Aguglia

Aguglia

Aguglia
Aguglia

Corpo molto allungato, affusolato e compresso: il capo presenta mandibole e mascelle sottili, lunghe e pronunciate che sembrano un becco corneo molto flessibile con denti piuttosto grossi e appuntiti. Il corpo presenta la linea laterale sulla parte bassa del ventre, la pinna dorsale e la pinna anale poste nella parte posteriore e non presenta pinnule. Il colore di questo pesce gregario varia dal grigio argentato/blu più scuro sul dorso che sfuma nell’azzurro sui fianchi diventando bianco/giallastro sul ventre. Può raggiungere una lunghezza di 90 cm.

Utilizzare l’Aguglia in cucina

La carne dell’aguglia è compatta e di colore bianco, appena rosato. Caratteristica di questo pesce è quella di avere uno scheletro verdastro dovuto ad un pigmento biliare (anche se molte persone credono che il pesce, vista la colorazione interna, possa essere andato a male).
Le carni sono di buona qualità e molto apprezzate in cucina. Le modalità di cottura sono prevalentemente ai ferri oppure fritta, ma non si fa disprezzare se cotta in umido o in padella.
Se tagliata a piccoli tranci è fantastica preparata come spiedino da cucinare alla griglia, magari alternando i tranci a verdure di stagione.

Ottima anche al forno.

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

Precedente Dieta Mediterranea, a Foggia nasce Centro studi Successivo Arte del pizzaiuolo napoletano è patrimonio dell'Unesco

Lascia un commento

*