Crea sito
You are currently browsing all posts tagged with 'consigli tecniche e aiuti per una cena eseguita con eleganza e buon gusto…'

Galateo a Tavola

  • ottobre 30, 2010 at 19:31

Salve care amiche e amici,

il Galateo a Tavola o il Bon Ton é una delle cose principali per l’educazione e la gentilezza che si puó dimostrare sia come padroni di casa sia come ospiti nell’eseguire un pranzo o una cena di una determinata eleganza.

Chissá quante volte vi sarete chiesti, come mé d’altronde, se si é invitati ad una cena importante o la si deve eseguire a casa propia, come ci si deve comportare in determinate situazioni…perché non si nasce con le regole nel cervello o i nostri genitori magari non le conoscevano tutte, quindi….ci attrezziamo noi.

I pranzi di Natale e Cenoni di solito vengono decorati molto finemente con porcellane fine, stoviglie d’argento o acciaio fine, biccherate in cristallo e chi piú ne ha piú ne metta… ma, non tutti stanno attenti ad apparecchiare  nell’ordine dovuto per quanto concerne il discorso.

Con questo articolo non ho la pretesa di insegnare a nessuno come apparecchiare a tavola, io per prima approfitto per arricchire la mia cultura culinaria personale, ma forse dare qualche idea e conoscenza in piú a riguardo, qualora ci fossero delle persone interessate o le potrebbero interessare per un futuro prossimo.

Lo schema quí allegato proviene dal sito Ricette Siciliane la descrizione dal sito La Casalinga Ideale

Schemi per la tavola

Descrizione dettagliata

Apparecchiare e Servire in Tavola

I Pranzi e le Cene importanti richiedeono:

1) il sottopiatto (per tutta la durata del pranzo non verra’ mai tolto), il piatto piano, la fondina;
2) a destra dei piatti: il coltello (con la lama rivolta verso l’interno) e il cucchiaio;
3) a sinistra dei piatti: una o due forchette (secondo il menu’) e il tovagliolo piegato in modo semplice, a rettangolo o a triangolo;
4) in alto, sopra il piatto: le posate da dessert (manico della forchettina a sinistra, il coltellino o il cucchiaino con l’impugnatura a destra);
5) sopra le posate di destra: i bicchieri fino ad un massimo di quattro, con questo ordine partendo da sinistra: per l’acqua (grande), per il vino rosso (medio), per il vino bianco; sopra, l’eventuale bicchiere per il dessert o lo spumante;
6) sopra le posate di sinistra: il piattino per il pane;
7) eventuali segnaposti, dietro le posate da dessert.

Il sale e il pepe negli appositi contenitori o in ciotoline provviste di adeguato cucchiaino;
Le coppe lavadita, si portano in tavola sul piattino da frutta coperto da un centrino o da un tovagliolino, servono per lavare la punta delle dita, asciugate poi con il tovagliolo.
L’aperitivo va servito in continuazione, senza attendere la presenza di tutti gli ospiti.
Serve per riempire questo spazio.

Come servire in Tavola

I piatti da portata si ricevono da sinistra, cominciando dalla persona di maggior riguardo.
Si continua servendo tutte le signore fino alla padrona di casa (che si trova al lato opposto del marito). Quindi, nell’ordine: l’uomo alla destra della padrona di casa, tutti gli uomini, il padrone di casa.
Il vino si serve dopo il primo giro di antipasti, mescendo non oltre la meta’ del bicchiere (dipende dal tipo di vino a dalla linea del bicchiere).
Con il cambio del tipo di vino anche il bicchiere va sostituito.
Prima di servire il dessert e’ consigliabile togliere i bicchieri superflui.
I piatti si sostituiscono ad ogni cambio di portata, ma solo quando tutti i commensali avranno terminato. Il piatto da sostituire, e l’eventuale piatto piano su cui questo appoggia, va tolto da destra, lasciando sulla tovaglia il sottopiatto.
Il nuovo piatto, tiepido se la pietanza che segue e’ calda, si mette sul sottopiatto da sinistra.
Si servono una sola volta: il brodo in tazza, la minestra, il formaggio, la frutta.
La pietanza va servita due volte: al primo giro i commensali si servono in modo contenuto, proprio per poter accettare il secondo passaggio, evitando in tal modo di lasciare che a tavola ci sia una sola persona a farlo. Il pane sistemato nell’apposito piattino (in alto, a sinistra) si rimpiazza prontamente prendendolo dal cestino, utilizzando le pinze o, in mancanza, il cucchiaio e la forchetta.
Prima del dessert il piattino del pane va tolto dalla tavola e spazzolate le eventuali briciole.
Caffe’, liquori, bibite e dolcetti si servono in salotto. Il caffe’ va portato in salotto e impegno della padrona di casa e’ quello di versarlo nelle tazzine, chiedendo ad ogni ospite quanto lo desideri zuccherato. Il padrone di casa si occupa dell’offerta dei liquori o delle bibite, mentre la padrona di casa serve i cioccolatini o i dolcetti.

P.s.: Come vedete il Caffé l’ho evidenziato in rosso, giustificato da una mia motivazione personale vissuta con ospiti a casa mia che mi hanno guardato storto quando ho chiesto “quanti chucchiaini di zucchero preferite”, che é questa: *Esistono persone a cui piace prendere il Caffé molto dolce, ma allo stesso tempo non piace far sapere questo dettaglio perché il Caffé di norma non si gusta dolce. Per questo motivo non si dovrebbe far richiesta del numero di cucchiaini di zucchero che accompagnano il Caffé*.

-Aggiungerei quest’altra Regola al Galteo a Tavola °Non chiedere mai agli ospiti il numero dei cucchiaini di zucchero per il Caffé° ….. per semplice Educazione nei riguardi degli Ospiti. -

Spero di avervi dato un piccolo contributo e vi auguro buon divertimento per le vostre prossime cene con Buon Gusto…

a presto!!