STRUTTOLLA (LA FROLLA SENZA LATTOSIO)

Si sa chi soffre di intolleranze o peggio di allergie alimentari ha vita difficile quando deve mangiare fuori casa, e a dirla tutta a seconda del tipo di allergia anche dentro casa, per esempio chi ha sviluppato un’allergia sistemica al nichel (in parole povere l’allergia non è più solo la classica dermatite da contatto ma si diventa così sensibili a questo metallo che non si tollerano più neanche le quantità che si mangiano inevitabilmente con gli alimenti)  deve restare lontano da una lista infinita di alimenti, praticamente qualsiasi cibo contiene nichel, insomma una vitaccia!! Gli intolleranti/allergici al lattosio possono ritenersi dei “fortunelli” al confronto!! Come al solito sto divagando, quindi torniamo sui binari della nostra pasta frolla senza lattosio!!

La frolla, quella classica viene realizzata con il burro, ma si può sostituire il burro con molti altri tipi di grassi, l’olio per esempio come avevo fatto vedere qui, oppure con strutto come in questo caso! Volendo fare una crostata per intolleranti al lattosio si possono usare anche burri privi di lattosio, oppure in alternativa il ghee che non è altro che il burro chiarificato (mi riservo di approfondire l’argomento prossimamente in un focus kitchen)!! Per stare sicuri che la crostata o i biscotti possano essere mangiati da intolleranti e allergici al lattosio o alle proteine del latte si può usare questa ricetta che contenendo strutto ci toglie da ogni impiccio!! Lo strutto poi regala alla frolla una friabilità unica secondo me, provare per credere!!

Struttolla (pasta frolla senza lattosio)

STRUTTOLLA

INGREDIENTI:

500 g farina 00 debole

200 g strutto

120 g zucchero a velo

100 g uova intere

2 g sale

1 cucchiaio di liquore

1 limone grattugiato

1 cucchiaino di estratto di vaniglia

PROCEDIMENTO:

Setacciamo la farina ed il lievito aggiungiamo lo strutto tagliato a pezzetti  e lavoriamo il tutto a mano (io uso prevalentemente i polpastrelli per spezzare lo strutto e unirlo alla farina) o con la planetaria finché non otteniamo un composto sabbioso, abbiamo appena eseguito quella che viene definita appunto sabbiatura.

Aggiungiamo lo zucchero, poi le uova, il sale, il liquore e gli aromi e impastiamo solo il tanto che serve per ottenere un composto liscio ed omogeneo, non dobbiamo attivare il glutine perché ciò comprometterebbe la buona riuscita della frolla, se avete bisogno di sfogare la vostra rabbia o frustrazioni impastando, la frolla non fa per voi, meglio buttarvi sul pane, la pizza qualche brioche, vedrete sarà terapeutico!! 😉

A questo punto formiamo un bel panetto, copriamo con pellicola e riponiamo in frigorifero per almeno 1 ora,  sarebbe preferibile farla il giorno prima in modo che la pasta riposi per bene ma a volte, come recitava una famosa pubblicità di cioccolatini  si viene presi da quella  “voglia di qualcosa di buono!” in questi casi va benissimo concedere alla frolla solo un’oretta di riposo!

A questo punto non vi resta che stendere e realizzare le vostre crostate, biscotti o torte, unico limite sarà la vostra fantasia!! 🙂

struttolla

 

Precedente FREGULA CON ARSELLE Successivo BRIOCHE AMARETTO