Cake è…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cake è…condivisione.

La voglia di condividere sapori, parole e ricette di qualsiasi parte del mondo…

Ho deciso di partecipare al contest “Cake è”  per due motivi: perché mi piace fare dolci ( e provare nuove ricette), e per la profonda stima che nutro per Rossella. Rossella è una ragazza mai banale e piena di energia e creatività che paragono un po’ al Re Mida: tutto quello di cui si occupa, dal lavoro alle sue passioni, è svolto con la massima cura e bravura, e i suoi successi sono sempre tanti. Lei ha proposto il contest, e aspettando che rinfrescasse un po’ (col caldo non riesco a mettere nulla in forno!!!), ho deciso che fosse proprio il caso di partecipare.

Non nascondo, poi, che sono stata incuriosita dalla torta oggetto del contest per la sua storia, troppo carina e particolare.

Di origini arabe, fa parte di un libro di ricette di dolci recentemente pubblicato dal titolo “Cake. La cultura del dessert tra tradizione Araba e Occidente” in vendita su Postcart. Questo libro è una raccolta di ricette provenienti da un quadernino acquistato circa un anno fa a un mercatino delle pulci a Londra a 50 pence da una ragazza italiana, Manuela. Ricette scritte in arabo e francese presumibilmente da una donna libanese negli anni ’60 o ’70.

Il ricavato della vendita del libro andrà in beneficenza a una cooperativa di donne con l’obiettivo di creare posti di lavoro per le donne palestinesi.

Si può partecipare personalizzando la propria cake; io l’ho fatto utilizzando ingredienti per intolleranti al lattosio e aggiungendo la cannella.

E allora…buona cake a tutti!!!

seconda foto

 

 

 

 

 

 

 

 

Ingredienti

6 uova, sale q.b., 200 gr di margarina vegetale, 1 vasetto di yoghurt alla soia, 200 gr zucchero, 400 gr di farina, cannella q.b., 1 bustina di lievito per dolci, 100 gr di uvetta, 100 gr di nocciole.

Procedimento

Ho iniziato sciogliendo in un pentolino sul fuoco la margarina; poi ho tritato le nocciole senza sminuzzarle troppo. Ho messo l’uvetta in una casseruola con acqua calda per farle ammorbidire. Poi ho acceso il forno a 180° per preriscaldarlo.

Ho utilizzato un robot da cucina per assemblare gli ingredienti. Ho rotto le uova, ho aggiunto un po’ di sale e ho cominciato a frullare. Poi ho aggiunto la margarina insieme allo zucchero, frullando per circa 2 minuti.  A parte ho mescolato la farina con il lievito e ho aggiunto poco alla volta al composto (mettendo 3/4 cucchiai alla volta e frullando); ho aggiunto la cannella  (circa 5 spruzzate) e infine, con l’aiuto di un cucchiaio di legno, ho mescolato uvetta e nocciole. (Seguendo il consiglio di Rossella, dopo aver asciugato per bene l’uvetta, l’ho mescolata con un po’ di farina per evitare che si posasse sul fondo della torta, e in effetti ha funzionato!).

Ho versato il composto in una tortiera da 26 cm di diametro e ho infornato a 180° per 40 minuti (nella ricetta originale il tempo di cottura è di circa 60/70 minuti; io ho un forno particolarmente “potente” e a me sono necessitati solo 40 minuti).

Una volta cotto e lasciato raffreddare, ho cosparso la superficie del dolce con lo zucchero a velo, e…è buonissima!!!

Dedico questa ricetta a tutte le donne, di Oriente e Occidente, che continuano a subire terribili barbarie da parte di uomini senza scrupoli.

terza fotoquarta foto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cake è…

Ti potrebbe interessare anche:

4 pensieri su “Cake è…

  1. Ciao Lorella, ho partecipato anche io e sto spiando tutte le ricette 😉
    Geniale l’idea dell yogurt di soya (lo amo da impazzire oramai mangio quasi solo quello a colazione)
    Complimenti :)
    Buona giornata
    Lou

    • Grazie Lou!!
      Effettivamente lo adoro pure io, lo mangio tutte le mattine come merenda…
      Allora, buona cake e in bocca al lupo!!!

      Ciao,
      Lorella.

I commenti sono chiusi.