Danubio salato

Il danubio salato è una torta salata lievitata, realizzata con pasta brioche ed è una ricetta tipica campana. Il danubio salato è formato da una serie di palline ripiene ed è davvero bello da presentare in un buffet!

Danubio

Per il ripieno si può usare tutto ciò che si preferisce. Per esempio affettati: prosciutto (cotto, crudo), speck, salame; accompagnati a qualche dadino di formaggio: scamorza, provola, toma, ricotta, emmental.. l’ultima volta ho riempito il danubio salato con la mousse di melanzane, prosciutto cotto e scamorza.

Ingredienti per la pasta brioche per uno stampo da Ø 28:
  • 550 g farina 260 w
  • 240 g latte
  • 1 uovo intero di medie dimensioni  biologico, tipo 0
  • 50 g olio e.v.o.
  • 30 g zucchero
  • 10 g sale
  • 15 g lievito madre secco oppure ¼ di cubetto di lievito di birra
  • 1 tuorlo e 2 cucchiai di latte per spennellare
  • semi di sesamo o papavero per la finitura (opzionali)

 

 

Disperdere il lievito sbriciolato nella farina, aggiungere lo zucchero e far partire la planetaria.

Aggiungere l’uovo e continuare a lavorare sino a quando non si sia completamente assorbito.

Unire il latte un po’ alla volta e impastare sino a quando si formerà una massa omogenea. Non è detto che serva tutto il latte, così come è possibile che possa esser necessario aggiungerne. Per i lievitati la parte dei liquidi non è sempre esattamente quella indicata nella ricetta, perchè non tutte le farine hanno lo stesso potere di assorbire i liquidi, fermatevi quando si sarà formata una palla grezza.

A questo punto si può unire l’olio, un po’ alla volta, prima non avrebbe permesso la creazione della maglia glutinica. Tenere una parte di olio, aggiungervi il sale ed unirlo all’impasto.

L’impasto sarà pronto quando si staccherà dalle pareti e diventerà lucido, elastico e liscio. Aiutandosi con una spatola versare l’impasto in una ciotola, coprire e lasciar lievitare sino al raddoppio.

 

Formare una palla con l’impasto e porre a lievitare, sino al raddoppio, in luogo riparato (nel forno con luce accesa o nel forno a microonde), coprendo con della pellicola, ci vorranno circa due ore.

Quando l’impasto sarà duplicato di volume, rompere la lievitazione impastando con le mani.

A questo punto si può:

  1. procedere con il dividere l’impasto in pezzi da 50 g, se volete delle palline più piccole, o da 70/75 g, se le volete più grandi.
  2. oppure stendere l’impasto, effettuare delle pieghe per rinforzare la maglia glutinica e trasferire l’impasto in frigo, coperto da pellicola, per almeno 3 ore. Passato tale tempo, passare al punto 1 per formare le palline.

Stendere ciascuna pallina con le mani per formare un disco, riempire a piacere (un po’ di prosciutto, mousse di melanzane, formaggio) eppoi richiudere unendo i lembi del disco, dando la forma di una pallina.

 

 

Posizionare le palline, con la chiusura rivolta verso il basso, su una teglia foderata in carta forno di diametro 28 cm.

Danubio

Lasciar lievitare per almeno 30′ coprendo la teglia con la pellicola, le palline devono duplicare di volume.

Accendere il forno statico a 170°C. Al termine dell’ultima lievitazione, lucidare con la miscela di tuorlo e latte e, a piacere, cospargere con semi di sesamo o papavero. Infornare, a forno caldo, sino a doratura (25′-30′, dipende dai forni).

Lasciar raffreddare prima di servire.

Per la festa di compleanno della mia piccola duenne ho preparato il danubio salato cuocendolo come palline singole da 50 g l’una. Le ho messo dentro ai pirottini da muffin in silicone, in modo da preservarne la forma e sono state un’ottima variante ai panini da buffet.

Danubio

 

Variante dolce

La pasta brioche del danubio salato non è particolarmente salata, ma se si vuole renderla dolce, occorre effettuare queste modifiche:

  • usare 60 g di zucchero invece che 30 g
  • usare 1 cucchiaino di sale, invece che 10 g

Le palline si possono farcire con nocciolata, marmellata o crema pasticcera da forno (con fecola).

 
Variante lievito

Si può usare anche ½ cubetto di lievito, ovviamente i tempi di lievitazione diventano più corti.

Io preferisco lievitazioni più lunghe, perchè l’impasto diventa più digeribile e leggero.

 

Print Friendly

5 thoughts on “Danubio salato

  1. marika il said:

    Dev’essere buonissima: questa la proverò appena riceverò a casa la mia nuova impastatrice.
    Marika

    • onelav il said:

      Brava Marika, hai fatto benissimo a comprarla 😉 Sarà un valido aiuto per il danubio salato!!

  2. Pingback: Proroga del primo contest di un viaggio in cucina | un viaggio in cucina

  3. Pingback: Il primo contest di Un viaggio in cucina: UN BABY PRANZO… | un viaggio in cucina

  4. Pingback: Contest chiuso! | un viaggio in cucina