Un ottimo Branzino al sale

La procedura per ottenere Un ottimo Branzino al sale è semplice.
Uno degli aspetti più importanti per un piatto perfetto è  la durata di tempo della cottura che è decisiva per un buon risultato finale.
Per chi fosse interessato ai valori nutrizionali che riguardano questo pesce potete trovare una tabella completa di informazioni proprio qui:
http://www.valori-alimenti.com/nutrizionali/tabella15004.php

branzino al sale

Ingredienti per 6 persone:

 branzino: 2 kg  /   sale grosso: q.b. (3-4 scattole)  /  olio extra vergine di oliva: q.b.

 Procedimento:

Procurarsi una vassoio bello grande per poter adagiare completamente il pesce al suo interno.
Al al mio esemplare abbiamo dovuto tristemente togliere la testa,  bellissimo ma non ci stava proprio, era enorme!

Prendere il vassoio e fare un primo strato di sale grosso tale da ricoprire tutta la sua superficie ( lo strato di sale deve essere di 2 – 3 cm senza buchi vuoti).
Adagiare bene il pesce, possibilmente collocandolo al centro del vassoio.

A questo punto ricopritelo generosamente con il sale grosso, ovunque. Deve essere perfettamente ricoperto di sale anche lateralmente.
Infornate a forno già preriscaldato alla temperatura di 180°.

 branzino al sale

Date le dimensioni di questo bellissimo esemplare, per cucinare questo branzino sono stati necessari tre quarti d’ora per una cottura ottimale.
La durata di tempo necessaria alla cottura è direttamente proporzionale alla tipologia del forno ed è variabile al variare delle dimensioni del pesce.

Una cottura perfetta si riconosce nel momento in cui si sposta il sale dalla pelle del pesce.
La pelle non deve essere attaccata al sale e  risulta sollevata dalla polpa dalla quale si sposta con un solo tocco.
A questo punto non resta che impiattare il branzino al sale, versare un filo d’olio extra vergine di oliva  e servire con un buon contorno di verdure.

 Branzino al sale

 

Note.

Naturalmente il pesce prima di adagiarlo nel vassoio e seguire la procedura per la cottura, va accuratamente lavato e liberato dalle sue parti viscerali (semprecchè non abbia già provveduto a farlo il vostro pescivendolo).

Attenzione a non far andare il sale grosso sulla polpa, altrimenti avrete rovinato il piatto.


Ricette che potrebbero interessarti:

Spaghetti alla carbonara 

Spaghetti con le sarde alla arancia

10 Comments

  1. fantastico!!! complimenti!!!

  2. Ciao Chiara !!!
    Grazie per la visita e buona fortuna!
    Complimenti :*

  3. che buono…complimenti

    • Ciao Lory grazie di cuore… ho visitato il tuo sito e anche le tue linguine allo scoglio hanno un aspetto mooolto appetitoso….. a presto Clara

  4. Ciao Clara…Prima di tutto volevo complimentarmi per le tue ricette….e poi per il tuo nome…è bellissimo 😀
    mi sono unita ai tuoi sostenitori ed ora vado ad inserire il tuo blog nei blog amici….se ti va passa a trovarmi….ti aspetto!!

    • Adoro il glicine! I tuoi piatti sanno proprio di buono… gran bel blog …. grazie per essere passata da me.. a presto clara

  5. Bravissima, come sempre, Clara!! Piatto perfetto! Buonanotte…bacio!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*