Brioscia col tuppo

Lo scorso anno mi sono lasciata scappare la Giornata nazionale della Brioche col tuppo, all’interno del bellissimo progetto del Calendario del Cibo di Aifb.
All’epoca non avevo ancora acquistato la mia planetaria rossa e non me la sono sentita di cimentarmi in questa preparazione.
Io adoro la brioscia col tuppo! Ho avuto la fortuna di assaggiarla, per la prima volta, durante una vacanza in Sicilia parecchi anni fa ed è stato amore al primo assaggio. Trovo l’abitudine del popolo siciliano di consumare la brioscia a colazione insieme alla granita una cosa meravigliosa. Mi sono adeguata alle abitudini indigene nel giro di un giorno. E vogliamo parlare del tè freddo con la granita al limone al posto del cappuccino? Da svenire.
Come si è ben capito durante la vacanza sono stata decisamente bene.
Quest’anno non ho scuse, complici le ferie, la planetaria che si annoia in cucina e la nostra voglia di gelato, mi sono messa all’opera. Per me vacanza è fare quello che più amo, con i miei tempi e senza la frenesia che normalmente ci accompagna durante tutto l’anno.
Il mese di agosto, già da parecchi anni è dedicato alle cose che più mi fanno star bene.
E questo è il risultato, una golosa merenda in compagnia.

Ho seguito la ricetta che Alessandra lo scorso anno aveva raccontato nel suo bellissimo articolo sul sito di Aifb.

Brioscia col tuppo

Brioscia col tuppo

Ingredienti
375 g di farina forte
125 g di farina 00
75 g di zucchero
100 g di burro
5 g di sale
6,5 g di lievito di birra
220 ml di latte intero
10 g di miele
2 uova grandi
I semi di 1/2 stecca di vaniglia

Preparazione
Setacciate le due farine insieme.
Portate quasi a bollore 150 ml di latte a cui avete aggiunto i semi di vaniglia. Lasciate raffreddare e scioglietevi quattro grammi di lievito.
Mettete in una ciotola 75 g di farina, presa dal totale setacciato, e mescolatela con il composto liquido che avete appena preparato. Coprite con la pellicola trasparente e riponete in frigorifero otto ore. Questa operazione conviene farla al mattino e lasciare in frigorifero il lievitino fino a sera.
Mettete la farina rimasta nella ciotola della planetaria, aggiungete il lievitino e iniziate a impastare con la foglia. Versate il latte, in cui avete sciolto il miele, il lievito rimasto e le uova, una alla volta, aspettando che la prima sia completamente assorbita prima di inserire la successiva. Aggiungete quindi il sale e lo zucchero e lasciate lavorare per alcuni minuti.
Appena il composto è omogeneo aggiungete 75 g burro freddo a pezzetti e i restanti 30 g fusi ma freddi.
Impastate bene, inserite il gancio e lasciate andare la macchina per venti minuti, fino a completa incordatura.
Coprite con la pellicola e lasciate puntare a temperatura ambiente per 40 minuti, quindi riponete in frigorifero per tutta la notte.
Al mattino riprendete l’impasto e lasciatelo a temperatura ambiente per circa un’ora.
Stendete l’impasto sul tagliere e fate la prima piega. Lasciate riposare per trenta minuti.
Dividete l’impasto in piccoli pezzi da 75 g per le brioche e 15 g per il tuppo.
Prendete le palline più grandi e procedete con la piegatura, schiacciate leggermente la pallina e riportate i bordi all’interno, tirando leggermente verso l’esterno per poi chiuderlo al centro.
Procedete in questo modo per tutte le palline da 75 g.
Prendete ora la prima pallina, sgonfiatela leggermente dando una forma rettangolare arrotolatela, partendo dall’alto verso il basso, formando un filoncino. Girate il filoncino di 90°, e ripetete l’operazione precedente. Piegate le estremità del filoncino verso il basso ottenendo una pallina imperfetta. Tirate la superficie superiore sotto e formate la pallina.
Con lo stesso metodo formate le palline più piccole che serviranno per il tuppo.
Schiacciate con le dita la parte superiore delle palline formando un buco, allargatelo delicatamente e appoggiate la pallina più piccola.
Sistemate le brioche col tuppo sulla placca rivestita da carta forno e spennellate la superficie con il tuorlo d’uovo leggermente diluito con un pochino di latte.
Lasciate lievitare le brioche a temperatura ambiente fino al raddoppio. Ci vorrà più o meno un’ora, dipende dalla temperatura.
Spennellate di nuovo la superficie con la miscela di tuorlo e latte e cuocete in forno caldo a 180° per circa 20 minuti, fino a completa doratura.
Lasciate raffreddare le brioche col tuppo su una griglia, quindi tagliatele e farcitele con il gelato che preferite.

Io ho messo un buonissimo gelato alla Nocciola igp del Piemonte.

Precedente Ghiacciolo alla menta e lime Successivo Chips di patate

Lascia un commento