Crea sito

Farfalle fatte in casa con pomodorini e cipolla di Tropea

Farfalle fatte in casa con pomodorini e cipolla di Tropea

Ciao!

Oggi vi presento un primo piatto fatto in casa, semplice e gustoso “le farfalle fatte in casa con pomodorini e cipolla di Tropea”.

Magari pensate che fare la pasta fresca in casa sia difficile e complicato, ma non è così se si seguono delle semplici regole. Innanzitutto per decidere la quantità di pasta da preparare basta associare ad ogni persona 1 uovo e 100 g di farina. Quindi se dobbiamo preparare la pasta per 4 persone, utilizzeremo 4 uova e 400 g di farina. Poi si mescolano gli ingredienti e si impasta per almeno 10 minuti. Altro segreto: più si impasta e più otterremo un impasto liscio ed omogeneo. Alla fine basta stendere l’impasto con un mattarello e decidere la forma da dare alla nostra pasta. Meglio ottenere uno spessore sottile della sfoglia, così la pasta si cuocerà meglio, anche nei punti di giuntura.

Se non si vuole fare una pasta ripiena, perché magari non abbiamo troppo tempo e neanche tanti ingredienti per la preparazione, potete fare come me e scegliere di creare delle semplici farfalle. Alla fine ho condito il tutto con un sugo semplicissimo a base di cipolla di Tropea e pomodorini datterini in conserva. Potete anche utilizzare del pomodoro fresco, l’importante è che siano ingredienti di qualità. Io sono sempre dell’idea che anche in cucina è sempre preferibile utilizzare “pochi ingredienti ma buoni”.

ingredienti per 3 persone:

  • 3 uova
  • 300 g di farina
  • 1 cipollotto di Tropea
  • 1 vasetto di pomodorini datterini
  • olio extra vergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

procedimento

Pasta fatta in casa

Prima di tutto fare la sfoglia della pasta mettendo a fontana la farina su una spianatoia di legno e inserire al centro le uova intere.Con l’aiuto di una forchetta sbattere delicatamente le uova e man mano miscelare anche la farina un po’ alla volta. Il mio consiglio è di non versare direttamente tutta la farina nell’impasto, ma di lasciarne un po’ da parte perché l’assorbimento della farina dipende dalla grandezza delle uova utilizzate. Se poi l’impasto dovesse risultare ancora morbido, andremmo ad aggiungere dell’altra farina. Continuare ad impastare bene l’impasto con le mani e a lavorare bene il tutto per almeno 10-15 minuti, fino ad ottenere una pasta elastica, liscia ed omogeneo che non si attaccherà più al piano di lavoro.

Lasciar riposare la pasta e poi stesura dell’impasto

Lasciar riposare l’impasto per almeno 10 minuti in un contenitore chiuso o avvolgendolo con della pellicola trasparente da cucina.

Stendere la pasta con il mattarello

Trascorso tale tempo riprendere l’impasto e con l’aiuto di un mattarello stenderlo fino ad ottenere uno spessore di circa 1 mm.

Formazione delle farfalline con l’impasto della pasta

Con una rotellina tagliare delle strisce di pasta con uno spessore di circa 1,5 cm e poi ritagliare dei rettangoli lunghi circa 3-4 cm. Con le dita pizzicare al centro i rettangoli di pasta ottenuti per formare la tipica forma delle farfalle di pasta.

Farfalle fatte in casa

Disporre le farfalle su vassoi o teglie ricoperte con strofinacci puliti e nel frattempo preparare il condimento della pasta.

Preparazione del sugo di condimento

Prendere il cipollotto di Tropea e tagliarlo a fettine sottili. Far appassire lentamente il cipollotto con un filo d’olio evo in una padella e infine aggiungere i pomodorini e salare il tutto.

Cottura delle farfalle

Cuocere il sugo per circa 10 minuti. Nel frattempo cuocere anche le farfalle in abbondante acqua bollente salata per circa 5-10 minuti.

Preparazione del piatto

A cottura terminata, versare le farfalle nel condimento preparato e servire il piatto.

Farfalle fatte in casa con pomodorini datterini e cipolla di Tropea

Buon appetito!

Anna

Seguitemi anche su facebook – L’OSTERIA DI ANNA

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.