Il plumcake variegato è stato un esperimento…molto riuscito! Già dalla prima volta che l’ho preparato ha scalato le classifiche, diventando la mia “torta da colazione” preferita (vabbè, anche la ciambella al caffè continua a restare in vetta 🙂 ). Morbido, profumato e gustoso, perfetto per essere inzuppato e anche allegro grazie alla variegatura vaniglia/cacao.

In queste cose sono un po’ bambina, un semplice plumcake doppio-colore mi fa iniziare bene la giornata…non siete d’accordo?

In più questo plum cale è facile da preparare, abbastanza veloce nell’impasto e come sempre vegan, senza burro-latte-uova. Vediamo subito come preparare il plumcake variegato vaniglia e cioccolato.

Plumcake Variegato Vaniglia e Cioccolato

Plumcake Variegato Vaniglia e Cioccolato

Ingredienti

  • 300 gr farina
  • 75 gr frumina
  • 300 ml latte di soia
  • 100 ml olio di semi (quello che volete, io girasole spremuto a freddo)*
  • 1 bustina lievito vanigliato per dolci
  • 250 ml zucchero di canna
  • 2 cucchiai cacao amaro
  • aroma alla vaniglia

*non vi consiglio l’olio d’oliva in ogni forma, perchè ha un sapore molto forte, molto più buono a crudo che nei dolci (ma sono gusti eh!!)

Preparazione

Mettete la farina in una ciotola capiente. Aggiungete la frumina, il lievito e lo zucchero di canna.  Poco a poco versate l’olio di semi e il latte, mescolando con un cucchiaio di legno.

Separate l’impasto in due ciotole, mettendo in ciascuna più o meno la stessa quantità di impasto, senza essere troppo precisi. In una delle due ciotole aggiungete l’aroma di vaniglia, nell’altra aggiungete il cacao amaro. Mescolate entrambe per amalgamare.

Prendete il vostro stampo da plumcake (il mio 27 cm di lunghezza), versate un cucchiaio d’olio e con un tovagliolo di carta ungete bene tutto l’interno. versate 34 cucchiai di impasto al cacao, deve coprire tutto il fondo. Poi aggiungete 3-4 cucchiai di quello alla vaniglia, al centro dello stampo. Continuate a aggiungere l’impasto, io in quello in foto ho fatto 5 passaggi ( 3 al cacao e 2 alla vaniglia).

Infornate a 180° per 40 minuti circa, il tempo preciso dipende dal vostro forno, quindi tenete d’occhio il plumcake è quando inizia a scurire fate la prova stecchino (se esce asciutto è pronto). Fate raffreddare prima di toglierlo dallo stampo…e finalmente potete gustare il vostro plumcake variegato vaniglia e cioccolato! Buon appetito!

QUI trovi altri dolci vegan 🙂

Se questa ricetta ti è piaciuta, passa a trovarmi anche sulla pagina facebook Le Ricette di Berry!

Plumcake Variegato Vaniglia e Cioccolato

26 comments on “Plumcake Variegato Vaniglia e Cioccolato Senza Burro e Uova”

  1. Se volessi evitare il lievito, pensi basterebbero un cucchiaino di bicarbonato e un cucchiaio di aceto di mele come nella torta matta?

  2. Salve, è possibile sostituire la farina con quella di farro o integrale e in che modo vanno poi modificate le grammature degli altri ingredienti! Grazie

    • Ciao, con il farro non ho mai provato, con quella integrale invece puoi seguire le stesse dosi indicate nella ricetta! 😉

    • La frumina è l’amido del frumento, la trovi al supermercato nel reparto della farina e delle cose per i dolci 🙂 Se non trovi la frumina puoi sostuituire con la maizena o con la fecola 😉

    • Ciao Ivana, certo puoi usare il bimby, ma non so darti indicazioni precise perchè io non ce l’ho! a presto!

  3. Si può diminuire lo zucchero senza influire sulla consistenza? 250 gr mi sembrano un po’ tanti

    • Si, puoi provare a diminuire un po, comunque devi considerare le proporzioni del plumcake…con 300 gr di farina e 75 di frumina, 250 gr di zucchero di canna sono la giusta misura, meno di 200 gr non metterei 😉

  4. Bello da vedersi e bello soffice! Però non abbastanza dolce per i miei gusti … la prossima volta proverò ad aggiungere zucchero oppure potrei sostituire il latte di soia puro con un latte di soia dolcificato.

  5. Fatta …il sapore è ottimo ma mi è venuta tutta sbriciolata…non ha la consistenza del plumcake! 🙁 Da che dipenderà?

    • Forse si è asciugata troppo durante la cottura, oppure l’hai sformata ancora troppo calda 🙂 la prossima volta prova a diminuire la cottura e a aspettare che si fraffreddi completamente prima di toglierla dallo stampo 😉

  6. L’ho provato, e’ veramente delizioso! Complimenti per le tue ricette così buone, genuine ed invitanti! A presto!

  7. salve, avrei bisogno di sapere se bisogna tritare lo zucchero di canna poiché ha dei granuli non troppo piccoli. grazie
    attendo tue
    saluti
    lorena

  8. Questa plumcake è stato il mio primo dolce vegan, un vero successone, è venuto buonissimo, non me l’aspettavo proprio!
    Ho letto tra i commenti che si può sostituire la farina normale con quella integrale, ma ho un dubbio: il gusto e la cottura rimane intatta? Vorrei provare ma ho paura non venga uguale all’altra 🙂

    • Ciao Elena, si può sostituire, ma non è proprio la stessa cosa: il gusto è ovviamente un po’ diverso, così come la consistenza…per quanto riguarda la cottura devi regolarti un po’ a occhio, ma se fai qualche prova vedrai che non avrai problemi 🙂

  9. Ricetta buonissima e facilissima da fare! Ho usato il latte di cocco invece di quello di soia e non è male anche così 🙂

  10. Ciao ti chiedo se è normale che dopo 40 minuti di cottura è rimasta un po’ pacioccosa almeno verso il centro di sapore molto buona .il problema del scivolosa o addirittura gnucca l’ho riscontrato in quasi tutte le torte vegan è normale secondo te?grazie 4H8L

    • Ciao, letorte veg hanno in genere una consistenza diversa dalle torte classiche, ma non le definirei gommose…probabilmente devi ancora tararti bene sul tuo forno! 🙂

Comments are closed.