Involtini di pollo all’amalfitana

amalfi2

Il “Limone Costa d’Amalfi” IGP è un prodotto tipico della costiera Amalfitana. Il limone d’Amalfi detto anche lo ” sfusato” presenta caratteristiche molto pregiate e rinomate: la buccia è di medio spessore, di colore giallo particolarmente chiaro, profumo intenso, forma affusolata, polpa succosa, dimensioni medio-grosse, con scarsa presenza di semi. Ricchissimo di vitamina C e oli essenziali è un prodotto veramente eccezionale. Un frutto incantevole come la sua area di produzione, che va da Vietri sul mare a Positano. I migliori chef campani hanno incentrato e inventato, su questa formidabile materia prima, molte delle loro specialità. l’elenco dei piatti e dei dolci dove viene impiegato lo sfusato d’Amalfi è lungo, e il tipico liquore al limoncello prodotto con le bucce del limone è da molti definito il nettare degli dei. La ricetta che vi propongo è volutamente molto semplice e facile da realizzare: involtini di pollo con il limone d’Amalfi. In questa ricetta il limone viene impiegato per intero, dal succo alla scorza. Il risultato è sublime. Gli involtini di pollo marinati con il succo di limone, rimarranno morbidi ma con una pelle croccante, deliziosa e gustosa. Inoltre con il succo ottenuto dalla cottura degli involtini, ho realizzato una salsa vellutata e delicata per esaltare questi bocconcini succulenti e appetitosi.

Ingredienti:
– 5 sovracosce di pollo dissosate
– 1 limone d’amalfi
– 2 cucchiai d’olio evo
– mezzo spicchio d’aglio
– prezzemolo- basilico- rosamrino- salvia q/b
– sale q/b
– un cucchiaio di farina

pol2

pol3

Procedimento : Disponete su un tagliere le sovracosce di pollo e battete la carne usando un batticarne. Tritate il basilico,il prezzemolo, l’aglio, la salvia e il rosmarino. Con un pelapatate ricavate le scorzette di limone, e con uno spremiagrumi il succo. Irrorate le sovracosce con metà del succo di limone e aggiungete le scorzette, condite con un filo d’olio, il sale e il trito di aromi. Arrotolate le sovracosce creando dei perfetti involtini. Mettete un filo d’olio nella teglia, adagiate gli involtini, cospargeteli con il restante succo di limone aggiungete le altre scorzette, sale, aromi e un goccio d’olio. Lasciate marinare per un’ora e infornateli prima a 150° per 30 minuti e poi a 200° per 15 minuti. Quando gli involtini saranno ben dorati, toglieteli dal forno, filtrate il succo di cottura, mettetelo in un pentolino, ponetelo sul fuoco a fiamma bassa e aggiungeteci un cucchiaio di farina, mescolate con una frusta velocemente per 30 secondi e otterete la salsa per accompagnare gli involtini.

Precedente Carciofo alla Giudia Successivo Linguine con colatura di alici di Cetara.