Crescia sfogliata di Urbino

 
20150127_213105
Sicuramente tutti  conosciamo la piadina romagnola, ma quanti di voi conoscono la buonissima crescia sfogliata di Urbino? Si tratta della sorella della piadina, ma più ghiotta, da farcire con salumi, formaggi , erbe di campo, spinaci cotti in padella, pomodori, tonno, mozzarella, rucola , ma anche salsiccia, stracchino. Buonissima anche la versione al cioccolato: come la piadina alla nutella è un dolce al quale non si può rinunciare. La forma assomiglia alla piadina ma si tratta di un piatto completamente diverso: la piadina era il “pane povero di tutti i giorni”, a base di acqua e farina, quindi un piatto semplice e veloce da fare, mentre la crescia è nata per la tavola dei  grandi signori,  non sicuramente per tutti i giorni, ma per festeggiare occasioni speciali. Quindi un piatto un pò complesso nella preparazione e nell’insieme raffinato di consistenza e sapore,c omposta invece da uova , pepe, strutto, ingredienti più ricchi e ricercati. Insomma che dire una sfiziosità da provare….! 

DSC_2065

Ingredienti:

400 g di farina petra 3 ( oppure usare farina 0 )
2 uova
1 cucchiaio di strutto
100 g di latte
1 cucchiaino colmo di sale
1 macinatina di pepe nero 
1 cucchiaino raso di bicarbonato
50 g di strutto per sfogliare
 
Nella planetaria versate la farina setacciata,, unite lo strutto morbido e mescolate. Fate assorbire bene. Aggiungete le uova ,il sale e il pepe e il bicarbonato. Impastate aggiungendo il latte  poco per volta. 
Una volta pronto formate delle palline più o meno dello stesso peso  130/140 gr, e mettetele in frigo coperte per mezz’ora. Stendetele sottili,  prendete il resto dello strutto e mettetene una punta sulla dita della mano, massaggiando la sfoglia. Arrotolatele su se stesse formando dei rotolini. Poi con i rotolini di pasta create delle chioccioline strette, rivoltando in basso l’estremità esterna. Fatele  riposare in frigo x 1 ora o fino a quando deciderete di prepararle, avvolte nella pellicola trasparente.
 
Scaldate il testo oppure una padella antiaderente, deve essere molto caldo,ungete la spianatoia con poco olio e cominciate a tirare la crescia, molto sottile ,toglietela dalla spianatoia con tutte e due le mani e ponetela sul testo fatela  girare aiutandovi con la lama di un coltello. Cuocete per pochi minuti per parte,fino a quando la parte a contatto col calore sarà dorata e presenterà delle piccole macchioline scure. Non cuocetele troppo, altrimenti si seccano e poi si spezzano. Man mano che le cresce saranno pronte, disponetele  su un piatto e copritele con un canovaccio, in modo che si mantenga caldo, ma soprattutto perchè si conserveranno  con una certa umidità. Ed ecco pronta le cresce. Ora farcitele con quello che più vi aggrada e che vi suggerisce la vostra fantasia! Possono essere piegate a portafoglio, o arrotolate su se stesse.Servitele ben calde! 
Bon Appetit!
 
Note: Se se vi avanzano si mantengono  in frigo per una settimana, oppure in freezer per un mese avvolte nella pellicola!
 
Vuoi  diventare fan della mia pagina Facebook per essere così sempre aggiornati sulle mie nuove ricette e restare in contatto con me?  Allora cliccate qui e poi mettete MI PIACE. Ti ringrazio !!!
DSC_206020150127_214519_LLS20150127_214641_LLS

Finger food e sfiziosità

Informazioni su Peperoniverdifritti

Ciao benvenuto nel mio blog! Mi chiamo Francesca , abito in un bel paesino in provincia di Cosenza! Non sono una cuoca professionale, infatti svolgo tutt'altro lavoro, ma amo molto cucinare. E' una passione che coltivo fin da piccola. In cucina mi piace sperimentare sempre nuove ricette e usare prodotti freschi di qualità e soprattutto di stagione .. Ho tante passioni, in assoluto la mia famiglia che adoro, la CUCINA, le vacanze al mare, il mio lavoro… poi un giorno ho scoperto i BLOG di GIALLO ZAFFERANO e così per gioco ho iniziato questa avventura. Mi sono iscritta con il mio BlogPeperoniverdifritti, nome non a caso, in quanto adoro questo ortaggio in tutte le salse… Come già detto, adoro cucinare, soprattutto le paste fresche, il pesce, i primi piatti e sopratutto sono una grande appassionata di pane e lievitati di tutte le specie, mi attraggono molto e con l’arrivo del freddo è sempre un piacere! Non riesco a rinunciarci. E rimanere con il naso davanti al forno e vedere una massa più o meno densa trasformarsi... è un momento che mi affascina molto Ringrazio anticipatamente chi verrà a trovarmi su Peperoni verdi fritti, spero di esservi di spunto per le vostre ricette, accetto anche consigli. Vi aspetto! Grazie.

Precedente Panini di pasta brioche Successivo Pesce spada alla messinese

2 commenti su “Crescia sfogliata di Urbino

  1. Giorgio il said:

    Il Bicarbonato quando va inserito nella ricetta?
    Sicura di non aver dimenticato il lievito di birra?
    Ciao

    • Peperoniverdifritti il said:

      Ciao, no nella ricetta della crescia non va’ assolutamente il lievito di birra! Il bicarbonato funge da lievito! Scusami, ho dimenticato di scriverlo!l’ho aggiunto ora! fammi sapere come vengono! buona domenica e buona crescia!

I commenti sono chiusi.