Brutti Ma Buoni

 

IMG_51571532862886

I brutti ma buoni sono l’esempio perfetto di come l’apparenza a volte inganna. 😉 Un biscotto bruttino fuori ma croccante e delizioso ad ogni assaggio. 🙂 E in più semplicissimmi da realizzare. 😉

Dosi per circa 40-45 biscotti medi:
3 albumi
250 g di mandorle tritate
250 g di nocciole tritate
300 g zucchero a velo

1. Tritare le nocciole e le mandorle non troppo finemente in modo che possa sentirsi qualche pezzetto un pò più grande.
2. Montare a neve ben ferma gli albumi con un pizzico di sale. Preriscaldare il forno a 180°.
3. Quando gli albumi saranno ben montati aggiungere le nocciole e le mandorle tritate, mescolando bene dal basso verso l’alto con un cucchiaio di legno per non smontare gli albumi.
4. Quando saranno ben amalgamate, aggiungere lo zucchero a velo. L’impasto che si avrà in quel momento sarà compatto e sembrerà impossibile che si possa aggiungere tutto lo zucchero a velo, invece piano piano l’umidità dell’impasto assorbirà lo zucchero a velo.
5. Una volta che l’impasto sarà ben amalgamato, con un cucchiaio distribuirlo su una teglia con carta forno e infornare per 10-15 minuti. I brutti ma buoni appena sfornati saranno un pò morbidi, quindi non si potrà valutarne la cottura dalla consistenza, ma lo si potrà fare controllando la base del biscotto che dovrà essere di un bel color caramello.
6. A cottura ultimata sfornare e lasciar raffreddare.

Una volta, per errore ho aggiunto lo zucchero a velo agli albumi prima di montarli. Per non buttare tutto, ho provato a fare i brutti ma buoni meringati, montando prima gli albumi con lo zucchero a velo e poi aggiungendo alla meringa ben montata le mandorle e le nocciole tritate. Li ho poi distribuiti sulla teglia e cotti come i brutti ma buoni. Il risultato è stata una piacevole sorpresa. 😉

Lascia un commento


*