Fettuccine alla papalina

Conoscete le fettuccine alla papalina? Ne esistono diverse versioni. C’è chi mette la panna e chi no. Chi mette il prosciutto crudo e chi, invece, il cotto. Chi preferisce non mettere i piselli. Comunque le si preparino, sono sempre buonissime. Un primo piatto che io faccio spesso perché in casa mia piace a tutti. E sapete perché si chiamano in questo modo? Dopo una rapida ricerca in internet ho scoperto che il loro nome è legato a Pio XII. Pare che questo papa avesse chiesto al suo cuoco di preparargli una versione più delicata dei classici spaghetti alla carbonara.


fettuccine alla papalina

FETTUCCINE ALLA PAPALINA

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • 250 g di fettuccine secche all’uovo
  • 200 g di piselli surgelati
  • 100 g di prosciutto crudo in una sola fetta
  • 1 piccola cipolla
  • 2 uova
  • 80 g di Grana Padano o Parmigiano grattugiato
  • 25 g di burro
  • sale
  • pepe nero

DIFFICOLTÀ: bassa

PROCEDIMENTO

Tagliare il prosciutto crudo a dadini e mettere da parte.

Tritare finemente la cipolla.

In una padella rosolare, a fiamma dolce, la cipolla nel burro. Poi unirvi i piselli senza scongelarli.

Mettere il coperchio e cuocere per una quindicina di minuti sempre a fiamma dolce aggiungendo qualche cucchiaio di acqua calda se fosse necessario e mescolando di tanto in tanto.

Infine aggiungere i dadini di prosciutto crudo e proseguire la cottura per altri 10 minuti circa. Aggiustare di sale e pepe.

In una capiente terrina, sbattere le uova con una piccola frusta a mano insieme al formaggio grattugiato.

Nel frattempo, lessare le fettuccine in abbondante acqua bollente salata; scolarle al dente, ma senza sgocciolarle troppo e trasferirle direttamente nella terrina delle uova.

Mescolarle bene al composto di uova e formaggio, poi aggiungere anche i piselli con il prosciutto.

Amalgamare perfettamente tutti gli ingredienti e, se fosse necessario, unire anche qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta.

Distribuire le fettuccine alla papalina nei piatti individuali, spolverizzarle con una macinata di pepe nero e servirle subito per evitare che l’uovo si rapprenda.


Seguitemi su Facebook per essere sempre aggiornati sulle nuove ricette. Cliccate QUI e poi mettete MI PIACE in alto a destra. Grazie! E sono anche su Twitter. Mi trovate QUI!

 
Precedente Ricette di muffin dolci e salati Successivo Plumcake ai mirtilli

Lascia un commento