Sgombro, Pesche, olive al Forno e Scotch Bonnet

Sgombro, Pesche, olive al Forno e Scotch Bonnet

Sgombro, Pesche, olive al Forno e Scotch Bonnet
Sgombro, Pesche, olive al Forno e Scotch Bonnet

Lo sgombro, conosciuto anche come maccarello o lacerto, vive in branchi ed è diffuso in tutto il Mediterraneo, nel Mare del Nord e nell’Atlantico settentrionale.
Rimane gregario anche in età adulta e ha attitudine pelagica.
Dal punto di vista nutrizionale, lo sgombro è un alimento a dir poco eccezionale. Come tutte le altre specie appartenenti alla famiglia del pesce azzurro, anche lo sgombro è particolarmente ricco di acidi grassi polinsaturi omega 3, in particolare di acido eicosapentaenoico (EPA) e docosaesaenoico (DHA).
Oltre a proteggere dalle malattie cardiovascolari, l’abbondante presenza di grassi “buoni” conferisce alle carni un sapore caratteristico, deciso e gustoso. Lo sgombro è anche ricco di proteine facilmente digeribili e ha un apporto calorico modesto. Non deludono le concentrazioni di minerali e vitamine.

Lo sgombro viene commercializzato fresco, surgelato o lavorato e inscatolato. Essendo particolarmente diffuso nei nostri mari ha un prezzo contenuto.
Lo Scotch Bonnet, conosciuto anche come Boabs Bonnet, Scotty Bons, Bonney peppers, o peperoncino rosso dei Caraibi (Latino: Capsicum chinense) è una varietà di peperoncino. Si trova di solito nelle isole caraibiche, in Guyana, alle Maldive e in Africa occidentale. Nella scala di Scoville è tra 100,000–350,000.
Il nome Scotch Bonnet, deriva dalla somiglianza dei frutti con “Il Berretto Scozzese”
La pianta ha forma ad alberello i frutti sono molto carnosi, la piccantezza medio alta, la produttività altissima, la produzione da agosto a fine ottobre.

Ingrediente per 4 persone

4 sgombri
4 pesche
½ limone
½  peperoncino Scotch Bonnet
20 olive nere al forno
Sale q.b.
Olio EVO q.b.
Qualche rametto di timo

Preparazione

Ho deciso di abbinare le olive nere e il peperoncino Scotch Bonnet, a questa ricetta, per equilibrare il sapore, in quanto sia lo sgombro sia la pesca hanno una tendenza dolce, per evitare che il piatto “stucchi” ho aggiunto del piccante di qualità e dell’amaro dato dalle olive a forno.
Pulite lo sgombro, dopo aver separato i filetti. aiutandovi con il dorso del manico di una forchetta fate alzare le lische centrali e con una pinzetta eliminatele, salate i filetti.
Tagliate ½ peperoncino eliminate i semi, in una ciotola mettete il succo di ½ limone e la stessa quantità di olio, aggiungete il peperoncino amalgamate bene, aggiungete le foglioline del timo, fate riposare per 5 minuti.
Deponete i filetti con la pelle in basso in una teglia foderata di carta forno, aggiungete la pesca tagliata a fettine, e le olive che avete privato del nocciolo, irrorate con il liquido di marinatura.
Infornate a 180 gradi, per circa 15 minuti, servite decorando con qualche fogliolina di timo fresco.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

 

Filetti
Filetti
Pesche
Pesche
Prima della cottura
Prima della cottura
Dopo la Cottura
Dopo la Cottura
Precedente Risotto pomodorini confit, burrata e filetti di acciughe di Cetara Successivo CACCIUCCO LAB 2018

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.