Il risolatte alla vaniglia è un dessert della tradizione, una merenda antica e genuina, ma anche questa volta rivisitata in chiave vegan. Questo dessert è semplicissimo da preparare: il riso viene bollito nel latte di soia alla vaniglia, con un po’ di zucchero, una cottura molto lenta darà a questo dolce una cremosità e una dolcezza irresistibili!

Ti possono interessare:

Vediamo come preparare il risolatte alla vaniglia!

Risolatte alla vaniglia

Risolatte alla Vaniglia

Ingredienti

600 ml latte di soia alla vaniglia*

400 ml latte di soia

80 gr di zucchero di canna

150 gr di riso

Preparazione

Risolatte alla vanigliaUnite il latte di soia alla vaniglia con il latte normale, aggiungete lo zucchero e mettete in una pentola. Portate a ebollizione con la fiamma bassissima.

Aggiungete il riso e fate cuocere 25- 30 minuti, fino a quando diventa bello cremoso. Fate raffreddare e conservate in frigo. Servite in piccole porzioni con una spruzzatina di cannella in polvere.

Il risolatte alla vaniglia si conserva per qualche giorno se tenuto al fresco…anche se non credo che riuscirete a conservarlo!

*Nota: se non avete il latte di soia alla vaniglia potete usare il latte normale, facendolo bollire con una stecca di vaniglia o con dell’aroma alla vaniglia.

Se questa ricetta ti è piaciuta seguimi anche sulla pagina facebook Le Ricette di Berry, con tante idee e consigli per la tua cucina sostenibile.

8 comments on “Risolatte alla Vaniglia – Vegan”

  1. Ho letto la ricetta e volevo farti qualche domanda: Il riso non resta troppo al dente con soli 25-30 minuti? La fiamma deve rimanere al minimo? Da 1 a 6 qual è secondo te la fiamma ottimale? Posso ridurre le dosi a metà?
    Grazie!

    • Ciao! Allora ecco qualche risposta 😉 io ho usato un riso che cuoce molto velocemente, quindi valuta anche rispetto a quello che usi tu: non deve restare al dente, ma nemmeno spappolarsi completamente. Se dopo 30 minuti lo trovi troppo al dente lascia cuocere altri 10 minuti, eventualmente aggiungendo un altro po’ di latte di soia. Poi un po’ dipende anche dal tuo gusto, a me piace che si veda ancora il riso, mentre altri preferiscono una specie di pappetta :). La fiamma è meglio se resta molto bassa, per evitare che il riso si attacchi o che si bruci il latte, io userei 2 o massimo 3. Infine certo che puoi dividere le dosi a metà! A presto!

  2. Ciao, posso chiederti se si può sostituire il latte di soia con quello di riso? Grazie e colgo l’occasione per farti i complimenti per il tuo blog. Ricette semplici proprio come piace a me, e risultati grandi! Grazie per la passione con cui curi questo blog.

Comments are closed.