - ricetta passo passo di Luca Montersino

 

Se ti piace la ricetta seguimi anche su Facebook cliccando “mi piace” su questa pagina fb:

facebook-love1

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente Tortino di alici e zucchine Successivo Semifreddo al torrone - ricetta riciclo pandoro

21 commenti su “Macaron – ricetta di Luca Montersino

  1. grazia il said:

    Buon giorno Pina,cercavo una buona ricetta dei Macarons cercavo proprio quella di Montersino,vorrei chiederti se e’ possibile infornare + teglie (almeno 2)nel forno e se cmq il risultato nn venga compromesso.E poi vorrei chiederti se il rusultato verrebbe meglio col forno statico o ventilato?? Complimenti sinceri x ttt e un grazie anticipato

    • pinaincucina il said:

      Io inforno una teglia per volta, ed uso il forno ventilato poichè il mio forno è solo ventilato. Penso che vengano bene anche nel forno statico.

    • pinaincucina il said:

      Ciao Martina,
      sinceramente non li ho contati, però ti garantisco che ne vengono fuori tanti. Di sicuro, l’ultima volta ho raddoppiato le dosi…..ed erano davvero troppi!

  2. giovanna il said:

    Ciao scusami, mi sembrava di aver già postato un commento ma non so cosa è successo, comunque lo riposto adesso.
    Tu dici di utilizzare la ricetta di Montersino ma non è così! Lui utilizza sempre la meringa detta all’italiana, quella con lo sciroppo di zucchero a 118° per intenderci ed il forno per le meringhe deve essere assolutamente statico. Ora non metto in dubbio che la tua ricetta sia fantastica ma se qualcuno la volesse replicare e non otterrebbe un buon risultato se la prenderebbe sicuramente con Montersino che è più conosciuto di l’apina non credi?
    Quindi se divulghiamo una ricetta di un maestro divulghiamo quello o quantomeno specifichiamo le variazioni che abbiamo effettuato, molto semplicemente. Cari saluti

    • pinaincucina il said:

      Ciao Giovanna.
      Mi scuso se non ho risposto prima, ma ho avuto dei problemi personali e quindi solo adesso torno sul mio blog.
      Innanzitutto sono dispiaciuta di sentire una nota di acidità nel tuo commento! Io di solito quando apporto delle modifiche alle ricette le segnalo sempre, e comunque tutte le foto che pubblico sono originali e sono il risultato di quello che realizzo. Chi mi segue si fida di ciò che dico e si fa un’idea anche dalle foto. Fatta questa dovuta premessa, ti dico che la ricetta da me realizzata è quella fatta da Luca Montersino alla “Prova del cuoco” e a testimonianza di quello che dico ti invito a visionare questo video che ho recuparato dal web:

      http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-9cd2993e-aa00-44ce-9a26-bfb9043ae6e2.html

      Sicuramente ci sono altre ricette di Montersino in cui lui utilizza la meringa all’italiana, basta andare sul suo blog e trovare altre ricette di macaron:
      http://www.peccatidigola.tv/index.php?s=macaron&btnSearch=

      Ma non sono quelle le ricette che ho realizzato!

  3. giovanna il said:

    Scusami tanto, ma questa non è propriamente la ricetta di Montersino, lui utilizza generalmente la meringa detta all’ italiana cioè con lo sciroppo di
    zucchero a 118° ed è così che i francesi fanno i macaron. Se dici di usare la ricetta di qualcuno devi usare quella se no specifichi i cambiamenti….non è poi così difficile.

  4. enza il said:

    Ciao sono tentata da provare d nuovo i macarons e spero in un ottima riuscita. La scorsa volta l ho provati con una ricetta diversa e restaronoo attaccati alla teglia. Vorrei sapere ma prima d infornarli devo asp ke si asciughino in superficie o no?? Risp al piu presto please

    • pinaincucina il said:

      Ciao Enza, scusami se ti rispondo solo ora ma ho avuto dei problemi personali e solo ora ritorno sul mio blog.
      Nella ricetta che ho visto di Montersino non è specificato, però io ho letto nel web che sarebbe meglio aspettare. Io comunque li ho fatti in entrambi i modi ed il risultato è lo stesso. Ricordati di usare la carta da forno o quei tappetini di silicone, che si trovano in commercio, proprio per fare i macaron, ed aspettare che si raffreddino bene prima di staccarli. Recentemente mi hanno regalato un tappetino del genere e devo dire che è davvero ottimo!

  5. Angelica il said:

    Ciao,ho appena visto i tuoi macaron e sono stupendi…complimenti.io ho il forno ventilato li posso fare lo stesso?grazie e complimenti ancora

  6. Pina…. i tuoi macarons sono degni della vetrina di Ladurèe, praticamente perfetti! Montersino è sempre una garanzia, quindi mi segno la ricetta e li proverò al più presto, bravissima!!! Evelin 🙂

  7. Ne sento parlare tanto,non li ho mai assaggiati… chiedendo a chi ne ha avuto la possibilità di comprarli a parigi i pareri sono contrastanti…l’aspetto mi attira molto e i tuoi sembrano davvero deliziosi.
    Prima o poi li proverò.
    Buona domenica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.