Sfogliatella Riccia – Campania

La sfogliatella riccia ha origini in Costiera Amalfitana circa nel 1600, precisamente al convento di Santa Rosa, abitato da monache di clausura. Nacque per caso la sfogliatella, grazie a suor Clotilde che si accorse di avanzi di semola bagnata nel latte, e la volle adoperare in una nuova ricetta: la unì a ricotta, frutta secca, limoncello e la infornò in mezzo a due sfoglie di strutto. La forma ricorda il cappuccio di un monaco. Ecco nata la sfogliatella SantaRosa.Il dolce oltre che in convento riscosse un grande successo tra il popolo, arrivò a Napoli circa 200 anni dopo. Nel 1818 venne poi rivisitata da un oste di nome Pasquale Pintauro. Oggi la sfogliatella si presenta in due varianti: quella riccia a base di pasta sfoglia, o frolla, se preparata con la pasta frolla. Inoltre molto famosa è la coda di aragosta che è un guscio di sfoglia più grande, allungato, e ripieno di crema, panna montata, o marmellata.

La preparazione è lunga e difficile ma almeno una volta nella vita è da provare, un’ottima sfida per ottenere un gustoso risultato.

  • Difficoltà:
    Alta
  • Preparazione:
    2 giorni
  • Cottura:
    25 minuti
  • Porzioni:
    12 pezzi
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

Per il ripieno

  • Semola 250 g
  • Ricotta 250 g
  • Sale 5 g
  • essenza limone q.b.
  • Uovo 1
  • Zucchero a velo 200 g
  • frutta candita a cubetti 80 g
  • Acqua 750 ml
  • Vaniglia q.b.

Per il guscio

  • Farina 700 g
  • Acqua 300 g
  • Strutto 250 g
  • Miele 30 g
  • Sale 1 pizzico

Preparazione

Per il ripieno

  1. Cuocere la semola il giorno precedente alla preparazione nell’acqua bollente con un pizzico di sale e lasciarla riposare in frigorifero. Il giorno successivo aggiungere la ricotta, l’uovo, i canditi, lo zucchero a velo, la vaniglia e il limone. Mescolare il tutto fino a quando il composto sarà omogeneo.

Per il guscio

  1. Consiglio di preparare l’impasto il giorno prima e lasciarlo riposare in frigorifero. Lavorare la farina aggiungendo acqua, miele e sale. Impastare per qualche minuto fino a formare un panetto compatto. Ungerlo con lo strutto e lasciarlo riposare 30 minuti. Stendere una striscia larga 6-8cm per 25-30cm, ungerla perfettamente con lo strutto e arrotolarla su sé stessa. Avvolgerlo nella carta forno e e lasciarlo in frigorifero un’intera giornata. Il giorno dopo riprendere il rotolo e tagliarlo a fette di circa 1cm. Formare dei cornetti tenendo il centro del rotolo come punta e allungando le due estremità. Riempire con l’impasto di semola. Infornare in forno caldo 180°C per 25 minuti. Spolverare quindi con zucchero a velo.

Precedente Pasta al pesto, zucchine e feta Successivo Bicchiere alle fragole

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.