Crea sito
timballotubettipaprikaecannellablog

Timballo di tubetti al ragù bianco

Timballo di tubetti al ragù bianco

Timballo di tubetti al ragù bianco la ricetta della domenica… la domenica si ha più tempo da dedicare alla cucina soprattutto se siamo in inverno e fa mooolto freddo, brrrr … come in questi giorni.

Timballo di tubetti al ragù bianco per una ricetta confortevole, una coccola culinaria, che non deve essere necessariamente dolce, la pasta poi, è da sempre considerata un piatto confortante, perché ci avvolge, ci scalda e abbraccia con la sua morbida consistenza.

Con il freddo che stà avvolgendo l’Italia in questi giorni mi da conforto un buon piatto di pasta, e mentre gusto una forchettata di questo saporito timballo di tubetti al ragù bianco, penso a tutti coloro che non possono godere dell’”abbraccio” della propria casa.

timballopaprikaecannellablogCon questo clima rigido, il mio pensiero va ai senzatetto, agli animali randagi, alle persone che hanno subito con violenza la perdita della casa a causa del terremoto, e anche al bestiame, che stà morendo di freddo perché una stalla non ce l’ha più, crollata  a causa del terremoto, o perché in regioni come quelle del sud Italia, non è abituato ad un clima rigido e alla neve che in questi giorni ci stà affligendo un po’ tutti, da nord a sud!

… e allora mentre gusto il mio timballo di tubetti al ragù bianco,  lentamente mi giro ad osservare la mia piccola casa, e penso a quanto sono fortunata, e al contempo mi sento in colpa, perché io posso godere del conforto delle mie “quattro mura”, del riscaldamento, e trastullarmi ed intrattenermi con voi, mentre  gli altri sono fuori al freddo.

Timballo di tubetti al ragù bianco e il senso di colpa che va a braccetto con il conforto della buona tavola!

Se volete rimanere sempre aggiornati sulle mie ricette v’ invito a cliccare   “Mi Piace” sulla mia pagina Facebook che trovate qui, potete seguirmi anche su Google + qui, su Twitter qui, e su Pinterest qui.

timballotubettipaprikaecannellablog Ingredienti per 4 persone timballo di tubetti al ragù bianco:

PER IL RAGU’

macinato di maiale 200 g

macinato di vitello 100 g

carota 1

costa di sedano 1

porro 1

brodo di carne 100 ml

olio evo sale e pepe q.b.

vino rosso per sfumare il soffritto q.b.

besciamella 50 ml

 PER LA PASTA

Besciamella 100 ml

tubetti scolati al dente 200 g

burro q.b.

 Procedimento:

tritare finemente la carota ed il sedano, tagliare a rondelline il porro

mettere in una casseruola il macinato con le verdure tritate l’olio e far soffriggere un pochino, fino a che il porro risulterà un pochino appassito, poi unire il vino e lasciarlo evaporare

successivamente versare 50 ml di brodo di carne e appena inizia ad asciugare un pochino unire altro brodo, non appena ristretto, unire 50 ml di besciamella, farla amalgamare al resto del ragù e spegnere e aggiungere un pizzico di pepe

preparare la pasta, scolarla molto al dente

ungere con il burro il fondo della pirofila condire la pasta con il condimento preparato e versare tutto nella pirofila, guarnire con i fiocchi di besciamella rimasta e spolverare con parmigiano grattugiato a piacere

infornare in forno caldo a 200° per circa 20 minuti, o fino a quando la besciamella non sarà ben dorata

N.B.: il condimento dovrà risultare molto cremoso in maniera da avvolgere la pasta in cottura nel forno e in modo da non farla asciugare troppo

Se ti è piaciuto il mio articolo lascia un commento ti risponderò con piacere.

 

frittatadolcepaprikaecannellablog

Frittata dolce al forno ricetta brunch

Frittata dolce al forno, ricetta brunch

Frittata dolce al forno, ricetta brunch … eccoci ancora con un’altra ricetta ottima per il brunch domenicale. Io l’ho proposta per il brunch di capodanno e ha avuto un successone, mi è stato detto che non sembrava affatto una frittata.

Beh l’idea era proprio quella, frittata dolce al forno, ricetta brunch, ricetta ideale per una colazione tardiva della domenica, in cui stò scoprendo in questi ultimi tempi, il piacere di alzarmi con un po’ più di calma, e unire i due pasti che la parola brunch per l’appunto racchiude: colazione e pranzo, gli anglosassoni hanno sempre una marcia in più.

frittatadolcepaprikaecannellablog

Ottima idea il brunch, ottima la ricetta della frittata dolce al forno, vi raccontavo che non sembra affatto una frittata, per cui per coloro che non amano particolarmente le uova può essere una soluzione per mangiarle comunque.

Frittata dolce al forno, ricetta brunch, l’idea della frittata al forno mi è tornata in mente, dopo averne già proposte qui sul blog, grazie ad una nutrizionista che mi ha fatto ricordare che effettivamente le uova cotte al forno, risultano meno difficili da digerire, piuttosto che fritte, inoltre con l’aggiunta della ricotta, della cannella e dello zucchero di canna questa ricetta ha del tutto un altro gusto, da provare per credere.

Frittata dolce al forno ricetta per un brunch domenicale, l’ultima giornata di ferie, ah che gusto assaporare le ferie, era un po’ che le attendevo, e confesso con molto ansia e bisogno di riposo, e dopo averle gustate tutte fino in fondo, mi viene in mente la citazione di Robert Orben: “essere in vacanza è non avere niente da fare e avere tutto il giorno per farlo”, decisamente mi riconosco in questa citazione in pieno, non poteva essere più esplicativa del mio ideale di ferie!

Se volete rimanere sempre aggiornati sulle mie ricette v’ invito a cliccare   “Mi Piace” sulla mia pagina Facebook che trovate qui, potete seguirmi anche su Google + qui, su Twitter qui, e su Pinterest qui.

Frittata dolce al forno, ricetta brunch… Ingredienti per 4 persone:

uova 4

parmigiano grattugiato 2 cucchiai

cannella in polvere 1 cucchiaino

noce moscata in polvere 1 cucchiaino

ricotta di latte di pecora 180g

zucchero di canna 1 cucchiaio abbondante

frittatadolcepaprikaecannellablog1

Procedimento:

emulsionare la ricotta con la cannella, la noce moscata e il parmigiano

sbattere le uova con un pizzico di sale

unire le uova alla ricotta

versare l’impasto in una teglia ricoperta di carta forno bagnata e strizzata

spolverare lo zucchero e un altro pochino di cannella sulla superficie della frittata

cuocere in forno elettrico ventilato già caldo a 160° per 20-25 minuti

qualora la frittata si dovesse gonfiare un pochino una volta sfornata bucherellate la superficie con uno stecchino

 

 

tortarusticaricottaperepaprikaecannellablog1

Torta rustica ricotta e pere ricetta brunch

Torta rustica ricotta e pere, ricetta ottima per un brunch…

Torta rustica ricotta e pere e il brunch di capodanno. Il primo giorno del 2017 è ormai arrivato e noi lo abbiamo accolto con la calma e la tranquillità che merita, degna di un primo giorno dell’anno.

Stravolti e stanchi dopo il veglione, ci svegliamo un po’ storditi, in una città deserta e fredda, dove sembrano essere tutti spariti…

paprikaecannellablogpicturesIo e Carlotta ci addentriamo nei meandri dei vicoli solitari e silenziosi, e con il freddo che ci punge la faccia ed il muso, osserviamo i segni che il veglione di San Silvestro ha lasciato qua e là, e nel frattempo pensiamo che. finalmente è arrivato il nuovo anno.

Torta rustica e ricotta e pere ricetta per il brunch di capodanno, e le idee che ci balenano in mente…

tortarusticaricottaperegpaprikaecannellablog… voltandoci un pochino indietro cosa notiamo? Un anno lunghissimo, ricco di cose nuove e vecchie, che ci hanno accompagnato fino a qui oggi. Talmente tante sono state, che non possiamo ora, in un post, raccontarle o ricordarle tutte, ma una cosa su tutte prevale: la volontà di proseguire nella stessa direzione, senza ripensamenti, ne rimpianti, con tanta buona volontà di fare ancora di più, e meglio.

Torta rustica ricotta e pere la ricetta per un brunch, e la speranza di non imbatterci più in “piccoli uomini” che tentano di tarparci le ali, perché ancora esistono “uomini”, che pensano di impedire il volo delle farfalle appena nate?!?! Forse perché consapevoli che se le lasciassero spiccare il volo, esse volerebbero molto più in alto di loro.

tortarusticaricottaperepaprikaecannellablog1Torta rustica ricotta e pere la ricetta per il brunch di capodanno, per augurare a questo nuovo anno di far valere le buone intenzioni, la buona volontà e l’impegno a migliorarci sempre, e tutti.

Buon anno da Paprika e Cannella.

Se volete rimanere sempre aggiornati sulle mie ricette v’ invito a cliccare   “Mi Piace” sulla mia pagina Facebook che trovate qui, potete seguirmi anche su Google + qui, su Twitter qui, e su Pinterest qui.

Torta rustica ricotta e pere ricetta brunch

Ingredienti per 4 persone (stampo tondo da 20 cm):

  • pasta briseè 1 rotolo tondo
  • ricotta di latte vaccino 220 g
  • latte scremato 50 ml circa
  • cannella ½ cucchiaino
  • noce moscata ½ cucchiaino
  • gorgonzola dolce 120 g
  • parmigiano grattugiato 2 cucchiai
  • uovo intero 1
  • scamorza bianca di latte vaccino 100 g
  • pera abate 1
  • sale q.b.

tortarusticaricottaperepaprikaecannellablogProcedimento:

srotolare il rotolo di pasta con la sua carta forno nello stampo

mescolare in una ciotola la ricotta 25 ml di latte unire l’uovo ed il parmigiano, le spezie e il sale

unire il gorgonzola avendo cura di amalgamarlo bene all’impasto aiutandosi con il latte rimasto ed una frusta a mano

tagliare a dadini la scamorza e la pera e unirle all’impasto

versare l’impasto ottenuto nel guscio di pasta briseè, guarnire con dei sottili spicchi di pera, e infornare

forno ventilato caldo a 170° per 40-45 minuti

pandepicesbypaprikaecannellablog

Pan d’epices o pan di spezie

Pan d’epices o pan di spezie

Pan d’epices o pan di spezie … e le feste di Natale che stiamo vivendo in questi giorni. Pan d’epices o pan di spezie e l’origine di questa ricetta

la sua origine potrebbe essere molto lontana, potrebbe provenire dall’India oppure dalla Persia, ma sappiamo per certo che si diffuse in Europa, e più precisamente in Francia, all’inizio del X secolo, per opera di San Gregorio vescovo dell’Armenia, che rifugiatosi in Francia, appunto, lo offriva a tutti coloro che gli facevano visita.

Il pan d’epices o pan di spezie s’ impose e si diffuse rapidamente in tutta l’Europa del Medioevo, fino ad arrivare ai giorni nostri, dove nei paesi del Nord e Centro Europa, ancora si usa prepararlo e regalarlo nel periodo delle Festività Natalizie.

… io ho letto la ricetta del pan di spezie sulla rivista Fior fiore Coop, nella rubrica “In mansarda con la Roby” e me ne sono subito innamorata.

pandepicesbypaprikaecannellablogSi tratta di un pane aromatico e speziato, gustoso perché non troppo dolce e nemmeno salato, sta bene con tutto, lo potete accompagnare con conserve e marmellate dolci tipo questa e salate tipo questa, o come ci suggerisce la Roby, con formaggi erborinati; lo potete usare questa sera per le tartine del veglione di capodanno, o domani per il Brunch del primo giorno dell’anno.

Pan d’epices o pan di spezie e il profumo delle Feste natalizie, e la calma dei pomeriggi che ci accompagna in questi giorni, in cui il pranzo diventa cena, e la cena un dopocena fatto di chiacchiere, giochi, compagnia e buon cibo, preparato tutti insieme.

parpikaecannellablogPan d’epices o pan di spezie e la convivialità che la fa da padrona fino al 6 gennaio, anche se sarebbe meglio vederla proseguire anche dopo…

Con questa ricetta vi auguro un ottimo 2017 per tutto quello che desiderate…

… e vi aspetto il primo dell’anno, per il brunch di capodanno!

Paprika e Cannella

Se volete rimanere sempre aggiornati sulle mie ricette v’ invito a cliccare   “Mi Piace” sulla mia pagina Facebook che trovate qui, potete seguirmi anche su Google + qui, su Twitter qui, e su Pinterest qui.

pandepicespaprikaecannellablogg

Ingredienti per pan d’epices o pan di spezie (stampo da 22cm):

  • Farina 00 250 g
  • Zucchero integrale di canna (sarebbe preferibile la qualità moscovado) 125 g
  • Miele di melata 3 cucchiai
  • Latte scremato 2 dl
  • Spezie miste ( noce moscata, zenzero, cannella, pepe) 2 cucchiaini abbondanti
  • Anice stellato 2-3 stelline (per il latte caldo)
  • Cannella in stecche 1 (per il latte caldo)
  • 2 cucchiaini scarsi di lievito per dolci

Procedimento:

scaldare il latte in un pentolino, sciogliere il miele e immergere la stecca di cannella con le stelline di anice stellato e lasciarle in infusione

setacciare la farina con il lievito e le spezie

unire lo zucchero alle farine e una volta eliminati la stecca di cannella e l’anice stellato versare gradatamente il latte unendolo alle polveri, aiutarsi con una frusta a mano per eliminare eventuali grumi

ungere e infarinare lo stampo

infornare in forno ventilato caldo a 170° per 45 minuti

fare la prova stecchino prima di sfornare

N.B.: ricordate sempre che ogni forno funziona diversamente, per cui controllate il vostro pane e eventualmente correggete temperatura e tempi di cottura

Il vostro Pan d’epices o pan di spezie appena cotto risulterà croccante fuori e soffice dentro, vi consiglio di chiuderlo in una busta per alimenti un paio di giorni se lo volete gustare come fosse un pane in cassetta.

 

ominidipandizenzeropaprikaecannellablog

Omini di pan di zenzero

Omini di pan di zenzero

… siamo giunti anche quest’anno al Natale, il periodo dell’anno che in genere prediligo oltre alla “stagione” del mio compleanno, ma quest’anno è volato, e il Natale con esso, è arrivato troppo in fretta senza nemmeno rendermene conto, se ci penso oggi è la Vigilia, e non sono riuscita ad “assaporare” l’atmosfera natalizia, non ho potuto godere delle vetrine addobbate a festa, delle lucine che decorano le vie del centro cittadino, non ho avuto nemmeno la calma necessaria per fare i regalini con il tempo giusto.

Omini di pan di zenzero e la tradizione, la tradizione di sfornare biscotti per Natale, e la tradizione di regalarli in bustine di cellophane trasparente con il nastrino rosso scintillante.

Gli omini di pan di zenzero e la fretta e furia di questo dicembre che è arrivato in punta di piedi per me, e che se ne stà andando velocemente, senza nemmeno lasciarsi “gustare” fino in fondo.

Omini di pan di zenzero e l’augurio che questo Natale porti a tutti coloro che lo “sentono” tutto quello di cui hanno bisogno, e l’augurio che tutti possano realizzare i propri desideri, che tanto accuratamente hanno lasciato impressi su una letterina, chiusa in una busta sul tavolino vicino al caminetto, e che la notte magica vedranno sparire su per la canna fumaria, per poi scoprire il giorno dopo, i propri desideri realizzati.

Omini di pan di zenzero per augurare a tutti un sereno e felice Natale da Paprika e Cannella.

Se avete ancora dubbi su cosa preparare per la Vigilia e per Natale, vi lascio qui un po’ di idee, mentre qui ci sono le ricette per i biscotti di Natale.

ominidipandizenzeropaprikaecannellablogSe vi piacciono le mie ricette e volete rimanere sempre aggiornati v’ invito a cliccare “Mi Piace” sulla mia pagina Facebook che trovate qui,  potete seguirmi anche su Google + qui, su Twitter qui, e su Pinterest qui.

Ingredienti per 12 omini di pan di zenzero alti 10 cm:

150 g di farina 00

50 g di zucchero a velo

70 g di burro

1 cucchiaino di noce moscata

1 cucchiaino di zenzero

1 cucchiaino di cannella

2 cucchiaini di cacao amaro in polvere

2 cucchiai di miele di melata

1 cucchiaino di lievito per dolci o ½ cucchiaino di bicarbonato

1 uovo

Per la decorazione potete usare la ghiaccia reale, oppure una penna per decorare i dolci di colore bianco, la ghiaccia si asciuga, mentre se usate la penna dovrete ricordarvi di non sovrapporre i biscotti altrimenti si sbafferà tutto

onipandizenzeropaprikaecannella

Procedimento:

setacciare la farina con lo zucchero a velo le spezie il cacao e il bicarbonato o lievito

versare tutto nel robot da cucina

unire i dadini di burro freddissimo

azionare il robot a momenti alterni in modo da non scaldare l’impasto

non appena raggiunta una consistenza sabbiosa

versare tutto su una spianatoia e formare una fontana

al centro della fontana unire un uovo e iniziare ad impastare

formare una palla e ricoprirla con la pellicola trasparente

lasciare l’impasto in frigo avvolto dalla pellicola per un paio d’ore

successivamente procedere a stenderlo tra due fogli di carta forno

ritagliare le formine

infornare in forno caldo statico per 10 minuti alla temperatura di 170°

ominidipandizenzeropaprikaecannellablogg

 

insalatanocieperepaprikaecannellablog

Insalata noci e pere

La ricetta di oggi, insalata noci e pere, una ricetta perfetta per le prossime feste di Natale, adatta per la fine del pasto, o anche come sostituto, a cena, dopo le abbuffate dei pranzi festivi che stanno per arrivare. Insalata noci e pere, e i pensieri che mi ha regalato una nonnina giorni fa. Nooo non era la Befana, ma una vecchina che sedeva su una panchina sotto il sole invernale con il suo cagnolino, anzianotto anche lui.

Ero passata velocemente per andare a comprare la valeriana che poi ho usato per questa ricetta, insalata noci e pere, e tornando indietro dopo aver fatto i miei acquisti, mi sono fermata ad osservare la nonnina che con tanta dolcezza accarezzava e coccolava il suo cagnolino mentre insieme beatamente prendevano il sole sulla panchina. Questa immagine mi ha fatto tanta tenerezza e mi ha fatto pensare a quanto sono importanti i nostri piccoli amici a quattro zampe, e di quanto sia fondamentale la loro presenza nelle nostra quotidianità.

Tempo fa ero al supermercato e ho visto un cagnetto nella borsetta all’interno del carrello far la spesa con la sua famiglia. Ora molti diranno: “Ahhh orrore”; io invece penso che la catena di quel supermercato si è dimostrata “umana”, si dico “umana”. Perché i nostri piccoli amici passano già molte ore a casa da soli nell’attesa del nostro ritorno, loro hanno solo noi, noi invece abbiamo il lavoro, lo sport, gli amici, i figli.

Per cui quando arriva il fine settimana doverli lasciare soli persino per andare a fare commissioni semplici come la spesa, mi sembra veramente crudele.

Io non ho mai preteso di imporre la presenza della mia cagnolina a chi non la gradisce, lungi da me; ma nemmeno la società può pretendere che noi proprietari di cani siamo “banditi” da tante attività a cui i nostri piccoli amici non possono partecipare, a causa di regole non scritte definite del “Buon vivere”… devo anche riconoscere che sono stati fatti passi da gigante in questi ultimi anni per accogliere la presenza dei nostri piccoli amici nella società moderna, ma ancora bisogna lavoraci un pochino…

Il buon vivere è ben altro per me, è la vecchina che sulla panchina si gode il suo piccolo amico, sotto un sole tiepido di dicembre, è cucinare con amore per le persone a cui tieni e gustare insieme il risultato di “tanta fatica”.

Insalata noci e pere e il saper godere delle cose semplici in compagnia di chi si ama.

insalatanocieperepaprikaecannellablog

Se vi piacciono le mie ricette e volete rimanere sempre aggiornati v’ invito a cliccare “Mi Piace” sulla mia pagina Facebook che trovate qui,  potete seguirmi anche su Google + qui, su Twitter qui, e su Pinterest qui.

Ingredienti per un’insalata noci e pere:

  • Insalata valeriana q.b.
  • Primo sale affumicato q.b.
  • Noci q.b.
  • 1 pera abate non troppo matura
  • Timo q.b.
  • Miele di castagno 1 cucchiaio
  • Olio evo 2 cucchiai
  • Sale q.b.

insalatanocieperepaprikaecannellabloggProcedimento:

lavare e centrifugare l’insalata

a parte sgusciare le noci e pulire la pera

tagliare a cubetti la pera e il formaggio

emulsionare l’olio evo con il miele di castagno e un pizzico si sale

unire tutti gli ingredienti e mescolarli in una ciotola, completare con una “spolverata” di foglioline di timo

 

confetturaarancenocipaprikaecannellablog1

Confettura di arance e noci

Confettura di arance e noci, una ricetta ideale per fare dei regali hand made per il Natale.

Confettura di arance e noci, e il desiderio di fare un regalo.

Confettura di arance e noci e i miei pensieri: troppo spesso oggi mi fermo ad osservare le persone e a riflettere sui loro comportamenti, sul loro individualismo, sulla fretta con cui si relazionano con il prossimo, senza a volte, nemmeno guardarlo in faccia, un po’ come vi avevo già raccontato qui.

Ho preparato questa confettura di arance e noci, con l’intento di fare felice qualcuno, mi direte voi, figurati se alla società di oggi, ipertecnologica, può piacere un pensiero del genere, beh io ci provo, magari che ne sappiamo, riesco a “redimere” qualcuno!! 😉 Il punto è che se non ci prova mai nessuno, la situazione rimarrà invariata.

A volte mi vengono in mente le parole della mia amica Silvia, che mi disse tempo fa: “Fede ma una persona da sola cosa può fare?”. Diciamo che una da sola forse non molto, ma qualcuno dovrà pur iniziare…  e poi se ci riflettiamo su, la confettura di arance e noci, è solo un pretesto, un ottimo pretesto, per far fermare il nostro prossimo a pensare, che forse, la persona che ha preparato questo regalo ci ha messo dell’ ”Amore” per le buone cose, e tanta buona volontà, quindi dovrà pur sforzarsi un momento, magari parcheggiare il telefono o il tablet, e fare due chiacchiere insieme, gustandosi questa delizia, che a mio avviso è anche un tantino sprecata da spalmare sul pane, io vi suggerisco di mangiarla a cucchiaiate.

Confettura di arance  e noci la ricetta perfetta per il Natale e per l’”Umanità ritrovata”…

confetturaarancenocipaprikaecannellablog1Se vi piacciono le mie ricette e volete rimanere sempre aggiornati v’ invito a cliccare “Mi Piace” sulla mia pagina Facebook che trovate qui,  potete seguirmi anche su Google + qui, su Twitter qui, e su Pinterest qui.

 

Ingredienti per 4-5 vasetti da 200 ml di confettura di arance e noci:

  • 1 kg di arance non trattate pelate a vivo e tagliate e cubetti
  • 500 g di zucchero di canna
  • 100 g di uvetta
  • 80 g di noci
  • 1 cucchiaio di passito di Pantelleria
  • scorza grattugiata di 1 arancia

confetturaarancenocipaprikaecannellablogProcedimento:

grattugiare la scorza di 1 arancia

sgusciare le noci

mettere l’uvetta a bagno in un po’ di acqua calda e il cucchiaio di passito

pulire le arance a vivo, per cui togliere la pellicina bianca e tagliarle a cubetti

in un tegame versare le arance con lo zucchero e  iniziare la cottura

a metà cottura quando vedete le arance ben sfatte passare un paio di volte il frullatore ad immersione, quel poco che basta a rompere i pezzi più grossolani, non esagerare altrimenti otterrete la marmelLata e non la confettura

procedete con la cottura per circa 40 minuti

fate la prova piattino, ovvero rovesciate su un piattino un cucchiaino di marmellata e una volta raffreddata non dovrebbe colare, a questo punto la marmellata è pronta

unire le noci e l’uvetta strizzata, mescolare bene e versare subito ancora bollente nei barattoli, capovolgete per il sottovuoto e lasciate riposare su un piano di legno fino a raffreddamento completo

successivamente potrete regalarla una volta decorati i barattoli a vostro piacimento, con pezzetti di stoffa colorata o etichette adesive personalizzate

confetturaarancenocipaprikaecannellablogg

risotto_zucca_funghi_pioppini_paprikaecannellablog

Risotto zucca e funghi pioppini

Risotto zucca e funghi pioppini, ovvero come sfruttare al massimo ciò che la natura ci offre…

I funghi pioppini in questo autunno umido,  pullulano a iosa nelle campagne circostanti, per cui perché non sfruttare al massimo ciò che la natura ci offre?!? Niente di meglio che un gustoso risotto, con la zucca, la mia preferita, e i funghi, doni inaspettati che fanno capolino qua e là tra il tronco di un pioppo ed un altro!

Risotto zucca e funghi pioppini con guarnizione di pancetta croccante, l’ideale per raccontarvi dei miei ultimi pensieri sopraggiunti giorni fa sul treno, mentre mi recavo a Roma per lavoro.

… osservare le persone sul treno mi incuriosisce e non poco: c’è chi si aggiusta il posto come fosse il sofà di casa, chi ascolta la musica, chi legge, chi gioca con il telefono, chi mangia, chi pensa… ma una cosa prevale su tutto: l’individualismo!

Mio nonno ha fatto il “pendolare” per 40 anni, si beh allora si lavorava per 40 anni, oggi forse non sapremo mai fino a quando dovremo lavorare;  comunque tornando a noi, dicevo, mio nonno ha viaggiato per 40 anni, e con lui ogni giorno prendevano il treno tanti altri, pendolari come lui, che dovevano ritenersi fortunati perché avevano un posto fisso, a Roma, e uno stipendio sicuro, non si arrabattavano alla giornata come gli altri suoi vicini di casa, o di quartiere. Beh, lui sul treno, mi raccontava che giocava a carte, chiacchierava di tutto e discuteva di sindacato e di politica, insomma socializzava e si confrontava con gli altri. Così tra una forchettata di risotto zucca e funghi pioppini, e un’altra, penso che oggi tutto questo sul treno, e altrove, tutto questo non avviene più. Oggi vedo tutti intenti ad osservare i propri smartphone o tablet. Nessuno guarda in faccia l’altro, e ci scommetterei, che se chiedessi a qualcuno di loro di descrivermi la persona che aveva seduta al suo fianco o di fronte, non me la saprebbe dire, perché non si è nemmeno accorto di avere una persona seduta al proprio fianco. Quanto è triste tutto questo!… tra un pensiero e l’altro sono giunta a destinazione…

Se vi piacciono le mie ricette e volete rimanere sempre aggiornati v’ invito a cliccare “Mi Piace” sulla mia pagina Facebook che trovate qui,  potete seguirmi anche su Google + qui, su Twitter qui, e su Pinterest qui.

Buon risotto zucca e funghi pioppini a tutti!!

risotto_zucca_funghi_pioppini_paprikaecannellablogIngredienti per 2 porzioni di risotto zucca e funghi pioppini:

Ingredienti:

1 l di brodo vegetale

(sedano, carota, cipolla, patata, pomodorini, qualche cubetto di zucca cruda)

  • olio evo q.b.
  • un pizzico di peperoncino in polvere
  • 2 spicchi di aglio finemente tritati
  • 1 scalogno finemente tritato
  • 50 ml circa di vino bianco
  • 200 g di riso per risotto
  • 200 g di funghi pioppini
  • 250 g di polpa di zucca già cotta

(per cuocere la zucca, infornarla in forno ventilato già caldo a 150° su una placca foderata di carta forno; al termine verificare che la polpa venga via dalla corteccia con un cucchiaio, e pesarla prima di procedere con la ricetta)

Per la mantecatura:

  • 2/3 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2 noci di burro

Per la guarnizione finale:

  • timo q.b.
  • pancetta tesa q.b.

risottozuccafunghipioppinipaprikaecannellablog_g

Procedimento:

preparare il brodo vegetale e la polpa della zucca come già descritto precedentemente

far soffriggere in un tegame l’olio evo con l’aglio e lo scalogno tritati

aggiungere i funghi pioppini precedentemente puliti e tagliati a pezzetti

far rosolare tutto e poi unire il peperoncino in polvere e sfumare con il vino

unire il riso e il brodo poco alla volta, mescolando di tanto in tanto facendo attenzioni che non si asciughi

a metà cottura del riso unire la polpa della zucca, e continuare con il brodo fino a cottura

una volta pronto il riso procedere con la manteca tura del risotto con burro e parmigiano a fuoco spento, coperchiare e aspettare 5 minuti prima di servire, il risotto dovrà risultare cremoso

 

 

 

 

plumcake3farine_paprikaecannellablog

Plumcake 3 farine ovvero torta 7 vasetti

Udite udite… son tornata!! Plumcake 3 farine, ovvero la torta 7 vasetti a modo mio. Eccoci con una nuova ricetta di Paprika e Cannella, dopo una lunghissima assenza, un dolcetto per farmi perdonare ci vuole! Plumcake 3 farine, e il resoconto veloce di un  weekend, trascorso alla Fiera di Roma con tre care ragazze, che mi hanno trascinato con loro alla fiera dell’hobbystica tutta al femminile, “Abilmente“, o meglio conosciuta come cucito creativo, dovevano esserci anche stand per gli amanti del cake design, ma invece era tutto incentrato su questo nuovo modo di reinventare il tempo libero femminile, qualche stand per le amanti come me, del lavoro a maglia e dell’uncinetto, e poi solo cucito creativo. Di cosa si tratta? Fate un giro su internet e ve ne renderete conto da sole… oppure cliccate qui, oppure qui, o anche qui.

cucitocrativocollage(Foto di cucito creativo gentilmente concesse da Emanuela)

So di non essere più assidua come un tempo qui sul blog, e me ne scuso, ma in questi ultimi mesi non sono più riuscita ad avere del tempo libero suffciente per dedicarmi per bene al mio blogghettino, così oggi vi lascio una ricetta davvero ottima per la colazione, o per una pausa caffè, un plumcake 3 farine, o torta 7 vasetti a modo mio, per farmi perdonare, ma senza lasciarvi promesse che poi non riesco a mantenere… come già fatto in passato… seguitemi, vi lascio gli ingredienti e la ricetta del plumcake 3 farine di Paprika e Cannella:

plumcake3farine_paprikaecannellablog

Ingredienti per il plumcake 3 farine:

(Dose per uno stampo lungo 22 cm)

Ho usato il vasetto dello yogurt da 125g come unità di misura

1 vasetto di farina di riso

1 vasetto di farina integrale

1 vasetto di farina di cocco

1 vasetto di zucchero bianco

1 vasetto di zucchero di canna integrale

1 vasetto di yogurt bianco magro

1 vasetto di olio di semi di mais

3 uova

1 bustina di lievito vanigliato

plumcake3farine_paprikaecannellablog_gProcedimento:

mescolare le tre farine con il lievito

a parte montare le uova con lo zucchero

unire all’impasto lo yogurt e poi l’olio

gradatamente unire le farine un poco alla volta

ungere e infarinare lo stampo

cuocere in forno ventilato già caldo a 160° per 35-40 minuti, trascorso il tempo indicato, abbassare a 150° per altri 5-10 minuti e poi sfornare

 

 

 

 

 

 

 

FilettoerbearomatichePaprikaeCannellaBlog

Filetto alle erbe aromatiche

La ricetta di oggi è un secondo semplicissimo e dal profumo intenso, filetto alle erbe aromatiche. Il filetto alle erbe aromatiche è una ricetta che mia madre ha preparato per Pasqua, e me ne sono subito impossessata, semplicemente delizioso, delicato e veloce. E’ da gennaio che non pubblico ricette, si, lo so, non sgridatemi, non sono una foodblogger modello, ma ho avuto la necessità di trascorrere del tempo lontano dai mille impegni che un blog comporta, non essendo una casalinga non sempre ho molto tempo a disposizione da dedicare a questo mio hobby, per cui molto spesso sacrifico il poco tempo libero a disposizione per cucinare, fotografare e pubblicare; ecco in questo periodo proprio non ne ho avuto il tempo, per cui ho dovuto sacrificare il mio blog. Spero di farmi perdonare con questa ricetta assolutamente deliziosa, pratica e economica, il filetto alle erbe aromatiche, è la ricetta che mi riconduce nel mondo del foodblogging, sperando di non mancare più così a lungo… stò sperimantando con la pasta madre, a breve ricette sul tema dei lievitati con il lievito madre, non perdetele…!! 😉

FilettoerbearomatichePaprikaeCannellaBlog
FilettoerbearomatichePaprikaeCannellaBlog

Se volete rimanere sempre aggiornati sulle mie ricette v’ invito a cliccare   “Mi Piace” sulla mia pagina Facebook che trovate qui, potete seguirmi anche su Google + qui, su Twitter qui, e su Pinterest qui.

 

INGREDIENTI  per filetto alle erbe aromatiche 

  • 350 g di filetto di maiale
  • 100 ml di vino rosso e acqua
  • rosmarino q.b.
  • timo q.b.
  • olio evo q.b.
  • cipollotto e aglio fresco q.b.

Tempo di preparazione

5 minuti

Tempo di cottura

20 minuti

Tempo totale

25 minuti

PROCEDIMENTO per filetto alle erbe aromatiche

  1. affettare a rondelle sottili il cipollotto con l’aglio fresco
  2. farli rosolare delicatamente in una padella antiaderente con l’olio evo
  3. aggiungere il filetto di maiale tagliato a pezzettoni
  4. farlo dorare da tutti i lati e inziare ad aggiungere l’acqua e vino
  5. procedere nella cottura senza coprire la carne
  6. a metà cottura unire le erbe aromatiche possibilmente fresche
  7. servire con il sughino e altre erbette fresche

 

FilettoerbearomatichePaprikaeCannellaBlogG+
FilettoerbearomatichePaprikaeCannellaBlogG+

1 2 3 33