Torta di grano saraceno con marmellata ai ribes rossi

La “TORTA DI GRANO SARACENO CON MARMELLATA AI RIBES ROSSI” è una ricetta tipica del Trentino Alto Adige. Proprio lì anni fa ho assaggiato per la prima volta questo dolce e subito me ne sono innamorata. Solo oggi però ho deciso di prepararlo. Mi è sembrato infatti adatto per l’occasione della Festa della mamma. Se ci pensate, infatti, questa torta è semplice, buona e genuina proprio come le nostre mamme! 🙂 E allora perché non realizzarlo per celebrare la donna più importante della nostra vita. Io, per l’occasione, ho scelto di realizzare la torta al grano saraceno in uno stampo a forma di cuore.

Ovviamente potete preparare questo dolce ogni volta che vi va e con le forme che vi piacciono di più! 🙂

Per quanto riguarda la ricetta, ho scelto di testare quella del blog “E’ quasi magia in cucina” e cliccando QUI potete leggere la ricetta originale.

Ed ora passiamo direttamente alla ricetta con tutte le foto passo-passo!

A presto!

Anna

  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    40 minuti
  • Porzioni:
    teglia da 20-22 cm
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • 125 g Burro
  • 125 g Zucchero
  • 3 Uova
  • 80 g Farina di grano saraceno
  • 45 g Farina 00
  • 125 g mandorle tritate
  • 1 bustina Lievito in polvere per dolci
  • 50 ml Latte
  • 1 vasetto Marmellata di ribes rossi

Preparazione

  1. In una ciotola unire la farina di grano saraceno, la farina 00 e il lievito per dolci.

  2. Dividere gli albumi dai tuorli. Aggiungere ai tuorli il burro ammorbidito e 75 g di zucchero. Mescolare bene il tutto.

  3. Aggiungere le farina al composto di uova e burro. Se il composto risulta molto duro aggiungere anche i 50 ml di latte.

  4. Montare gli albumi con i rimanenti 50 g di zucchero a neve fermissima.

    Aggiungere poi le chiare montate a neve al composto precedentemente preparato, con movimenti dal basso verso l’alto.

  5. Versare l’impasto nella tortiera imburrata ed infarinata. Livellare bene il composto ed infornare a 180°C per circa 40 minuti. Fare sempre la prova stecchino.

    Quando la torta risulterà cotta, tirarla fuori dal forno e lasciarla raffreddare prima di toglierla dalla tortiera.

  6. Quando la torta si sarà raffreddata, estrarla dalla tortiera e tagliarla a metà con l’aiuto di un filo.

  7. Farcire la torta di grano saraceno con abbondante marmellata ai ribes rossi.

  8. Servire la torta di grano saraceno con marmellata ai ribes rossi con una spolverata di zucchero a velo.

I miei consigli

Potete sostituire le mandorle tritate con la farina di mandorle o con nocciole tritate.

Potete sostituire la marmellata ai ribes rossi con un’altra marmellata ai frutti rossi, come mirtilli rossi, fragole, lamponi, ecc.

Potete realizzare la torta di grano saraceno a forma di cuore, oppure tonda, quadrata, a forma di fiore…insomma come vi piace di più.

Potete preparare questo dolce per qualsiasi occasione, si presta bene anche per la Festa della mamma o per San Valentino.

Se sei interessato ad altre ricette di TORTE, clicca QUI.

Se sei interessato ad altre ricette di DOLCI, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA –  e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le mie ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

Dolci, Torte

Informazioni su Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Precedente Carciofi in padella Successivo Risotto primavera

Lascia un commento