Pane con la macchina del pane

PANE CON LA MACCHINA DEL PANE, se anche voi come me avete acquistato una macchina del pane (MDP), segnatevi questa ricetta perché non la lascerete più. Io infatti ho dovuto testarne varie prima di ottenere un buon pane. Avevo provato la ricetta presa dal ricettario della MDP, ma ciò che ottenevo era o un pane basso e non lievitato, o il contrario molto lievitato ma crudo..insomma all’inizio è stato un po’ un disastro. Poi ho capito due cose: 1) quando si preparano i vari ingredienti, è meglio pesarli minuziosamente con una bilancia elettronica; 2) bisogna trovare la ricetta giusta. Ed eccomi qua che vi vengo così in aiuto. La ricetta che vi propongo oggi è quella per ottenere un pane in cassetta bianco, ma alla fine dell’articolo, nella sezione “i miei consigli”, troverete anche le varianti per realizzare un pane integrale o nero. Vi consiglio comunque di utilizzare farine in cui trovate scritto sul sacchetto “per macchina del pane”. La cosa bella infatti di questo robot da cucina è proprio quella di preparare in casa un pane perfetto e caldo ogni volta che vorrete e con gli ingredienti che vorrete. Potete infatti aggiungere semi, frutta secca, spezie..tutto ciò che desiderate e vi piace di più. Ed ora mettiamoci all’opera e vedrete che profumino ci sarà in tutta casa! 😉

A presto!

Anna

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 3 Ore
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 1 pane da 750 g
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • 300 ml Acqua (calda)
  • 1 cucchiaio Olio extravergine d'oliva
  • 200 g Farina Manitoba
  • 300 g Farina per pane bianco
  • 1 cucchiaino Sale
  • 1 cucchiaino Zucchero
  • 1 bustina Lievito istantaneo per preparazioni salate

Preparazione

  1. Prima di tutto ungere con un po’ di olio l’elica inserita al centro del cestello. Poi pesare tutti gli ingredienti ed inserirli all’interno del cestello in questo ordine:

    1. acqua (meglio se riscaldata)
    2. olio extra vergine d’oliva
    3. 500 g di farina (manitoba + farina bianca)

    Formare poi 3 fossette nella farina, inserire al centro il lievito in polvere e a destra lo zucchero e a sinistra il sale (o viceversa).

  2. Inserire il cestello all’interno della MDP e poi selezionare il programma in base al vostro robot. Io per esempio ho selezionate pane da 750 g e con una crosta croccante.

  3. Trascorso il tempo per la lievitazione e la cottura (nel mio caso quasi 3 ore), il pane è pronto per essere tirato fuori.

  4. Eliminare con l’apposito arnese in dotazione l’elica situata alla base del pane.

  5. Ed ecco pronto il pane preparato la macchina del pane (MDP).

I miei consigli

Per preparare altri tipi di pane, basterà variare le farine utilizzando le seguenti dose:

  • PANE INTEGRALE: 200 g di farina manitoba, 300 g di farina integrale;
  • PANE NERO: 100 g di farina manitoba, 300 g di farina bianca, 100 g di farina nera;
  • PANE AL FARRO/GRANO SARACENO/SEGALE: 200 g di farina manitoba, 200 g di farina bianca, 100 g di farro/grano saraceno/segale.

E’ possibile aggiungere semi nell’impasto e/o anche sulla superficie del pane prima che inizi la cottura.

Se sei interessato ad altre ricette di PANE E LIEVITATI, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK L’OSTERIA DI ANNA- e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le ricette.

Puoi segurimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

 

Pane, pane e lievitati

Informazioni su Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Precedente Muffin con cuore di crema alla gianduia (con impasto furbo di Luisa Orizio) Successivo Merluzzo in umido con patate e pomodorini

Lascia un commento