I Pancakes con lievito madre si mantengono morbidi ancora più a lungo dei pancakes preparati con la ricetta tradizionale. Si presentano leggermente più sottili, e potete gustarli come appena fatti anche il giorno dopo averli preparati. Chi coltiva il lievito madre non può lasciarsi sfuggire questa golosissima ricetta, che ho preso dal libro “La pasta madre” di Antonella Scialdone.

Pancakes con lievito madre

pancakes con lievito madre

Ricetta pancakes con lievito madre, ricetta pancakes con pasta madre, fare i pancakes con il lievito madre, pancakes morbidi anche il giorno dopo

Ingredienti:

– 50 g di lievito madre rinfrescato;

– 120 g di farina 00;

– 225 g di latte intero;

– 1 uovo;

– 20 g di zucchero;

– mezza bacca di vaniglia;

– 30 g di burro;

– un pizzico di sale;

– un filo di olio per friggere

La pastella per i pancakes si prepara la sera prima per il giorno dopo.

Sbriciolare il lievito madre nel latte, amalgamando grossolanamente con le mani. Aggiungere l’uovo, la farina, lo zucchero, il sale e i semini di vaniglia. Sbattere il composto con una frusta a mano fino a renderlo liscio e omogeneo.

Sciogliere il burro in un pentolino o nel microonde e aggiungerlo al composto, amalgamando perfettamente.

Coprire la ciotola contenente la pastella con una pellicola trasparente e riporre in frigorifero per 10-12 ore.

La mattina successiva scaldare una crepiere o una padella antiaderente a fuoco medio, ungere con l’olio aiutandosi con uno scottex e versare la pastella un mestolo alla volta. Voltare i pancakes sull’altro lato quando compaiono delle bollicine sulla superficie. Saranno pronti in pochi minuti.

Farcire i pancakes a piacimento con Nutella, marmellata, miele o sciroppo d’acero.

Golosi, vero? 😉

Ti piacciono le mie ricette? Diventa fan della mia pagina Facebook “ Le ricette di Melybea

Se invece vuoi essere aggiornato sulle ultime e gustose novità e ricevere utili consigli in cucina, iscriviti alla mia Newsletter :D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.