VARIAZIONI DI PESO NELLA BOLLITURA

VARIAZIONI DI PESO NELLA BOLLITURA

Tabella di Piero Benigni

La tabella che vi presento oggi è sicuramente molto utile, perché permette di sapere velocemente quanto pesa, da cotto, un etto di alimento crudo.

Consente inoltre di ottenere anche l’inverso, cioè sapere il peso da crudo che corrisponde a un etto di alimento cotto.

la cucina di piero

http://blog.giallozafferano.it/pierobenigni/variazioni-di-peso-nella-bollitura/

VARIAZIONI DI PESO NELLA BOLLITURA

Note

TABELLA DI PIERO BENIGNI

VARIAZIONI DI PESO NELLA BOLLITURA

Apparirà certamente subito chiaro quanto possa aiutare la tabella sia per l’acquisto dei cibi da cuocere, sia per la valutazione di quelli già cotti.

Esempio n.1 di uso della tabella

Facciamo un breve esempio: si sa che per i fagioli si considerano, da crudi, 50 g a testa come contorno oppure 80 g come porzione.

Se però vi trovate a comperarli già cotti, in scatola o in una gastronomia, come fate a sapere quanti ce ne vogliono come contorno per 6 persone?

Facile: la tabella vi dice che 100 da crudi diventano 240 g da cotti, quindi il peso da secco si moltiplica per 2,4. Basterà la semplice operazione 50 x 6 x 2,4 = 720, che è il peso (sgocciolato) dei fagioli cotti che vi servono.

Esempio n. 2 di uso della tabella

Immaginiamo che comperiate 2 palline di spinaci cotte per una cena con 6 ospiti, che pesano 750 g in totale.

Dopo la cena vedete che ve ne avanzano però 200 g, e quindi ve ne sarebbero bastati 550 g da cotti. Immaginiamo anche che vi chiediate a quanti spinaci crudi corrispondono questi 550 g, perché per il futuro preferite cuocerli voi.

Semplice: dalla tabella si vede che 100 g di spinaci cotti corrispondono a 125 g da cuocere, quindi il peso da cotto (550) va moltiplicato per 1,25 e si ottiene 687, che arrotondato e con lo sciupo della mondatura vi dice di comprarne 700 o 750 g, a seconda di come sono di aspetto.

Aggiungo che chi volesse approfondire la conoscenza della Cucina Toscana, può consultare i siti:

Wikipedia Cucina toscana

Regione toscana alimentazione

Precedente TORTA DI RISO ARETINA Successivo I TARTUFI

Lascia un commento