Ricette per conservare le olive nere: al forno e sotto sale

Ecco due ricette per conservare le olive nere e mature raccolte a fine Novembre.  Le olive non perfettamente mature (raccolte tra Ottobre e Novembre) si conservano in acqua e sale, vengono chimate OLIVE ALL’ ACQUA, cliccare QUI per il procedimento

  • olive nere sotto sale
  • olive nere al forno
ricette per conservare le olive nere IL MIO SAPER FARE

Ricette per conservare le olive nere: occorre scegliere le olive completamente mature, nere e belle polpose. Io propongo questi due procedimenti molto semplici che ci permettono di conservare le olive e gustarle durante l’anno.

PROCEDIMENTO PER: LE OLIVE NERE SOTTO SALE 

ricette per conservare le olive nere IL MIO SAPER FARE

  1. Occorrono olive completamente mature e nere. Selezionare solo le olive sane.
  2. Lavarle accuratamente.
  3. Portare a bollore abbondante acqua. Mettere le olive in una coppa e versare sopra l’acqua bollente. Girare le olive e dopo 1 minuto scolarle (come dicevano gli antichi: giusto il tempo di recitare un’Ave Maria). C’è chi evita questo passaggio.
  4. Disporre uno strato di olive in un cesto o in uno scolapasta e cospargerle di sale.(Ogni 5 Kg di olive circa 1 Kg di sale) Ripetere l’operazione sempre a strati alterni.
  5. Mescolare le olive o agitarle più volte al giorno per circa 10 giorni. Dovranno perdere tutta l’acqua di vegetazione e si dovranno raggrinzire. Conviene sistemare qualcosa sotto il cesto per raccogliere l’acqua che perderanno le olive per poi gettarla via.
  6. Assaggiare le olive e valutare se si sono addolcite altrimenti lasciarle ancora a maturare.
  7. Sistemarle in una coppa e condirle con un filo di olio evo, origano, peperoncino e semi di finocchio.
  8.  Conservarle in vasi di vetro chiusi ermeticamente in frigo.
PROCEDIMENTO PER: LE OLIVE NERE AL FORNO
ricette per conservare le olive nere IL MIO SAPER FARE
  1. Occorrono olive nere completamente mature.
  2. Selezionare le olive scegliendo solo quelle sane.
  3. Incidere le olive in due/tre punti. Metterle in uno scolapasta e cospargerle di sale grosso. Procedere a strati alterni: sale e olive.
  4. Dovranno perdere l’acqua di vegetazione per circa 5/7 giorni.
  5. Trascorso il tempo, sciacquare le olive con aceto bianco freddo.
  6. Rivestire una placca con carta forno e spennellarla con un filo di olio evo. Sistemare uno strato di olive.
  7. In forno preriscaldato a 150°C sino a quando le olive si saranno raggrinzite.
  8. Sistemare le olive in vasi di vetro aggiungendo un filo di olio evo. Chiudere ermeticamente e riporle in frigo.

Vi invito a diventare fan della mia pagina Facebook per essere così sempre aggiornati sulle mie nuove ricette e restare in contatto con me. Allora cliccate QUI e poi mettete MI PIACE.

Se volete potere ricevere gratuitamente tutte le mie ricette tramite posta elettronica, cliccate QUI                   

  ENJOY E GRAZIE PER L’ATTENZIONE :)

Albero secolare della mia Azienda Agricola Ferente 

Collage.jpgOLIVE

 

54 commenti su “Ricette per conservare le olive nere: al forno e sotto sale

      • Francesca il said:

        Vorrei fare anche io la tua ricetta di olive nere sotto sale e piccanti . Ma anche il peperoncino va messo sotto sale?
        grazie

        • loti64 il said:

          Ciao 😉 le tue olive sono nere nere? Solo se sono nere puoi seguire questa ricetta 😉 Il peperoncino se è secco puoi evitare di metterlo sotto sale, se non è secco devi metterlo sotto sale necessariamente 😉 Fammi sapere cara

    • loti64 il said:

      Provo anche la tua ricetta…la mia la trovo più pratica 🙂 non cambio l’acqua per 40 giorni. Un saluto e grazie mille 😉

  1. francy il said:

    io le olive nere le tengo sotto sale con aglio, bucce di arancio, semi di finocchio e peperoncino per 25 gg poi le condisco, dopo averle lavate ed asciugate, con olio e con gli stessi aromi sopra indicati, però mi dispiace buttare tutto il sale che ho usato (circa 5 kg). Come posso riutilizzare quel sale? (per la serie: NON si butta niente!!)
    grazie

  2. AngelaBar il said:

    Ciao Marisa scrivo per sapere notizie in più su quei buchetti che a volte si trovano sulle olive nere. E’ vero che si buttano? O posso ugualmente integrarle alle altre secondo questo tuo procedimento. Grata per la risposta . Bellissima la tua tenuta conto di fare un salto dalle tue parti visto che vivo a Bari. Come sempre, ti seguo da diverso tempo. Ciao e a presto.

    • loti64 il said:

      Ciao Angela,
      ti ringrazio per i complimenti sulla mia azienda e ti aspetto a bracci aperte 🙂 Le olive le devi buttare..sono state attaccate e punte dalla mosca delle olive..a lungo andare marciscono e poi rovinano anche le altre, non conviene rischiare. Un caro saluto a presto
      Marisa

  3. Elisa il said:

    Ciao! volevo provare a fare le olive sotto sale e la tua ricetta mi ha incuriosito! una sola precisazione: una volta trascorsi i 10 giorni in cui sono rimaste sotto sale, prima di metterle nei vasetti vanno lavate? o comunque va tolto il sale?

    • loti64 il said:

      Ciao Elisa,
      assolutamente no..quando sono raggrinzite e sono diventate dolci le devi condire e mettere nei vasetti..il sale in eccesso lo perdono durante la maturazione. Fammi sapere 🙂

  4. Andrea il said:

    Ciao, mi accingo oggi per la prima volta a fare LE OLIVE NERE SOTTO SALE utilizzando la varietà presente nella mia zona (Lecce). Volevo sapere gentilmente per quanto tempo possono essere conservate. Poi volevo sapere come fate voi la conservazione sempre delle olive nere ma in salamoia anche per un confronto con altri metodi.
    Grazie.

    • loti64 il said:

      Salve,
      le olive nere una volta che si sono addolcite vanno condite con olio e aromi vari e conservate in vasi di vetro chiusi ermeticamente e tenuti in frigo. Così facendo si conservano meglio e un po’ più a lungo. Il problema delle olive è la muffa, bisogna costantemente tenerle asciutte ( non sempre c’è la tramontana che ci aiuta) e per questo io le ungo di olio anche se preferiscono tenerle in vasetti. Si possono preparare anche in forno. Per le olive nere non conosco altri metodi di conservazione, le olive non perfettamente mature le conservo in acqua e sale. Un caro saluto e tienimi aggiornata

      • Andrea il said:

        Le ho fatte e devo dire che sono venute bene. Solo un po antiestetica e fastidiosa e la coagulazione dell’olio una volta messe in frigo.

        • loti64 il said:

          Caio Andrea..hai ragione , ma appena le tieni fuori dal frigo l’olio diventa nuovamente liquido. Ti ringrazio per il riscontro. Buona serata 🙂

    • loti64 il said:

      Ti ringrazio per avermelo fatto sapere…avere dei riscontri mi interessa tantissimo. Un caro saluto e buona domenica 🙂

  5. fabrizio il said:

    Le avevo mangiate spesso senza sapere come venissero preparate. Che soddisfazione poter farle e sentire che sono più buone. Complimenti e grazie 🙂

  6. olga il said:

    Ciao, ho visto le olive sull’albero della mia amica e le ho raccolte ma adesso si possono mettere via ugualmente oppure le butto?

    che bello il tuo albero

  7. patrizia manoni il said:

    Ciao, volevo sapere se le ricette sia delle olive verdi che delle nere dipendeva anche dalla qualità delle olive. E in caso affermativo quali sono le olive migliori per essere conservate?

    • loti64 il said:

      Ciao Patrizia
      si possono conservare olive nere e olive verdi. In questo periodo ci sono solo le verdi e prima di conservarle occorre che siano senza sentina se noti qualche zona più scura vuol dire che l’oliva non può essere conservata perchè sta maturando. le olive verdi buone per essere conservate sono le olive da mensa. Tra qualche mese, quando le olive saranno nere o invaiate per metà , potrai conservarle tranquillamente. Non so se sono stata chiara 😉 fammi sapere ! Un bacione cara

    • loti64 il said:

      Va bene anche la cantina ma io sono troppo fissata e preferisco il frigo cara 😉 Il botulino è sempre in agguato e dobbiamo difenderci 😉 Un bacione

  8. Laura il said:

    Conservo le olive nere con questo procedimento che mi ha insegnato mio padre marchigiano: lavo le olive, le scolo e le asciugo con un panno, poi nei barattoli di vetro ( nel passato in contenitori di coccio ), aggiungo scorse di arancia, spicchi d’aglio interi a cui non viene tolta la pellicina, sale grosso in quantità tale da fare uno strato di 2 cm circa in sommità (se il barattolo non è molto grande). Chiudo il barattolo e lo scuoto in modo da far andare il sale su tutte le olive. Ogni giorno lo scuoto, dopo circa 4 giorni scolo il liquido amaro che si è formato , se il sale è ancora presente continuo il procedimento altrimenti ne aggiungo un po’. Dopo circa 15 giorni si assaggiano le olive, se non sono più amare si mettono a scolare, si asciugano, si aggiungono di nuovo scorzette di arancia e aglio e un filo d’olio. Si scuote il barattolo ogni tanto.

  9. ci sono molte scuole di pensiero nella conservazione delle olive sia nere che verdi io personalmente ho avuto due maestre di cui seguo l’insegnamento la mamma e mia suocera, suggerisco ogni litro di acqua mettere 70gr. di sale fare bollire e una volta fredda a piacere si puo’ aggiungere un bicchiere di aceto di vino bianco o rosso, dopo aver lavato le olive riempire dei vasi di vetro mettendo alla base uno spicchio di aglio vestito e schiacciato una foglia di alloro e un pezzetto di peperoncino nella metà ripetere l’operazione fino alla fine chiudere con l’aglio il peperoncino e varie foglie di alloro a coprire le olive una volta fatto mettere l’acqua fino a coprire il le olive e le foglie porre a dimora per un paio di mesi trascorso questo tempo potrete gustarle e condirle a piacere che nn hanno perso sicuramente il loro gusto e nn verranno per niente salate se qualcuno li prova fatemi sapere

    • loti64 il said:

      Verissimo cara…si può dire che ogni famiglia e ogni regione d’Italia abbia la sua ricetta. Io custodisco queste tramandate da generazioni. Sei siciliana?

  10. Nadia il said:

    Grazie per gli ottimi consigli per conservare le olive. Quelle nere le ho fatte al forno e sotto sale e sono buonissime, quelle ancora non nere le ho fatte in acqua e sale e vedremo fra 2 mesi. Non mi è chiaro come conservare quelle fatte sotto sale. Vanno sciacquate per levare il sale? E poi come si conservano? Grazie se puoi rispondermi!

    • loti64 il said:

      Ciao cara
      non vanno lavate assolutamente altrimenti generano muffa 🙁 devi solo scrollare il sale sbattendole un po’ (ma anche se rimane male non fa, il sale è un ottimo conservate naturale) le devi sistemare in una coppa e condirle con un filo di olio evo, origano, peperoncino e semi di finocchio.
      Conservarle in vasi di vetro chiusi ermeticamente in frigo 😉

  11. Mary il said:

    Fatte in entrambi i modi, buonissime, ma quelle al forno sono rimaste piuttosto salate, c’ un sistema per ovviare a ciò? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*