Gnocchi di cavolfiore

Gnocchi di cavolfiore

Gnocchi di cavolfiore

Ebbene: gli gnocchi sono uno dei miei grandi amori. Li ho sempre preparati con le patate, al massimo con la zucca, ma ultimamente sto sperimentando e scoprendo nuove idee per portare in tavola gnocchi sempre diversi. Oggi desidero condividere con voi questi gnocchi di cavolfiore. Il sapore è molto delicato, sono semplicissimi da preparare e… perché no… rappresentano un’ottima strategia per far mangiare il cavolfiore, dalle moltissime qualità, anche a chi normalmente storcerebbe il naso, bimbi compresi. Io ho preferito condire gli gnocchi al cavolfiore con semplice burro fuso e semi di papavero, ma ci starebbe bene anche un condimento a base di speck a cubettini o con delle lenticchie ripassate in padella con un po’ di aglio. E provare con della semplice salsa di pomodoro? Beh, in qualunque modo decidiate di accompagnare i vostri gnocchi di cavolfiore, vi assicuro che comunque piaceranno a tutti i vostri commensali. Parola di Martolina!

Ingredienti (per 4 porzioni di gnocchi di cavolfiore):

  • 500 g di cavolfiore pesato crudo
  • 500 g di farina di grano tenero (ho provato anche con la farina integrale, sono buonissimi)
  • 100 ml di acqua
  • 50 g di burro fuso
  • 1 cucchiaio di semi di papavero
  • sale e pepe q.b.

Preparazione:

Per preparare gli gnocchi di cavolfiore, pulite innanzitutto il cavolfiore eliminando le foglie esterne e il torsolo centrale; suddividetelo in cimette e sciacquatele bene sotto l’acqua.

In un robot da cucina, tritate le cimette di cavolfiore, salate, pepate e iniziate ad aggiungere acqua e farina un po’ alla volta, amalgamando il tutto ad ogni aggiunta di farina: in tal modo vi renderete conto esattamente di quanta farina utilizzare perché, come per tutti gli gnocchi, il quantitativo di farina dipende dai liquidi rilasciati dalla verdura. Alla fine, l’impasto ottenuto dovrà essere morbido ma non appiccicarsi alle mani.

Suddividete l’impasto in pezzi e, con ciascuno di essi, formate dei rotolini che taglierete poi con un coltellino affilato in piccoli cilindri di circa 1,5 cm. Mentre procedete in questa operazione, disponete gli gnocchi già tagliati su vassoi infarinati.

Portate a ebollizione una capace pentola piena di acqua, salate leggermente e tuffate gli gnocchi di cavolfiore in più fasi, raccogliendo con una schiumarola gli gnocchi che via via vengono a galla.

Condite i vostri gnocchi di cavolfiore con il burro fuso, ancora caldo e con una generosa spolverata di semi di papavero.

Portate in tavola gli gnocchi di cavolfiore mentre sono ancora belli caldi e… sentirete che bontà!

Clicca mi piace alla mia pagina facebook cliccando QUI e non perderai nessuna ricetta

Gnocchi di cavolfiore

Precedente Crostini alla cipolla con esubero di lievito madre Successivo Tortini di nasello e patate al forno

6 commenti su “Gnocchi di cavolfiore

    • Martolina in cucina il said:

      No, non cuocerli… tritali al massimo! Se li lessi (ho provato) ti mollano poi troppa acqua. Io anche con quelli di zucchine utilizzo zucchine crude tritate o a filetti sottilissimi! Ciao e buon pomeriggio! Marta

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.