Grilli al posto della bistecca per ridurre i gas serra

Grilli al posto della bistecca per ridurre i gas serra

Grilli al posto della bistecca per ridurre i gas serra

Grilli al posto della bistecca per ridurre i gas serra

Dimezzando consumo di carne si riduce di un terzo uso del suolo

Per amore dell’ambiente forse un giorno ci dovremo rassegnare a sostituire bistecche e spiedini di pollo con grilli, larve e altri insetti: così facendo potremmo contribuire alla riduzione delle emissioni di gas serra correlate all’allevamento del bestiame e combattere i cambiamenti climatici. Secondo uno studio scozzese se si rimpiazzasse con insetti metà della carne mangiata nel mondo si ridurrebbe di un terzo lo sfruttamento di terreni agricoli, riducendo significativamente i gas serra emessi in atmosfera.

Pubblicato sulla rivista Global Food Security, lo studio è stato condotto dall’Università di Edimburgo sulla base di dati della Fao. È vero che lo scetticismo di molti consumatori di fronte agli insetti nel piatto ne limita il consumo, ma i ricercatori sottolineano che anche un incremento minimo in questo senso potrebbe portare benefici. E ciò si potrebbe ottenere non tanto grigliando locuste e scarafaggi, ma magari usando gli insetti come ingredienti in alcuni cibi pronti.I ricercatori sottolineano che gli insetti, ma anche i surrogati della carne come il tofu, sono la scelta proteica più sostenibile perché richiedono una minor quantità di terra ed energia per la loro produzione. La bistecca è la meno amica dell’ambiente. Contrariamente a studi precedenti, aggiungono gli scienziati, la carne creata in laboratorio è invece risultata non più sostenibile di pollo o uova.

Fonte ANSA.it

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*