Crea sito

Pan Bauletto

Prepariamo un Pan Bauletto soffice e morbido?!

Conoscete il metodo Tang Zhong? E’ un metodo di origine cinese che rende i lievitati (sia dolci che salati) morbidi, leggeri ed elastici e che si conservano più a lungo senza perdere queste caratteristiche.

Pan Bauletto

Il Tang Zhong, o Water Roux, è uno starter composto da farina e acqua in rapporto 1:5 : si mescolano questi due ingredienti in un pentolino, si portano alla temperatura di 65° (si formerà una sorta di besciamella) e una volta che si è raffreddato il composto ottenuto, si può inserire all’interno dell’impasto da preparare.

Pan Bauletto

Per preparare il Pan Bauletto mi sono ispirata alla ricetta di Nella Cucina di Laura!

Pan Bauletto

Per il Tang Zhong:

  • 25 g di farina 0;
  • 125 ml di acqua.

Per l’impasto:

  • 400 g di farina 0;
  • 100 g di farina manitoba;
  • 4 g di lievito di birra disidratato;
  • 230 ml di acqua;
  • 1 cucchiaio colmo di malto (o miele);
  • 2 cucchiaini di sale;
  • 30 ml di olio.

Cominciamo preparando il Water Roux: mescoliamo prima a freddo la farina aggiungendo poco alla volta l’acqua in modo da evitare la formazione di grumi.

Trasferiamo su fuoco basso e, continuando a mescolare, portiamo alla temperatura di 65°.

Chi non avesse il termometro da cucina (come me!) non ha importanza! Quando vediamo che si inizia a diventare più denso e gelatinoso (a me ricorda la besciamella ma più biancastra!) vuol dire che è pronto.

Facciamolo raffreddare, mescolando di tanto in tanto in modo che non si crei la crosticina in superficie; oppure copriamolo con pellicola trasparente.

Quando il Water Roux è freddo, procediamo ad impastare.

Nella ciotola della planetaria mettiamo le farine, l’acqua, il lievito, il malto e il Water Roux.

Iniziamo ad impastare con il gancio e quando tutti gli ingredienti iniziano ad amalgamare, aggiungiamo il sale.

Si ottiene un impasto molto elastico e leggermente appiccicoso. A questo punto possiamo aggiungere l’olio, poco alla volta: prima di aggiungerne altro, dobbiamo attendere che si inglobi la dose precedente.

Impastiamo bene con una velocità media. Rovesciamo poi l’impasto su un piano infarinato e formiamo una palla. Trasferiamola in una ciotola unta di olio e facciamo lievitare in un luogo lontano da correnti fino al raddoppio (circa 6 ore).

Trascorso il tempo di lievitazione, rovesciamo l’impasto sul piano infarinato; stendiamolo prima un po’ con le mani e poi aiutiamoci con il mattarello per ottenere un rettangolo che abbia il lato lungo della stessa misura dello stampo da plumcake.

Arrotoliamolo in modo da ottenere un salsicciotto e trasferiamolo nello stampo da plumcake oliato.

Ungiamo la superficie dell’impasto con l’olio e facciamo lievitare ancora per circa un’ora in un luogo caldo lontano da spifferi.

Cuociamo il Pan Bauletto in forno già caldo a 180° per circa 30 minuti, modalità statica (attenzione il tempo varia a seconda del forno).

Una volta cotto, estraiamolo dal forno e attendiamo dieci minuti prima di estrarlo dallo stampo e adagiarlo su una griglia per farlo freddare bene.

Pan Bauletto

E’ una ricetta da non perdere… Impazzirete per questo Pan Bauletto! Ideale sia per il dolce che per il salato!

Pan Bauletto

4 thoughts on “Pan Bauletto

  • gennaio 11, 2015 at 9:09 pm
    Permalink

    che bella questa ricetta e poi questo metodo mica lo conoscevo! Mi sa che domani la provo a fare! ma si può fare anche con altri tipi di pane vero? o devo fare per forza il panbauletto? grazie mille ^_^ se lo faccio davvero ti posto la ricetta e ti faccio vedere come mi esce ^_^

    • gennaio 12, 2015 at 11:41 am
      Permalink

      Ciao federica!! certo è un metodo che puoi applicare a tutti i lievitati! devi fare attenzione ai dosaggi… circa 140 g di water roux per 500 g di farina!
      Aspetto tue notizie!!

  • gennaio 12, 2015 at 12:24 pm
    Permalink

    Caspita non avevo mai sentito parlare di questo metodo, nemmeno mai visto in tv!!! ci proverò sicuramente! 😀
    Grazie per la ricetta!!!

    • gennaio 12, 2015 at 12:50 pm
      Permalink

      😉 grazie!! E’ stata una rivelazione anche per me!
      Fammi sapere 😀

Comments are closed.