Purè di fave con cime di rapa

Purè di fave con cime di rapa

Ciao!

Il “purè di fave con cime di rapa” è un piatto tradizionale della cucina pugliese. La ricetta originale prevede di servire il purè di fave con la cicoria. Ma io in casa avevo le cime di rapa e quindi ho usato quest’ultime, ma direi che il piatto è buonissimo lo stesso.

Il purè si prepara utilizzando le fave secche. Se riuscite a trovare quelle decorticate è meglio, perché il purè verrà più fine e delicato. Io ho utilizzato invece quelle non decorticate e il risultato è quello di ottenere un composto un po’ più granuloso. Ma il gusto non cambia.. è veramente troppo buono.

Il purè di fave con le cime di rapa è una ricetta molto versatile perché potete servirla sia come piatto unico e sia come antipasto, se presentato magari in porzioni un po’ più piccole.

ingredienti per 4-6 persone:

  • 300 g di fave secche
  • 2 patate
  • 1 mazzo di cime di rapa (o di cicoria)
  • olio extra vergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

procedimento

Mettere a mollo le fave secche

Prima di tutto mettere a mollo le fave secche per 12 ore. Poi sciacquarle sotto l’acqua corrente.

Pulire le cime di rapa e cuocerle

Prendere le cime di rapa, pulirle tenendo solo la parte terminale in alto delle foglie e lavarle. Metterle a cuocere in acqua bollente salata per circa 10-15 minuti.

Cotture delle fave con le patate

Nel frattempo mettere a bollire in una pentola a parte le fave secche in acqua bollente salata. Dopo circa 10 minuti, aggiungere anche le patate pelate, lavate e tagliate a pezzetti. Continuare la cottura per altri 10-15 minuti.

Frullare le fave e le patate

Quando le cime di rapa saranno pronte, scolarle e tenerle da parte. Condirle con un filo d’olio evo. Quando saranno pronte anche le fave e le patate, frullarle insieme con un po’ di acqua di cottura fino ad ottenere la consistenza di un purè.

Purè di fave servite con le cime di rapa e un filo d’olio

Servire il tutto mettendo un po’ di purè di fave e adagiarvi sopra al centro le cime di rapa. Aggiungere un altro filo di olio evo e il piatto è pronto!

Buon appetito!

Anna

Seguitemi anche su facebook – L’OSTERIA DI ANNA

Precedente Schiacciata di patate Successivo Torta salata ricotta, radicchio e capicollo

Lascia un commento