Lo sfincione palermitano

sfincione palermitano

Lo sfincione è un classico della cucina palermitana, ne ho già proposto due versioni, una veloce e un’altra “travestita” da finger food, velocissima.

Quella di oggi è la versione tradizionale, quella che solo il profumo, “u’ ciavuru“, ti allarga il cuore e ti apre l’appetito (se mai ce ne fosse bisogno :P)

Vi parlerò solo della preparazione del condimento dello sfincione, perchè la base è un semplice impasto per la pizza, solamente steso nella teglia con uno spessore maggiore e fatto lievitare una seconda volta per un’altra mezz’oretta una volta spianato. Se volete provate questo impasto con la ricotta, o l’impasto di Bonci che si presta molto o questo degli sfincionelli che è PERFETTO!

condimento sfincione palermitano

LO SFINCIONE PALERMITANO

Ingredienti

4 grosse cipolle

una decina di sarde salate sott’olio

1 kg di polpa di pomodoro (pelati)

un bicchiere di olio extravergine d’oliva

2 cucchiai di estratto di pomodoro

2 cucchiai di zucchero

q.b. di caciocavallo stagionato grattugiato

100 g di caciocavallo stagionato intero

q.b. di pangrattato

impasto per pizza di un chilo di farina

ricetta sfincione palermitano

Sbucciate le cipolle e affettatele sottilmente. Fatele stufare in un tegame aggiungendo l’acqua sufficiente ad inzupparle, ma non ricopritele. Quando tutta l’acqua sarà evaporata e le cipolle risulteranno appassite (v. foto)  potete aggiungere l’olio (naturalmente se vi sembrano perfette ma c’è ancora dell’acqua, eliminatela).

Fate soffriggere le cipolle con l’olio e aggiungete i filetti di sarde salate sgocciolate, che pian pianino si scioglieranno. A questo punto versate la polpa di pomodoro o i pelati spezzettati, l’estratto di pomodoro sciolto in una tazza d’acqua tiepida o poco più, due cucchiai colmi di zucchero, aggiustate di sale (prima assaggiate, le sarde salate apportano molto gusto) e pepate leggermente.

Portate a bollore, abbassate la fiamma e fate sobbollire per tre ore almeno, il segreto di un buon sugo per lo sfincione sta tutto nella cottura, che deve essere lunga, ma a fiamma bassissima. Ogni tanto date una controllata e mescolate.

Fate intiepidire, meglio raffreddare il condimento per lo sfincione.

Stendete l’impasto già lievitato nelle teglie, o placca del forno e una teglia, e fate lievitare una mezz’oretta (nel frattempo accendete il forno a 250°C. Inserite nell’impasto steso tanti pezzetti di caciocavallo, cospargete con un po’ di caciocavallo grattugiato, e coprite tutto con abbondante condimento per lo sfincione. Cospargete con una bella manciata di pangrattato, un filo d’olio e infornate.

Dopo circa mezz’ora probabilmente vi busseranno i vostri vicini attirati dal profumo dello sfincione, ignorateli o, se ne avete preparato a sufficienza e sono vicini simpatici, invitateli a gustare il vostro sfincione 😀

Dunque… dopo una mezz’ora in forno lo sfincione dovrebbe essere pronto, controllate che sia ben dorato sotto e sfornatelo.

ATTENZIONE per gustare al meglio lo sfincione , servitelo tiepido o appena raffreddato. Provate e fatemi sapere 😉

POTREBBERO INTERESSARTI:

Vota questa ricetta:
Lo sfincione palermitano
  • 4.00 / 55

22 commenti su “Lo sfincione palermitano

  1. urka! che meraviglia Lori 😉 certo che anche lì in sicilia avete dei profumi e dei sapori che… mmmmmmm….
    durante l’unica vacanza che ho trascorso nella vostra bella isola mi sono portata a caso un ricarico di bagaglio di 3 kg ma non nelle valigie, addosso a me!!!!! ha ha ha ha ha

  2. Questo condimento per la pizza dev’essere fenomenale davvero. Settimana prossima sono in ferie e avrò il tempo di provarlo.
    Buona giornata cara!
    Babe

  3. Il cuore allargato e l’appetito aperto al solo guardarlo e leggerequesta ricetta, è un vero attentato!
    Ciao bravissima Lori

  4. Stefano il said:

    3 ore di cottura è un tempo da te consigliato o è confermato anche in altre ricette magari più inflazionate e meno gustose?
    Comunque lo farei adesso se potessi, ma non ci metterò molto;-)))

    • maniamore il said:

      Ciao Stefano, per la verità non so le altre ricette, così è come lo fa mia madre e anch’io mi trovo bene, in ogni caso le cotture lente sono le migliori per i sughi… Si può sempre velocizzare con le altre ricette che ho menzionato, ma il mio sfincione è questo 😉 Provalo e fammi sapere! :)

      • Stefano il said:

        Provato stasera, buonissimo. Ho seguito passo passo le tue indicazioni ed è stato un successo!
        Grazie mille, sarò un ulteriore ambasciatore di questa tua ricetta…

        • maniamore il said:

          Non sai quanto mi faccia felice il tuo commento!!! Questo è uno dei motivi dell’esistenza del mio blog, raccontare e spiegare la mia cucina perchè gli altri (e un giorno i miei figli) possano riproporla con successo! 😀

  5. anna il said:

    sento “u sciaviro” di questo meraviglioso piatto.
    Quanti ricordi bellissimi! Grazie di postare queste ricette.
    Anna

  6. Salvo il said:

    Da Buon Palermitano credo che questa ricetta sia tra le più buone in assoluto.
    Consiglio a tutti quelli del Norde…..:) di provare questa autentica e tipica ricetta palermitana.
    E vi consiglio di visitare una volta nella vita questa meravigliosa terra.
    Salvo…

    • maniamore il said:

      Grazie mille! Sei un perfetto sponsor della sicilianità, che dico… della palermitudine!!!! ^_^
      Torna a trovarmi :)

  7. Sapessi xD il said:

    Sto preparando il condimento, ma secondo me 3 ore sono troppe. Io l’ho fatto cucinare per 1h:15min.

    • maniamore il said:

      Va benissimo anche meno, l’importante che si restringa al punto giusto… anch’io dimezzo i tempi quando vado di fretta, e esce sempre ottimo! 😉 Buon appetito e buona Pasquetta! 😀

  8. enza il said:

    Ciao complimenti ricetta gustisissima provata :).
    Volevo chiederti una volta cucinato il condimenti,sarà pissibile congelarlo?
    Grazie.

  9. cettina il said:

    salve,mi chiamo cettina sono di palermo ad oggi le tue ficette per me sono le migliori che ho trovato,ti volevo chiedere se potevi pubblicare la ricetta dei cannoli siciliani…..grazie e ciao.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>