Zeppole di San Giuseppe

Le Zeppole di San Giuseppe è un dolce che solitamente si prepara il 19 marzo. La preparazione e la composizione varia un po’ a seconda delle regioni. Le Zeppole di San Giuseppe che vi presento io sono quelle tradizionali con il ripieno di Crema pasticcera (vedi la ricetta) e l’amarena sciroppata come decorazione.

Zeppole

 

 

 Ingredienti

  • 160 gr farina 00
  • 4 uova
  • 70 gr burro
  • 40 gr zucchero
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • 250 ml acqua
  • 1 pizzico di sale
  • Olio di arachide per friggere
  • 800 gr di Crema pasticcera (vedi la ricetta)
  • Amarene sciroppate
  • Zucchero a velo

Preparazione

In un pentolino versare l’acqua, mettere il burro a pezzetti e il sale. Portate lentamente ad ebollizione, mescolando con un cucchiaio di legno.

image

Appena il burro si scioglie e l’acqua bolle, togliete il pentolino dal fuoco e versare la farina setacciata.

Mettere di nuovo il pentolino sul fuoco e continuare a mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo, come una palla compatta. Continuare per altri 10 minuti.

image

Togliere il pentolino dal fuoco e aggiungere lo zucchero. Mescolare bene.

image

Trasferire il composto in una ciotola e far intiepidire.

Appena tiepido aggiungere la scorza di limone grattugiata e le uova, una alla volta. Non aggiungere un’altro uovo finché non si sarà amalgamato il precedente.

image
Lavorare con la frusta fino ad ottenere un composto liscio.

image

Versare il composto in una sac a poche con il beccuccio a stella.

image
Iniziare a formare le Zeppole di San Giuseppe. Stendere un foglio di carta da forno. Prendere la sac a poche e creare la base con un movimento a spirale. Sopra questo disco ottenuto, formare un cerchio, in modo che rimanga la cavità all’interno, che servirà in seguito per mettere la crema. A destra è il primo disco e a sinistra con il cerchio superiore.
image
image

Tagliare la carta da forno per ogni zeppola.

image

In una padella portare a 160° l’olio di arachidi e immergere la zeppola con tutta la carta forno, si staccherà da sola.

image

Friggere una o massimo due zeppole per volta, per non abbassare la temperatura dell’olio. Girare spesso le Zeppole di San Giuseppe durante la cottura, perché facilita la gonfiatura e si cuoce meglio. Togliere le zeppole quando sono dorate e belle gonfie, mettendole su carta assorbente.

Zeppole

 

Raffreddare le Zeppole di San Giuseppe, farcirle con la Crema pasticcera, posizionare un’amarena sciroppata in cima e spolverare con zucchero a velo.

 

Zeppole

Si consiglia di mangiare le Zeppole di San Giuseppe appena fatte, ma si possono conservare in frigo per un paio di giorni.

Zeppole

Precedente Crema pasticcera Successivo Fagottini con funghi e pancetta su vellutata di piselli