Crea sito

Pipi e patate (ricetta tradizionale calabrese)

Ciao! Oggi vi porto nella mia bellissima Calabria con uno dei tanti piatti tipici tradizionali: i famosi “PIPI E PATATE”, ovvero PEPERONI E PATATE!!!
Si tratta di un pasto semplice, ma non per questo povero di gusto, anzi!!! La semplicità di questo piatto è il suo punto di forza e la qualità degli ingredienti è importantissima!!! In questa ricetta infatti trionfa la patata IGP della Sila, la migliore a mio avviso!!!
I “pipi e patate” non è sicuramente un piatto leggero, in quanto sia le patate che i peperoni vanno frutti in abbondante olio extra vergine d’oliva, calabrese ovviamente!!!
La storia di questo piatto è antichissima e una volta i contadini erano soliti arricchire i propri panini con pipi e patate! In questo modo avevano un pasto completo per pranzo, che potevano portarselo anche sotto il sole, senza che andasse a male!!! I pipi e patate sono infatti un piatto prettamente estivo, perché segue la stagionalità delle materie prime!!
A casa mia non c’è festa d’estate in cui non si prepari questo piatto, soprattutto a ferragosto! Ed io ho tantissimi ricordi legati a questo piatto che piace proprio a tutti!!! Vi dirò di più… in Calabria alcune pizzerie vi propongono la “pizza con pipi e patate”, una vera goduria!!!
Se vi ho incuriosito con questo piatto, leggete gli ingredienti e i passaggi che trovate qui di seguito e fatemi sapere se vi è piaciuto!
vi ricordò come sempre che mi trovate anche su Facebook, a Instagram e Pinterest, con l’anteprima di tutti i miei piatti!!!
A presto!
Anna

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni6-8
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 5patate (IGP della Sila)
  • 2peperoni rossi
  • 1peperone verde
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.sale

Strumenti

  • Padella per friggere

Preparazione

  1. Prima di tutto prendere le patate, lavarle, sbucciarle e tagliarle a spicchi. Poi metterle a mollo in acqua per eliminare l’eccesso di amido ed infine asciugarle molto bene, tamponandole con un canovaccio pulito.

  2. Poi prendere i peperoni, lavarli, pulirli (eliminando le estremità e i semini) e tagliarli a striscioline.

  3. In una padella dai bordi alti, scaldare abbondante olio extravergine d’oliva. Poi aggiungere prima le patate e lasciarle friggere per circa 5 minuti e poi aggiungere anche i peperoni. Proseguire la cottura per altri 5-10 minuti in base alla grandezza delle patate e dei peperoni. Quando i pipi e patate risulteranno ben dorati, toglierli dall’olio e scolarli per bene su diversi fogli di carta assorbente. Salare il tutto e proseguire con la frittura.

I miei consigli

I pipi e patate si conservano per 2-3 giorni in frigo, chiusi in un contenitore ermetico!

Potete aggiungere anche dell’origano al piatto, anche se la ricetta tradizionale non lo prevede.

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se sei interessato ad altre ricette di PIATTI UNICI clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA –  e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le mie ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.