Pane in pentola senza impasto

20150206_132940
Toglietemi tutto ma non il mio Bread. 🙂 Adoro il pane! Adoro il suo profumo, adoro il sapore semplice ma intenso, adoro mangiarlo semplicemente con un filo d’olio e sale. Forse sarà perchè mia nonna mi ha cresciuto a pane, olio e pomodoro strusciato ….. altro che merendine 🙂 Da quando ho cominciato a farlo da sola sono sempre alla ricerca di nuove idee per nuovi filoni o pagnotte. Girovagando sul web ho trovato nel blog de “La cucina di Loredana” questa ricetta e non ho resistito. Munita dell’indispensabile pentola l’ho fatto per me e poi anche in trasferta a Roma ho fatto innamorare di questo pane tutta la famiglia. La sua semplicità è pari al suo sapore. Soffice dentro e croccante fuori….impossibile resistergli. 😉

Ingredienti:
500 grammi di farina 0,
140 grammi di lievito madre rinfrescato o 12 grammi di lievito di birra,
350 ml di acqua tiepida,
un cucchiaino di miele,
12 grammi di sale.

1.In una larga ciotola sciogliere il lievito madre o il lievito di birra nell’acqua tiepida. Visto che il mio lievito madre ancora è cucciolo ho usato sempre il lievito di birra. Aggiungere anche il miele, ed infine la farina ed il sale. Mescolate bene con una forchetta.
2.Quando tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati,chiudere la ciotola con pellicola trasparente e riporla in frigo per 18 ore. Ovviamente se vi rimarrà di più non succederà nulla. 😉
3.Una volta trascorso questo tempo, riprendere l’impasto, capovolgerlo sul piano di lavoro infarinato o su un canovaccio pulito e schiacciatelo leggermente con le mani infarinate a formare un rettangolo. Non usare il mattarello, altrimenti tutta l’aria che ha incamerato uscirà.
4.Una volta ottenuto il rettangolo, è arrivato il momento di dare volume alla pagnotta, effettuando la piega a tre del rettangolo. Piegare il lato destro verso il centro e sovrapporci sopra il lato sinistro. Ruotare l’impasto a 90° e ripetete le 2 pieghe.
5.Se questa operazione è stata effettuata sul piano di lavoro, capovolgete l’impasto sul canovaccio infarinato, in modo che le pieghe stiano sotto, infarinate la pagnotta e richiudetela nel canovaccio. Lasciate lievitare per 2 ore se avete adoperato il lievito madre, per un’ora se avete usato il lievito di birra. Anche in questo caso, per impegni familiari, l’ho lasciata anche più tempo, ottenendo una pagnotta ancora più morbida e soffice.
6.Trascorso anche quest ultimo periodo di lievitazione, accendere il forno a 230°-250° con dentro il tegame con il coperchio in cui cuocerete il Pane. Per questo tipo di cottura è necessaria una pentola con coperchio resistente alle alte temperature. Io ne ho trovata una tutta in ceramica. Vanno bene anche in alluminio o in vetro, purchè adatte alla cottura in forno e che non contengano parti in plastica, tipo il pomello. Quando avrà raggiunto la temperatura, estrarre il tegame con il suo coperchio dal forno, rovesciatevi dentro la pagnotta in modo che le pieghe si trovino ora sopra. Per muovere meglio l’impasto, prima di mettere la pagnotta nella pentola l’ho fatta rotolare su un foglio di carta da forno. Dopo averla messa nella pentola ho rifilato bene i bordi. Coprire e mettete in forno per 25 minuti. Trascorso questo tempo, togliere il coperchio e far cuocere ancora 10 minuti. Come per tutti i lievitati è preferibile il forno statico e non ventilato.
Far raffreddare prima di assaggiarlo….sarà difficile resistergli. 😉
Se non finirà in pochi minuti rimarrà morbido anche il giorno dopo, oppure può essere congelato a fette una volta freddo, mantenendone così la bontà intatta. 🙂

 

20150206_133423

 

 

20150211_213727

Non stupitevi se nessuno crederà che è fatto in casa. 🙂

Lascia un commento


*