Tenerina al pistacchio

La “TENERINA AL PISTACCHIO”  è un dolce semplicissimo da preparare e buonissimo. Servono pochissimi ingredienti e pochissimo tempo per la realizzazione. Quindi questa è la ricetta ideale se non volete impazzire con preparazioni particolari e lunghe. Ciò che serve è la crema spalmabile al pistacchio e pochissimi altri ingredienti che sono sicura avete sempre in casa.

La tenerina al pistacchio è una torta bassa, morbida e “umida” che vi garantisco piacerà proprio a tutti. In genere si conosce la versione al cioccolato di questo dolce, ma come avrete capito io sono un’amante del pistacchio. Potevo allora non fare questa torta in versione pistacchio? 🙂

La ricetta della tenerina al pistacchio l’ho presa dal bellissimo blog “Balckberry Pie” e cliccando qui potete leggere la ricetta originale.

Qui di seguito l’elenco degli ingredienti e tutto il procedimento con le foto passo-passo.

A presto e grazie per aver letto la mia ricetta!

Anna

Tenerina al pistacchio
  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 8-10 porzioni
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 4 Uova
  • 40 g Farina
  • 200 g crema spalmabile al pistacchio
  • 100 g Zucchero
  • q.b. Zucchero a velo
  • q.b. Granella di pistacchi

Preparazione

  1. Impasto tenerina al pistacchio

    Prima di tutto prendere le uova e separare i rossi dagli albumi.

    Con l’aiuto di una planetaria o di uno sbattitore elettrico, unire lo zucchero con i tuorli fino a quando non si formerà un composto chiaro e spumoso. Poi, continuando a mescolare, aggiungere la farina ed infine la crema al pistacchio.

  2. Preparazione impasto tenerina

    Separatamente montare gli albumi a neve ferma e poi aggiungerli al composto precedentemente preparato, mescolando sempre con movimenti dal basso verso l’alto.

  3. Cottura della tenerina

    Trasferire il composto in una teglia rettangolare o quadrata rivestita con carta da forno e livellate bene il composto. Io ho utilizzato una teglia rettangolare 30×16 cm.

    Cuocere a 180°C per circa 20 minuti. La superficie della tenerina al pistacchio si imbrunirà leggermente. Fare sempre la prova stecchino per verificare la cottura. Lasciare la tenerina al pistacchio altri 10 minuti a forno spento e con lo sportello socchiuso.

  4. Tenerina al pistacchio dopo la cottura

    Dopo aver lasciato raffreddare la tenerina al pistacchio, tagliarla a quadrotti con un coltello e spolverizzare la superficie con lo zucchero a velo.

  5. Tenerina al pistacchio

    Decorare la superficie di ogni quadrotto di tenerina al pistacchio con dei pistacchi non salati tritati.

I miei consigli

Se la tenerina al pistacchio dovesse risultare ancora troppo morbida dopo la cottura lasciatela intiepidire bene nel forno spento e aperto. Poi spolverizzate con lo zucchero a velo anche la base di ogni quadrotto e non solo la superficie.

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se sei interessato ad altre ricette di DOLCI, clicca QUI.

Invece se ti interessano altre ricette con PISTACCHI, clicca QUI.

Oppure se vuoi scoprire altre ricette di TORTE, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA –  e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le mie ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

Dolci, Pistacchi, Torte

Informazioni su Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Precedente Spaghetti al limone (senza panna) Successivo Ghiaccioli all'albicocca e yogurt

Lascia un commento