CANNOLI SICILIANI RICETTA COMPLETA (SCORZE E CREMA)

Eccoli qua! I cannoli siciliani! E in effetti questa ricetta era la grande assente nel mio siculissimo blog! Ma per un motivo ben preciso…. tra le ricette provate non avevo ancora trovato la mia! Quella che mi soddisfacesse al centopercento…. e che avrei potuto consigliare qui con la certezza di non suggerire cavolate 🙂

cannoli siciliani ricetta perfetta

Ho scritto “la mia” perchè, come per tutte le ricette regionali tradizionali, anche i cannoli vantano mille mila versioni, ognuno nella propria famiglia infatti custodisce gelosamente la sua, la migliore rispetto a qualsiasi altra! 😀

Una volta appurato che la scorza dei cannoli è composta solo da farina, strutto, marsala e poco altro, serviva solo sistemare le quantità e le proporzioni e poi via alla frittura…. Hai detto niente!

La frittura dei cannoli è un altro punto fondamentale per la riuscita di questo dolce, vanto della pasticceria siciliana. Tradizione vuole che tutte le ricette che necessitano frittura qui da noi, vadano fritte, immerse nello strutto bollente! Io ho utilizzato il più comune olio di arachidi, di più facile reperibilità, ma se volete rispettare la tradizione, ora sapete cosa fare! La temperatura dell’olio deve essere alta, poco oltre i 180 °C, ma non superare i 200 °C. Dovrete considerare che più ne metterete a friggere, più si abbasserà la temperatura, quindi regolatevi. Ma seguite i miei suggerimenti sotto e anche voi riuscirete nell’impresa!

Un appunto anche per la crema di ricotta: per i dolci è indicata quella di pecora, ma se proprio non riuscite a procurarvela, utilizzatene una vaccina ben fatta. Fate solo lo sforzo di acquistarla presso un mastro casaro che “parli con le pecore (o le mucche)”! Insomma fatevi una passeggiata in campagna e visitate fattorie e agriturismi! E prima di utilizzare la vostra ricotta fresca tenetela in frigorifero a perdere tutto il siero.

Un’ultima cosa (giuro che è l’ultima, ma non vi fidate troppo 😀 ) i cannelli, cilindri, stampi dei cannoli…. quelli bravi (bravi ad essere riusciti a procurarseli!) utilizzano proprio le canne, e se vi volete dilettare ho trovato un articolo interessante, in alternativa utilizzate i più comuni cannelli in acciaio che ormai si trovano ovunque!

Ora bando alle ciance (ma la premessa era d’obbligo!) e prendete appunti 😉

cannoli siciliani ricetta originale

cannoli siciliani ricetta completa

Ingredienti per circa 25 cannoli*

farina 00, 125 g

farina di semola di grano duro, 125 g

strutto, 25 g

zucchero, 20 g

sale, 4 g

cacao amaro**, 5 g

caffè in polvere**, 2 g

aceto, 1 cucchiaio

marsala secco, 125 ml
(o semi secco)

ricotta, 1 kg
(preferibilmente di pecora)

zucchero semolato, 400 g

gocce di cioccolata, 100 g circa

ciliegie candite, q. b.

scorze d’arancia candite, q.b.
(QUI la ricetta per farle in casa)

zucchero a velo, q.b.

olio per friggere, q.b.
(dipenderà dalla capienza della vostra pentola)

cannoli siciliani ricetta scorze e crema

*la quantità dei cannoli è indicativa. Alcuni potrebbero rompersi, altri cuocere più del dovuto, altri aprirsi in cottura. Se siete all’inizio della vostra esperienza con i cannoli le somme tiratele alla fine!

** il cacao e il caffè servono a dare il colore tipico del cannolo siciliano, potrete ometterli senza inficiarne il risultato, vi verranno solo più chiari!

Cominciate il giorno prima dalla ricotta. Dovrà essere “asciutta” senza più tracce di siero. Lavoratela con una forchetta, e amalgamatela con lo zucchero. Lasciatela riposare in frigorifero. Il giorno dopo lo zucchero risulterà completamente sciolto e raffinerete la crema con un “passaggio” di minipimer fino a renderla lucida e cremosa.

Impastate i cannoli. Riunite le farine in una ciotola e aggiungete lo strutto, lo zucchero, il sale, la polvere di caffè e il cacao. Infine cominciate ad impastare aggiungendo l’aceto e poco alla volta il marsala. Dovrete ottenere un impasto sodo, lavorabile ma non troppo molle (la vostra farina potrebbe assorbire poco meno o poco più liquido, regolatevi)

Fate un panetto e fatelo riposare coperto da un tovagliolo per circa mezz’ora.

L’impasto andrà steso molto sottile, potrete ritagliare una forma tonda con una tazza o un taglia pasta, e assottigliarlo ancora se serve con l’aiuto del mattarello dandogli una forma ovale o meglio di un rombo con le punte arrotondate. Dopo i primi vi regolerete voi stessi.

Oppure potete procedere come viene spiegato in questo video molto interessante che ho trovato su you tube

A questo punto inumidite il punto di chiusura con un po’ di albume e richiudete il cannolo attorno al cannello, schiacciando leggermente la chiusura. Fate attenzione che il cannolo sia leggermente più largo del cannello, non deve essere “attillato”, ma comodo, considerate di poter far passare un dito!

Preparate  tutti i cannoli in questo modo.

Riscaldate olio abbondante e friggete i cannoli pochi per volta, anche per poterli “gestire” meglio. Se riuscite teneteli in fondo aiutandovi con una paletta larga. L’olio dovrà fare delle belle bolle intorno ai cannoli. La frittura dovrà essere breve, circa 15/20 secondi, dopo di che tirateli fuori anche se vi sembrano chiari, continueranno la cottura anche fuori, quindi si scuriranno ancora, attenzione! Scolateli con attenzione facendo colare l’olio e poneteli su un vassoio con carta assorbente da cucina.

Fate raffreddare le scorze dei cannoli e sfilate delicatamente i cannelli.

Tirate fuori la ricotta dal frigo e aggiungete le gocce di cioccolata. Riempite i cannoli con l’aiuto di una sac à poche oppure con un cucchiaino. Spolverizzate con zucchero a velo e guarnite con le ciliegine candite e le scorze d’arancia. Vi consiglio di farcire i cannoli solo poco prima di gustarli, l’umidità della ricotta ammorbidirebbe inesorabilmente la cialda facendole perdere tutta la sua fragranza.

Bene amici non vi resta che provarci e se siete arrivati a leggere fin qui non vincete niente ma sappiate che vi voglio tanto bene! 😀

 

Lascia un commento